Genere
Azione
Lingua
Italiano
PEGI
7+
Prezzo
€ 60,99
Data di uscita
20/11/2009

LEGO Indiana Jones 2: L'Avventura Continua

LEGO Indiana Jones 2: L'Avventura Continua Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
LucasArts
Sviluppatore
TT Games
Genere
Azione
PEGI
7+
Distributore Italiano
Activision Italia
Data di uscita
20/11/2009
Lingua
Italiano
Giocatori
2
Prezzo
€ 60,99

Lati Positivi

  • Sei nuovi episodi da affrontare
  • Sempre divertenti le scene rifatte dai personaggi LEGO
  • Tutto sommato si lascia ancora giocare...

Lati Negativi

  • ... ma la ripetitività comincia a farsi antipatica
  • Innovazioni non migliorative
  • Manca il supporto online per l'editor di livelli

Hardware

Abbiamo provato la versione Xbox 360 di LEGO Indiana Jones 2: L'Avventura Continua. Il gioco si presenta tecnicamente all'altezza pur senza raggiungere vette di meraviglia audiovisiva. Da segnalare un marcato tearing, attenuabile attivando una funzione nel menu di configurazione.

Multiplayer

Come di consueto, basta un secondo joypad collegato alla console per permettere a un amico di affiancarci durante l'avventura. Tutto nuovo è il sistema che gestisce lo split-screen: i due protagonisti possono separarsi maggiormente, e in questi casi una divisione molto elegante interviene, solitamente in modo obliquo, per suddividere le due aree di gioco. La transizione è naturale e funziona alla perfezione.

Link

Recensione

Indy e i mattoncini: secondo tempo

Traveller's Tales mette in scena il nuovo film... e qualcos'altro!

di Simone Soletta, pubblicato il

ho scoperto un segreto!

E i segreti? Ci sono sempre, è ovvio, ma anche qui i cambiamenti apportati sembrano del tutto peggiorativi rispetto alla "storia" dei giochi LEGO. Nei titoli precedenti, un lavoro certosino di level design spingeva il giocatore ad affrontare nuovamente i livelli con personaggi diversi, consapevole del fatto che - per esempio - Darth Vader poteva avere accesso a zone particolari, precluse agli altri personaggi. Sebbene la possibilità di reinterpretare i livelli non sia negata nemmeno in LEGO Indiana Jones 2: L'Avventura Continua, è evidente che la maggior parte dei segreti e dei bonus siano nascosti negli hub. È un peccato, perché era proprio attraverso il level design che nei titoli precedenti il giocatore si sentiva spinto a riprendere il gioco in mano per esplorare ulteriormente i livelli che già aveva affrontato. Tornare in queste ampie zone alla ricerca di qualche mattoncino colorato, o risolvere alcuni livelli-bonus pieni di puzzle, bé, non dà la stessa sensazione.

costruttore di livelli

Tra le novità introdotte in questo nuovo capitolo della serie LEGO troviamo un editor di livelli abbastanza intrigante: grazie a un tutorial davvero ben realizzato, si prende confidenza con il sistema e in pochi istanti si cominciano a disporre qui e là i tantissimi oggetti LEGO che gli sviluppatori hanno messo a nostra disposizione. Non si tratta solo di esercizi di estetica, perché è possibile impreziosire i livelli personalizzati anche con trappole ed enigmi, anche se a lungo andare anche questo editor perde un po' del suo appeal, soprattutto perché manca di una componente sociale che avrebbe potuto spingerlo oltre i confini della nostra console. Non è possibile condividere con altri i livelli creati, né scaricare da Internet quanto realizzato da altri giocatori, e questo è un limite davvero incomprensibile in un contesto come quello attuale, in cui interi giochi (LittleBigPlanet anyone?) basano molte delle loro fortune proprio sulla creatività degli utenti e sulla loro voglia di socializzazione. L'unico modo per condividere un livello in LEGO Indiana Jones 2 - L'Avventura Continua è invitare qualcuno a casa e convincerlo che il gioco di calcio del momento, per una volta, può aspettare. Difficile.

filosofia tradita?

Quello che più lascia perplessi dopo aver terminato LEGO Indiana Jones 2 - L'Avventura Continua è la sensazione che ormai le azioni legate ai mattoncini stessi siano passate in secondo piano. Non ci sorprende, per esempio, che le missioni dedicate ai primi tre film di Indiana Jones affrontino scene di contorno, o che il team di sviluppo abbia inventato di sana pianta dei boss per concludere certi episodi: sono scelte che ci stanno, ragionando in termini di giocabilità e varietà narrativa, anche se non si possono certo dire filologicamente corrette. Quello che dispiace è, appunto, l'integrazione tutto sommato forzata tra gli oggetti costruiti con i LEGO e il resto del gioco, quasi che per il team di sviluppo sia diventato fastidioso (o troppo complesso) dover inventare nuove idee per integrare i mattoncini nel design dei livelli.
Di fatto, LEGO Indiana Jones 2 - L'Avventura Continua offrirebbe sostanzialmente la stessa esperienza di gioco anche se i LEGO non ci fossero del tutto. I mezzi e i personaggi sono fatti di LEGO? È solo una scelta estetica, niente di più, e in questo senso la necessità di dover "costruire" una ruota per poter utilizzare una jeep - in quei pochi casi in cui viene richiesto - sembra paradossalmente una forzatura. Se l'enigma è "trova la chiave, tira la leva", che differenza fa se la chiave e la leva sono fatti di LEGO? Ben altre erano le esperienze che offrivano, per esempio, i primi due LEGO Star Wars, titoli in cui le costruzioni erano protagoniste e non un accessorio da mettere per forza per giustificare il marchio sulla confezione del gioco.
Pur apprezzando il quantitativo di "materiale" che LEGO Indiana Jones 2 - L'Avventura Continua offre (sei episodi, tantissimi segreti, nuove aree da esplorare), non possiamo tacere la sensazione che questo genere di giochi sia giunto di fronte a un bivio, e che Traveller's Tales si trovi di fronte a scelte molto complicate. Il filone, in tutta franchezza, ci sembra ormai prosciugato, e sarà necessario riprendere il discorso dalle migliori idee proposte nei vari giochi fin qui pubblicati per affrontare l'immancabile nuovo episodio della serie.

Voto 3 stelle su 5
Voto dei lettori
Quello proposto da Traveller's Tales è un gioco che segue in modo abbastanza fedele le dinamiche di giocabilità già ben delineate dai titoli precedenti. C'è qualche novità dedicata alle "mosse" di Indiana Jones e agli enigmi risolvibili con la frusta, ma in generale non si tratta di variazioni particolarmente eclatanti per gli esperti di questo particolare genere. Le innovazioni a livello di struttura, invece, sono più marcate e sebbene sia apprezzabile l'intenzione - riuscita - di rendere più interessanti le zone "di partenza" per i singoli livelli, è indubbio che l'approccio libero su cui sono costruite rende lo scorrere dell'esperienza di gioco più confusionaria e meno fluida. Al di là di questo, va sicuramente sottolineata la ricchezza del "pacchetto", che tra missioni, livelli bonus, segreti, personaggi e mezzi da scoprire promette una durata davvero sopra la media, almeno per chi avrà la pretesa di avvicinarsi al 100% di completamento. Dal canto nostro, pur continuando ad apprezzare la fresca ironia delle scenette di intermezzo e l'idea alla base di questo tipo di giochi, speriamo che i prossimi titoli in questa fortunata saga sapranno offrire qualche innovazione in più e ritornare a una migliore integrazione tra gli elementi da costruire e il gioco vero e proprio.

Commenti

  1. utente_deiscritto_30839

     
    #1
    da prendere appena finisco ratchet & clank!
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!