Genere
Piattaforme
Lingua
Tutto in italiano
PEGI
7+
Prezzo
€ 69,90
Data di uscita
5/11/2008

LittleBigPlanet

LittleBigPlanet Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sony Computer Entertainment
Sviluppatore
Media Molecule
Genere
Piattaforme
PEGI
7+
Distributore Italiano
Sony Computer Entertainment Italia
Data di uscita
5/11/2008
Data di uscita americana
27/10/2008
Data di uscita giapponese
30/10/2008
Lingua
Tutto in italiano
Giocatori
4
Prezzo
€ 69,90
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Hardware

LittleBigPlanet è in arrivo a ottobre 2008 esclusivamente su PlayStation 3. Per giocare saranno necessari uno o più pad (secondo il numero dei giocatori) e una connessione a banda larga con account PlayStation Network per accedere alle molteplici possibilità online.

Multiplayer

Pur fruibile completamente da soli, LittleBigPlanet è un'esperienza intrinsecamente aperta e votata alla condivisione, al gioco - competitivo e cooperativo allo stesso tempo - insieme ad altri amici, sia sulla stessa console, sia online. Il fronte Internet, via PlayStation Network, si annuncia in generale ricchissimo e prossimo ad accogliere una potenzialmente floridissima community di giocatori dediti a condividere l'esperienza di LittleBigPlanet andando a creare, fra l'altro infinite variazioni ed nuove espressioni in termini di livelli di gioco.

Link

Hands On

[E3 2008] La magia di Media Molecule

Il piacere di provare il "piccolo grande mondo" di Sony.

di Matteo Camisasca, pubblicato il

Già il punto di vista platform sul gioco va a pizzicare altre corde che stanno sotto il cappello di definizioni come "creazione", "modifica", "interazione" e "condivisione", concetti che poi esplodono in vere e proprie sezioni / modalità che vanno a determinare la vasta e variegata offerta di LittleBigPlanet. Ma restiamo ancora un attimo a guardare il gioco come se fosse un platform: in ogni momento possiamo fotografare il livello di gioco e con le istantanee creare adesivi da appiccicare un po' ovunque per personalizzare l'ambiente; altresì adesivi di ogni forma, fantasia e colore sono già disponibili all'interno del gioco stesso. Ebbene questo tipo di attività è stata ripresa anche nelle dinamiche dei momenti platform, per cui ci ritroviamo a sbloccare un certo meccanismo, andando ad appiccicare un adesivo al posto giusto. Di contro poi, le sfere che raccogliamo lungo il livello, non ci danno solo punteggio, ma in molti casi regalano nuovi oggetti, forme, adesivi e personalizzazioni per rendere unico il nostro alter-ego o il mondo di gioco.

LO SPIRITO CREATIVO

Creare, in LittleBigPlanet, non è solo questione di personalizzare un livello già realizzato per noi, ma è anche realizzarne uno, dieci, cento, mille, ex-novo, col solo limite dettato dalla nostra fantasia e dal nostro impegno. All'E3 2008 abbiamo visto Alex Evans, Co-Fondatore di Media Molecule, partire da un livello completamente spoglio, come una tela bianca di un pittore, per andare a realizzare in pochi istanti elementi di ogni tipo attraverso le primitive (cerchi, quadrati, sfere, ecc. già predisposti dagli sviluppatori) o utilizzando qualsiasi elemento (tra l'altro ruotabile, e ingrandibile a piacimento) per "disegnare" intere parti di un livello o di un "meccanismo": si agisce proprio come un pittore, con logica sostanzialmente bidimensionale, ma la resa è poi 3D e subito bella e coloratissima grazie all'infinito catalogo di tinte, materiali e texture che si possono associare liberamente a ogni oggetto. A supporto dello sforzo creativo, abbiamo poi numerosissimi oggetti precostituiti, attorno ai quali possiamo andare a disegnare un nuovo contesto; inoltre, mediante PlayStation Eye, possiamo portare un po' del nostro mondo all'interno del gioco, fotografandolo e trasformando l'istantanea in un adesivo del tutto personale.
Nel creare, non va dimenticato che il mondo di LittleBigPlanet è fisicamente coerente, per cui se realizziamo una ruota in alto, sospesa nel vuoto, una volta definita (con grande semplicità) dimensione forma e colore, quando si concretizzerà nel livello di gioco la vedremo subito cadere e poi rotolare con grande realismo, fino a esaurire la sua corsa laddove sarebbe naturale che finisce la medesima ruota, fatta dello stesso materiale in un contesto reale analogo a quello disegnato a schermo. "Fisica", però, non è solo "gravità" in LittleBigPlanet, ma anche meccanica e cinetica: grazie alla possibilità di applicare agli oggetti proprietà fisiche e specifici "motori" è infatti possibile comporre più che dei livelli in stile platform, dei veri e propri marchingegni, mezzi, "robot", capaci anche di animarsi in modo autonomo. Per chi avesse qualche dubbio sulle capacità o i limiti riguardanti il lato creativo di LittleBigPlanet, basti sapere che tutti i livelli (oltre cinquanta) che troveremo pre-confezionati nel gioco sono identicamente e perfettamente realizzabili con gli strumenti messi a disposizione al giocatore per dar sfogo alla propria vena artistica.

PAROLA D'ORDINE: CONDIVISIONE!

Ultimo elemento fondamentale, ma forse primo in importanza nell'economia di gioco, riguarda la possibilità di condividere pienamente l'esperienza di LittleBigPlanet secondo diverse vie. Condividere è anzitutto cooperare, ovvero giocare insieme, percorrere e risolvere i livelli insieme, aiutandosi con altri giocatori e contemporaneamente competendo nel racimolare quanti più punti (sfere), nuovi oggetti e trofei. Il tutto riguarda gli amici seduti accanto a noi dinanzi alla medesima console e TV o allo stesso modo quelli dall'altra parte del mondo, collegati online via PlayStation Network: riguardo quest'ultimi va segnalata l'ennesima chicca. Si sapeva già che il nostro sackboy o sackgirl può prodursi in una completa mimica gestuale e in una dozzina di diverse espressioni facciali, tutte controllabili via pad, ma non ci aspettavamo davvero che i ragazzi di Media Molecule fossero così amabilmente fuori di testa da implementare un meccanismo di lip-sync pronto a sincronizzare le comunicazioni vocali online di ciascuno giocatore con i movimenti delle labbra del rispettivo avatar!
Dato che giocare è anche creare in LittleBigPlanet, discende naturalmente che condividere l'esperienza di gioco è anche mettersi a personalizzare o creare ex-novo insieme i livelli; condividere è poi mettere a disposizione di tutti - ancora una volta via Internet - le proprie creazioni giungendo dunque all'apoteosi della socializzazione quando si creano, giocano e offrono ad altri giocatori nuovi livelli. Facile immaginare, dunque, che a brevissimo dopo l'uscita il gioco venga sommerso da nuove idee, nuovi "giocattoli virtuali", nuovi livelli, che preludono a una longevità pressoché infinita di questa produzione.

EMOZIONI D'AUTUNNO

Autunno 2008: come ogni anno cadranno, rosse, le foglie dagli alberi, ma germoglierà al contempo una nuova rigogliosa avventura digitale. Abbiamo speso un nuovo fiume di parole per LittleBigPlanet, ma vorremmo solo restasse un concetto, un'idea, ovvero l'incantata emozione che ci ha avvolti - e ancora ci commuove, ripensandoci - giocando in anteprima con la geniale creazione di Media Molecule.


Commenti

  1. evil_

     
    #1
    non ho parole per questa anteprima bellissima, che mi ha trasmesso una gioia difficilmente letta prima. complimenti, la penna è fine assai ;)
  2. sorc3r3r

     
    #2
    Game of the Generation.
    Se Sony sapra' spingerlo...cosa della quale ,ahime', dubito.
    Poco mi importa,comunque,saro' davanti al blockbuster il giorno del lancio sventolando gli euro dovuti ^_^.
  3. evil_

     
    #3
    sorc3r3r ha scritto:
    Game of the Generation.
    Se Sony sapra' spingerlo...cosa della quale ,ahime', dubito.
    Poco mi importa,comunque,saro' davanti al blockbuster il giorno del lancio sventolando gli euro dovuti ^_^.


    postazioni di prova nei grossi centri di elettronica con standiste che spiegano come funziona il gioco, cartonati a profusione, poster, spot TV e cinema, banner e sito con minigioco in flash.
    @camicasca: sai dirci qualcosa sulle versioni DD e boxed? mi interesserebbe sapere se escono lo stesso giorno, perchè di aspettare non esiste proprio e mi butterei su DD senza esitare.
  4. Matteo Camisasca

     
    #4
    evil_ ha scritto:
    non ho parole per questa anteprima bellissima, che mi ha trasmesso una gioia difficilmente letta prima. complimenti, la penna è fine assai ;)
     
    Ti ringrazio
  5. Matteo Camisasca

     
    #5
    evil_ ha scritto:
    @camicasca: sai dirci qualcosa sulle versioni DD e boxed? mi interesserebbe sapere se escono lo stesso giorno, perchè di aspettare non esiste proprio e mi butterei su DD senza esitare.
     Purtroppo su questo singolo punto non ho info
  6. Matteo Camisasca

     
    #6
    sorc3r3r ha scritto:
    Game of the Generation.
    Se Sony sapra' spingerlo...cosa della quale ,ahime', dubito.
    Poco mi importa,comunque,saro' davanti al blockbuster il giorno del lancio sventolando gli euro dovuti ^_^.
     La questione, come accenno nell'articolo, non è Sony o non Sony: oggettivamente il lancio di questo gioco è complicato in qualunque mano fosse.

    L'idea delle standiste che coadiuvano le postazioni negli store è imho buona, basta che siano ben istruite nel mostrare tutti gli aspetti presenti in esso.

    Ovviamente un botto di pubblicità online è benvenuta :)
  7. Bark

     
    #7
    Matteo Camisasca ha scritto:
    La questione, come accenno nell'articolo, non è Sony o non Sony: oggettivamente il lancio di questo gioco è complicato in qualunque mano fosse.

    L'idea delle standiste che coadiuvano le postazioni negli store è imho buona, basta che siano ben istruite nel mostrare tutti gli aspetti presenti in esso.

    Ovviamente un botto di pubblicità online è benvenuta :)


    Io ho letto rumor in giro che parlavano di spazio "limitato" agli utenti per la creazione di nuovi livelli...confermi??
  8. MacLucio

     
    #8
    Complimenti vivissimi per la preview! Davvero "sentita".

    Inutile dire che l'effetto sortito è stata un'impennata mostruosa della scimmia...

    [Modificato da MacLucio il 01/08/2008 11:14]

  9. utente_deiscritto_8705

     
    #9
    Bark ha scritto:
    Io ho letto rumor in giro che parlavano di spazio "limitato" agli utenti per la creazione di nuovi livelli...confermi??
      Beh credo che sia logico che ci sia lo spazio limitato. L'importante è che non lo sia troppo limitato. Per il resto gran bella preview, da questo titolo m'aspetto grandi cose e soprattutto le educande del level design dovranno dannarsi per non fare brutte figure .
  10. Matteo Camisasca

     
    #10
    Bark ha scritto:
    Io ho letto rumor in giro che parlavano di spazio "limitato" agli utenti per la creazione di nuovi livelli...confermi??
     Anche su questo non ho info, ma mi sembra decisamente logico visto il potenziale in termini di crescita esponenziale dello spazio richiesto
Continua sul forum (164)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!