Genere
Azione
Lingua
Italiano
PEGI
18+
Prezzo
€ 51,99
Data di uscita
27/8/2010

Mafia II

Mafia II Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
2K Games
Sviluppatore
Illusion Softworks
Genere
Azione
PEGI
18+
Distributore Italiano
Take2
Data di uscita
27/8/2010
Data di uscita americana
24/8/2010
Lingua
Italiano
Giocatori
1
Prezzo
€ 51,99

Hardware

Mafia II si trova nelle fasi conclusive dello sviluppo su PC, PlayStation 3 e Xbox 360 in vista dell’uscita, fissata per il 27 agosto. La versione per sistemi Windows supporterà il 3D e l’accelerazione hardware della fisica via nVidia PhysX. I requisiti di sistema minimi per giocarlo parlano di un Pentium D da 3.0 GHz o un Athlon 64 X2 3600+, 1.5 GB di memoria di sistema, una scheda grafica nVidia GeForce 8600 o ATI HD 2600 Pro e 8 GB di spazio su hard disc, mentre i consigliati ammontano a un processore quad core da 2.4 GHz, 2 GB di RAM, un’nVidia GeForce 9800 GTX o Radeon HD 3870 e 10 GB di spazio su disco. Testato su un PC dotato di un Q9550, 4 GB di RAM 667 MHz, una ATI HD 5850 alla risoluzione di 1680X1050 con tutti i dettagli al massimo e APEX PhysX disattivato, il gioco si è comportato bene ma non benissimo.

Multiplayer

Mafia II tiene fede alla tradizione, proponendosi come un’esperienza orgogliosamente single player-only.

Link

Hands On

Solo per veri duri

Un sistema di gioco sviscerato oltre la coltre dell’omertà.

di Stefano F. Brocchieri, pubblicato il

Prendiamo le fasi di guida. Oggi abbiamo due modelli tra cui si può liberamente scegliere nelle opzioni in qualsiasi momento: Normale e Simulativo. Il primo permette anche ai neofiti di farsi strada nel gioco, senza sbattere troppo la testa e godere al tempo stesso di un minimo garantito di spessore. Selezionando il secondo la differenza comportamentale tra gli svariati modelli di auto (tutti fittizi) si fa palesemente più marcata, così come quella di aderenza su diversi tipi di superficie, offrendo pane da addentare a chi volesse provare un senso di gratificazione tutte le volte che si mette al volante, senza però sfociare nell’intransigenza e “spigolosità” con cui doveva avere a che fare Tommy Angelo.
L’inserimento di un sistema di copertura pratico e snello, della già citata energia autoricaricabile e della possibilità di prendere la mira di precisione avvicinandosi la visuale sono la naturale evoluzione degli scontri a fuoco in terza persona del primo Mafia, già ai tempi scorrevoli, appaganti e moderni, che si ripresentano più godibili della media del genere, esattamente come otto anni fa. Merito anche di compagni che sanno badare benissimo a loro stessi, di nemici che chiusi entro i confini di una missione si comportano molto meglio che in strada, opponendo una resistenza dall’attitudine simile a quella delle comparse di un film ma che non si può mai sottovalutare, di opportune variazioni sul tema previste dalla sceneggiatura (locali pericolanti, feriti da coprire, assalti in massa, scarsa visibilità) o di un livello di interattività piuttosto soddisfacente anche a default, senza ricorrere necessariamente ad APEX PhysX.
Da rimandare qualsiasi impressione un minimo attendibile sulle fasi di infiltrazione, dalla struttura apparentemente molto semplicistica, incontrate così di rado e così per poco che non abbiamo avuto occasione di approfondire e lì per lì ci sono sembrate come delle gradevoli parentesi. Discorso totalmente opposto invece per il combattimento corpo a corpo, che ha ricevuto un netto irrobustimento ed è ora inquadrato all’interno di veri e propri confronti 1 vs 1 che prevedono attacchi di svariato tipo, combo, schivate e diverse varietà di colpi di grazia, con tanto di stacchi di camera ad hoc, che ci son sembrati ampollosi e inconcludenti, dandoci puntualmente la sensazione di durare più di quanto riescano effettivamente a divertire. C’è da augurarsi a questo proposito che da qui alla data di uscita 2K Czech riesca quantomeno a ribilanciarli.

TUTTI GLI OCCHI ADDOSSO

Come anticipato più sopra, graficamente Mafia II è sostanzialmente un titolo di buon livello, con certi aspetti che manifestano chiaramente i sintomi dei lunghi anni di sviluppo, taluni picchi di eccellenza e qualche punto debole. Tra gli elementi ambigui vanno segnalati i volti e la mimica dei personaggi, capaci di alternare, tanto in-game che nelle cut-scene, facce curate ed espressive ad altre veramente plasticose e ingessate. Dove il gioco dà il meglio di sé, oltre che nelle sequenze di intermezzo più riuscite, è sicuramente negli interni. Qui la passione e l’attenzione riposta da 2K Czech nel gioco trascendono qualsiasi considerazione tecnica, offrendo spaccati di luoghi “qualsiasi” dalla cura ai limiti del maniacale, grazie a cui ci si trova a tu per tu con posti assolutamente credibili e vibranti nel loro lusso, piuttosto che nel loro squallore o nella loro ordinarietà. I passaggi al chiuso sembrano anche quelli che soffrono meno delle scalette, contrastate con poca efficacia dall’unico livello di anti-antialising implementato (Sì/No). Quando fanno il paio con qualche particellare o altra chicca niente male sono un’autentica delizia per gli occhi.
Il numero di settaggi grafici è discreto, e permette di trovare qualche compromesso di massima tra qualità e prestazioni, ottenuto più che altro a costo degli effetti più complessi. Alla luce di quanto messo a video, ci saremmo aspettati qualcosina di più in termini di prestazioni: sulla configurazione illustrata nel box hardware qui a lato, in esterna stavamo sui 40-70 FPS, che salivano a 60-90 in interna. Essendo in possesso di un sistema dotato di una scheda video ATI, non abbiamo potuto provare il 3D, mentre abbiamo provato ad attivare per semplice curiosità, senza nessuna reale pretesa analitica, gli effetti APEX PhysX, i cui calcoli com’è noto in mancanza di hardware dedicato nVidia ricadono totalmente sulla CPU. Ricorrendo a queste feature abbiamo potuto apprezzare una quantità maggiore di particelle, reazioni più accurate degli elementi interagibili, detriti che rimangono a terra regolati da routine fisicamente-corrette, i soliti bouncing sparkle di “grana grossa” tipici di PhysX, superati da svariati titoli PC e console, vetrate che si infrangono pezzo per pezzo in maniera semplicemente sublime, movimenti dei vestiti di discreta fattura ed esplosioni un po’ più curate rispetto a quelle “lisce” ma ancora migliorabili. Come prevedibile, il frame-rate ha tenuto in maniera sostanzialmente buona, salvo crollare a picco nel momento in cui la scena cominciava a popolarsi di troppi frammenti a terra o l’impermeabile di Vito svolazzava in maniera più animosa del solito.
Il sonoro si compone di un doppiaggio italiano generalmente ottimo, tanto per interpretazione che per inflessioni dialettali, a parte alcuni personaggi secondari dal tono eccessivamente caricaturale e la pessima scelta fatta in merito alle comunicazioni della polizia, che in caso di inseguimento si inseriscono a mo' di “voice over”, offrendo un effetto che oltre a spezzare brutalmente l’immersività è proprio brutto a sentirsi, a causa di un mixaggio poco felice. Pollici su per gli effetti sonori, mentre semplicemente eccellente la musica, tanto per quanto attiene i brani composti appositamente che per una collezione di hit radiofonici dell’epoca fuori scala.
L’edizione PC sembra realizzata con la dovuta attenzione, presentando per il resto un parco opzioni più che soddisfacente (sperando magari che nella versione definitiva non ci sia un salvataggio unico…) e come tutti i titoli simili realizzati con criterio permette di passare senza soluzione di continuità dal controllo via mouse e tastiera a quello tramite pad, dando la possibilità di godersi nel migliore dei modi sequenze a piedi e fasi di guida.
Volendo concludere, in attesa di valutare l’avventura in tutta la sua durata, estensione e profondità e di appurare se 2K Czech riuscirà eventualmente a sistemare con una zampata in extremis gli aspetti che ci hanno fatto storcere il naso, Mafia II non sembra destinato ad avere lo stesso, pesantissimo, impatto tecnico-ludico del suo illustre predecessore. Ciò che pare stagliarsi all’orizzonte è il profilo di un gran bel gioco e una grandissima esperienza, che non vediamo l’ora di seguire nella sua interezza, fino in fondo, nel bene e nel male. Come una famiglia che si rispetti.


Commenti

  1. Bruce Campbell87

     
    #1
    Grandissimo articolo, complimenti!
  2. Matteo Camisasca

     
    #2
    Grande Sbrok!
  3. bocte

     
    #3
    LOL! I filmati sono spettacolari.
    Grandissimo articolo Teo!
  4. Gaara80

     
    #4
    Grande Teo! Non è che per caso avete anche una scheda Nvidia per testare le differenze con physx attivo?
  5. maxlaiena

     
    #5
    teoKrazia ha scritto:
    C’era una volta in America: Nuova, approfondita, prova diretta del gioco.
    Bellissima anteprima. E' un titolo che sto attendendo con ansia. I problemi sulla IA che hai sottolineato sono più o meno connaturati con la natura del gioco non c'è niente da fare. Il sistema di combattimento però mi sembra veramente fluido e godibile!
  6. Vladimiro

     
    #6
    "Ci sarà sicuramente qualche purista del primo Mafia che storcerà il naso per il modello di guida. Dev’essere tra quei 400 o 500 su due milioni di acquirenti che non hanno tirato giù interi calendari senza usare cheat durante la famigerata gara automobilistica"
    Hahahah quella maledetta corsa automobilistica!
    Ma si poteva ricorrere all'infame trucco di tagliare a meta' il percorso e vincere (per fortuna) :rotfl:
  7. utente_deiscritto_20206

     
    #7
    Che articolo cazzuto, complimenti! Nonostante non sia amante del free roaming mi hai fatto decisamente alzare l'hype per questo gioco :))
  8. teoKrazia

     
    #8
    Gaara80 ha scritto:
    Non è che per caso avete anche una scheda Nvidia


    No. :P

    Gaara80 ha scritto:
    per testare le differenze con physx attivo?


    Mah, a livello di feature dovrebbe cambiare poco/nulla rispetto all'esperimento che ho descritto nell'articolo, provato tanto per.
    Il grosso dovrebbe cambiare sul piano prestazionale [si spera].
  9. xsecuzione

     
    #9
    sono già uscite le comparazioni tra le versioni ps3, 360, pc.
    Indovinate qual'è la peggiore? :asd:
  10. teoKrazia

     
    #10
    maxlaiena ha scritto:
    I problemi sulla IA che hai sottolineato sono più o meno connaturati con la natura del gioco non c'è niente da fare.


    Mmmh, inzomm'.
    Ci sono free-roaming in cui sia la folla che la polizia si comportano molto meglio. Vanno bene i bug, le sbavature, i comportamenti poi non molto complessi, ma qui si spazia dal black out totale [provare a puntare un'arma a un passante, non fa mezza piega, giuro] all'irrazionalità [la pula, che per inseguirti si va a schiantare spesso e volentieri], con tante sfumature di "WTF"/"Ok" e ben poca coerenza nel mezzo.

    C'è da sperare che diano una sistemata in extremis o che tutto ciò che è sandbox si limiti a fare da contorno a una piatto fatto principalmente di missioni & storia belle massicce, come quelle che ho potuto provare in anteprima. :)


    maxlaiena ha scritto:
    Il sistema di combattimento però mi sembra veramente fluido e godibile!


    Oh yeah!
    Le fasi shooting di Mafia facevano il mazzo a TUTTI i free-roaming della scorsa generazione.
    Quelle di Mafia II, oggi, paiono più sciolte e godibili della media.

    Buon sangue non mente, su certe cose. :D
Continua sul forum (48)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!