Genere
Party Game
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
29,90 Euro
Data di uscita
20/12/2003

L'Eredità

L'Eredità Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
LAGO
Sviluppatore
Milestone
Genere
Party Game
Distributore Italiano
Leader
Data di uscita
20/12/2003
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
7
Prezzo
29,90 Euro

Lati Positivi

  • Fedele allo show televisivo
  • Moltissime domande
  • Facile da giocare

Lati Negativi

  • Noioso per un solo giocatore

Hardware

I requisiti minimi per giocare sono piuttosto modesti: un PC dotato di sistema operativo Windows XP/98/ME/2000 con Direct X 8.1 o superiori, un processore Pentium III a 350mhz, 64MB di Ram, una scheda sonora compatibile Direct X 8.1 e una scheda video con almeno 16MB, nonché un mouse e un lettore CD Rom ad almeno 16X. Necessari 600MB di spazio su hard disk.

Multiplayer

Fino a sette giocatori potranno sfidarsi in L'Eredità.

Link

Recensione

L'Eredità

Avete venti secondi per darmi la risposta: qual è quel quiz televisivo di grande successo trasmesso su Rai Uno in cui sette partecipanti si affrontano in una sfida all'ultima domanda? Dai, quello condotto da un noto dee-jay di nome Amadeus e che ora è anche disponibile per i vostri personal computer. Come dite? "L'Eredità"? E' la vostra risposta definitiva?

di Stefano Castelli, pubblicato il

Non sembra scemare la mania dei quiz televisivi che negli ultimi anni ha travolto i canali delle nostre TV: tutto iniziò con il fatidico Chi Vuole Essere Miliardario? (con l'avvento dell'Euro si parla di un milione, ormai... meglio ancora!) ed ora numerosi altri programmi intrattengono milioni di italiani con le loro raffiche di domande. In particolare, L'Eredità è uno dei più riusciti e amati telequiz che si aggirano nell'etere italiana: osserviamo insieme la sua controparte elettronica, da qualche giorno disponibile per Personal Computer.

L'EREDITA' DI AMADEUS

L'Eredità è fondamentalmente un quiz-game cui partecipano sette concorrenti: può essere giocato contro avversari computerizzati oppure insieme ad amici (per un massimo, per l'appunto, di sette partecipanti). Delle chiare schermate consentono innanzitutto di impostare i parametri del gioco scegliendo il livello di difficoltà delle domande (tra i tre disponibili) ed il tempo disponibile per ciascuna risposta. Prima di giocare ciascun partecipante dovrà poi creare un proprio "profilo", semplicemente indicando il proprio nome, il sesso e scegliendo uno dei ritratti disponibili. I giocatori più smaliziati potranno includere nel gioco tre proprie foto (una per ciascuno stato d'animo: felice, triste e neutro) tramite una semplice operazione, ben descritta nel completo manuale in dotazione. Quando sarà tutto pronto avrà inizio la sfida vera e propria: i posti lasciati liberi dai giocatori saranno occupati da partecipanti virtuali creati dal computer, per raggiungere così la quota di sette concorrenti.
La partita è suddivisa in sette sezioni che si basano su un regolamento comune: a rotazione (secondo una disposizione a senso orario) vengono poste domande ai vari giocatori. Quando un partecipante sbaglia due risposte la fase corrente termina e si passa a quella successiva: prima però avverà una fase di "eliminazione" in cui il partecipante che ha sbagliato deve scegliere uno dei suoi avversari e sfidarlo rivolgendogli una domanda. In caso lo sfidato risponda correttamente potrà rimanere a giocare, sentenziando così l'eliminazione dell'altro: altrimenti, in caso di risposta errata, sarà proprio lo sfidato a lasciare la partita. In ogni caso, il giocatore che viene eliminato lascia la sua parte di eredità all'avversario. Analizziamo ora in dettaglio le sette fasi di gioco de L'Eredità.

I MAGNIFICI SETTE

La prima fase di gioco si intitola "Fuori il Primo" ed è forse la più classica: a ciascun giocatore viene posta una domanda seguita da tre risposte possibili e bisogna selezionare rapidamente quella esatta (o presunta tale). A seguire abbiamo la rapida manche di "Vero o Falso": ai giocatori vengono presentate delle affermazioni e loro debbono decidere se sono vere o false. La terza fase di gioco, denominata "La Patata Bollente" è una delle più divertenti: al concorrente sono infatti presentate innanzitutto le tre possibili risposte (come nella primissima sezione del gioco), senza però rendere nota la domanda. Il giocatore potrà scegliere di rispondere, ottenendo così accesso alla domanda per intero, oppure "passare" la domanda ad un altro partecipante a sua scelta, che sarà obbligato a rispondere: in questo secondo caso se il giocatore "ricevente" dovesse rispondere correttamente verrà assegnato un errore a chi gli ha passato la domanda.
Si arriva poi alla quarta fase (oramai il numero di concorrenti è sceso a quattro), chiamata "Lei o L'altra": una volta posta la domanda vengono presentate al concorrente due possibili risposte, delle quali però solamente una visibile. Bisognerà così scegliere se scartare quella "nota" in favore dell'altra. I tre concorrenti sopravvissuti a questa manche si sfidano quindi con "La Scossa", l'unica fase di gioco che permette un solo errore anziché due. Si tratta di una sorta di quiz "al contrario": vengono fornite una domanda e dieci possibili risposte, di cui una sola giusta. I giocatori dovranno scegliere le risposte evitando di indicare quella esatta: chi dovesse sceglierla subirà la "scossa" e andrà in fase di Eliminazione. La coppia di giocatori rimasti duellerà in "L'Ultima Sfida", un tipico testa a testa in cui vince il partecipante per primo risponde correttamente a cinque domande.
Il giocatore rimasto sarà sottoposto alla manche finale, che ricorda molto da vicino una classica partita di "Chi Vuol Essere Milionario": vengono poste sette domande e per ciascuna di essere sono proposte cinque possibili risposte. Le prime cinque domande ammettono due tentativi, mentre le ultime due sono a risposta secca. Rispondendo correttamente alle sette domande il giocatore potrà ricevere l'ambito premio di trecentomila euro: in caso di troppi errori però entrerebbe in gioco il secondo classificato, che con un colpo di coda (e rispondendo ad una domanda) potrebbe "soffiare" il titolo di "Campione" al suo avversario.

COME IN TV

L'Eredità è un quiz-game confezionato estremamente bene: gli sviluppatori di Milestone hanno donato al gioco un aspetto chiaro e snello, ma allo stesso tempo non spartano. La fedeltà allo show televisivo è molto alta, specialmente per quanto riguarda l'interfaccia. Probabilmente un maggior lavoro avrebbe dovuto essere rivolto all'animazione dei volti dei partecipanti (decisamente troppo statici) e alla qualità dei filmati di intermezzo, ma si tratta di aspetti chiaramente marginali. L'audio è di buona qualità, con la voce di Amadeus che scandisce chiaramente ogni fase di gioco e le musiche del format televisivo che accompagnano la sfida senza essere troppo invadenti.
Forse la sua più grande limitazione è quella di dover rimanere necessariamente fedele allo show televisivo, limitando così le possibili modalità di gioco e le opzioni: non è infatti possibile modificare la struttura della partita, rimanendo così legati alla sequenza di eventi tipica delle puntate viste in TV. Molto lodevole la possibilità di velocizzare le partite saltando filmati e dialoghi, che rende il gioco molto più fluido e adatto ad una partitina veloce.
Parlare della longevità in un titolo simile è molto relativo: la sua vita nell'ottica di un utilizzo "in solitario" è decisamente breve e di scarsa attrattiva. Al contrario, con l'aumentare dei partecipanti cresce la voglia di confrontarsi e le partite si susseguiranno rapidamente. Il buon numero di differenti domande incluse nel gioco garantisce una grande varietà delle partite, senza timore che gli stessi quesiti siano ripetuti di frequente. La selezione stessa delle domande è di alta qualità: si passa da quesiti "scolastici" (storia, letteratura, geografia, matematica) a temi di attualità, spaziando anche su domande a trabocchetto, detti proverbiali e citazioni musicali o cinematografiche.
In definitiva, una valida trasposizione di un buon quiz-game: i fan dello show televisivo e i patiti dei board-game faranno bene a prenderlo in debita considerazione, anche considerando l'interessante fascia di prezzo in cui L'Eredità è proposto.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Visto sotto l'ottica del party-game, cioè del titolo capace di focalizzare l'attenzione degli amici e riempire così una serata in allegria, L'Eredità può essere promosso a pieni voti. Il gioco propone simpatiche varianti sul classico tema del quiz, creando una gradevole sfida tra i partecipanti. Ottime la facilità d'uso e l'interfaccia elegante e chiara. Insomma, tutti gli amanti dei quiz o dei giochi da tavolo troveranno in L'Eredità un buon motivo per raccogliersi in compagnia davanti al monitor del PC.