Genere
Sparatutto
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
12+
Prezzo
Allegato a Wii Zapper per 29,90 Euro
Data di uscita
7/12/2007

Link's Crossbow Training

Link's Crossbow Training Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Nintendo
Sviluppatore
Nintendo
Genere
Sparatutto
PEGI
12+
Distributore Italiano
Nintendo Italia
Data di uscita
7/12/2007
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
4
Prezzo
Allegato a Wii Zapper per 29,90 Euro
Formato Audio
Stereo

Link

Notizia

Sequel sfumato per Link's Crossbow

Il tiro a segno di Link nei progetti di Eiji Anouma.

di Francesco Destri, pubblicato il

In una recente intervista a Games Magazine il "papà" di Legend of Zelda Eiji Anouma ha ammesso che, prima di iniziare la lavorazione del recentissimo The Legend of Zelda: Spirit Tracks, il suo progetto era in realtà quello di dare un seguito a Link’s Crossbow Training, il tiro a segno zeldiano del 2007 per Wii che secondo Anouma avrebbe meritato un sequel molto più sviluppato sul versante multiplayer.

Nintendo, forse per i modesti risultati di quel gioco, non ha però voluto investire soldi e tempo nel progetto, insistendo perchè Anouma lavorasse invece al nuovo episodio di The Legend of Zelda; non è detto però che in futuro un ipotetico Link’s Crossbow Training 2 possa vedere la luce, anche se il probabile annuncio di un nuovo capitolo di Zelda atteso per il 2010 rende questa ipotesi molto remota.




Commenti

  1. Tristan

     
    #1
    "forse per i modesti risultati di quel gioco"

    sarà che nintendo ormai è abituata a vendere ben di più, ma LCT ha venduto più di 4 milioni di copie in tutto il mondo.. non mi paio così modesti visto tra l'altro che non deve essergli costato praticamente nulla svilupparlo...
  2. checco

     
    #2
    sulle vendite niente da dire...il mio commento era più dettato dai "risultati" veri e proprio del gioco, decisamente modesti a mio parere (e non solo mio) :)
  3. leonardo.ferri

     
    #3
    Più che il "papà", Anouma è il "patrigno" di Zelda.
    E comunque credo che non molti sentiranno la mancanza di un seguito di questo gioco, a meno che non fosse moooooolto diverso.
  4. Stefano Castelli

     
    #4
     Tristan ha scritto:
    "forse per i modesti risultati di quel gioco"
    sarà che nintendo ormai è abituata a vendere ben di più, ma LCT ha venduto più di 4 milioni di copie in tutto il mondo.. non mi paio così modesti visto tra l'altro che non deve essergli costato praticamente nulla svilupparlo...
     
    Ok, ma secondo me le vendite vanno anche contestualizzate. Vendeva per l'add-on, secondo me, più che per il "gioco" vero e proprio.
  5. utente_deiscritto_30839

     
    #5
    Stefano Castelli ha scritto:
    Ok, ma secondo me le vendite vanno anche contestualizzate. Vendeva per l'add-on, secondo me, più che per il "gioco" vero e proprio.
     che ora si trova con il nuovo resident evil,decisamente un'altra cosa...
  6. Andrea_23

     
    #6
    insistendo perchè Anouma lavorasse invece al nuovo episodio di The Legend of Zelda


    Argh peccato x°°D.
  7. Tristan

     
    #7
    checco ha scritto:
    sulle vendite niente da dire...il mio commento era più dettato dai "risultati" veri e proprio del gioco, decisamente modesti a mio parere (e non solo mio) :)
     Se intendiamo qualitativamente non sono proprio d'accodo ^^
    Era una demo con un motore grafico riciclato  e ok, nulla da dire fin quì. Ma il gameplay delle fasi "avventurose" se sviluppato in un gioco serio e completo (magari affidato ai retro o NST dato che stanno a contar soldi a quanto pare XD) anche dal lato multiplayer sarebbe potuto uscirne un bel prodotto e soprattutto di un genere (fps online) che su wii non è che spopoli. Poi se è per dare precendenza a zelda wii niente da dire, ma di team di sviluppo N ne ha ed imho è un peccato non sviluppare per bene quell'idea, magari creando pure un nuovo ip staccato da zelda.
  8. Stefano Castelli

     
    #8
    Tristan ha scritto:
    Se intendiamo qualitativamente non sono proprio d'accodo ^^

    Strano! C'è scritto "Wii! sopra...

    Era una demo con un motore grafico riciclato  e ok, nulla da dire fin quì. Ma il gameplay delle fasi "avventurose" se sviluppato in un gioco serio e completo
     Appunto... "se". Così com'è stato pubblicato (cioè, nel mondo reale), LCBT è scrausetto anche come "demo".
  9. Tristan

     
    #9
    Stefano Castelli ha scritto:
    Ok, ma secondo me le vendite vanno anche contestualizzate. Vendeva per l'add-on, secondo me, più che per il "gioco" vero e proprio.
     Sicuro, e inoltre in usa veniva venduto a 20$ gioco+zapper quindi era anche un ottimo prezzo.
    Però potevano tranquillamente rischiare con un sequel/gioco completo: avevano alle spalle un prequel/demo che aveva avuto un ottimo successo, l'ambientazione di zelda comunque non proprio sconosciuta e potevano venderlo in bundle nuovamente con la zapper (o col wii speak puntando al'online) dato che i giochi venduti con accrocchi vari piacciono un sacco a quanto pare.
    E' N che non ha avuto le palle di rischiare a sto giro ed è ancora più vergognoso visto che se lo possono tranquillamente permettere di "rischiare". Bah.
  10. Tristan

     
    #10
    Stefano Castelli ha scritto:
    Appunto... "se". Così com'è stato pubblicato (cioè, nel mondo reale), LCBT è scrausetto anche come "demo".
        Ma infatti io lodato l'idea di una sola delle modalità del gioco (intendiamoci, le parti di tiro al bersaglio puro non hanno entusiasmato neanche me) l'ho pure detto che è una tech demo con motore grafico riciclato, rimpiango il fatto che sia rimasta a mera tech demo  ;)

    Strano! C'è scritto "Wii! sopra...
      ti ringrazio, visto e considerato che è due anni che il mio goty è un gioco per 360 stavo inziando a preoccuparmi :D  fede nintendara ancora intatta! :cool:
Continua sul forum (12)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!