Genere
Azione
Lingua
Italiano
PEGI
18+
Prezzo
€ 51,99
Data di uscita
27/8/2010

Mafia II

Mafia II Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
2K Games
Sviluppatore
Illusion Softworks
Genere
Azione
PEGI
18+
Distributore Italiano
Take2
Data di uscita
27/8/2010
Data di uscita americana
24/8/2010
Lingua
Italiano
Giocatori
1
Prezzo
€ 51,99

Lati Positivi

  • Atmosfera incredibile
  • Taglio cinematografico di grande spettacolarità
  • Trama, dialoghi e personaggi ben scritti
  • Controlli efficaci
  • Grafica e sonoro sontuosi
  • Godibile dall’inizio alla fine

Lati Negativi

  • Meno aperto e libero rispetto ad altri action-free roaming
  • Sistema di salvataggio da rivedere
  • Ci saremmo aspettati una longevità maggiore
  • A tratti troppo lineare

Hardware

I requisiti hardware consigliati indicano un processore Quad Core a 2.4 GHz, 2 GB di RAM e una GeForce 9800 GTX o ATI Radeon 3870. La prova per questa recensione è stata effettuata con un PC composto da processore Intel Core 2 Quad 6600, 4 GB di RAM e GeForce 8800 GTX con 768 MB di RAM in ambiente Vista 64 bit. Il miglior compromesso alla risoluzione di 1920x1200 pixel l’abbiamo ottenuto disabilitando l’Antialiasing e settando le APEX PhysX a livello medio. Così facendo, siamo riusciti a giocare con un frame-rate piuttosto stabile attorno ai 28-30 FPS e con pochi rallentamenti. Ricordiamo infine che il gioco, disponibile anche per Xbox 360 e PlayStation 3, richiede un collegamento a Steam per l’attivazione iniziale.

Multiplayer

Non sono presenti modalità di gioco in multiplayer.

Link

Recensione

Il padrino di Empire Bay

Dopo una lunga attesa Mafia II è finalmente realtà.

di Francesco Destri, pubblicato il

Otto anni sono un’enormità in ambito videoludico, soprattutto se si prende tutto questo tempo per dare vita al sequel di uno degli action a sfondo criminale più belli di sempre. Era infatti il 2002 quando Illusion Softworks stupiva gli appassionati con Mafia: The City of Lost Heaven, vero e proprio colossal che per impegno, grafica e solidità del gameplay si attestava senza dubbio tra i migliori titoli di quell’anno.
Eppure, nonostante il genere sia andato incontro a uno sviluppo quasi senza freni (la serie di GTA, Scarface: The World is Yours, Saints Row, True Crime, Just Cause), la saga della mafia italoamericana ha dovuto attendere otto anni per tornare alla ribalta. Ora finalmente ci siamo e dopo una breve demo pubblica rilasciata nelle scorse settimane, eccoci alle prese con il codice finale di Mafia II.

dalle stalle alle stelle

La trama che fa da sfondo al gioco, già sviscerata a lungo nelle nostre anteprime, segue le vicende criminali di Vito Scaletta, figlio di immigrati siciliani approdati negli USA negli anni ’20 con il sogno di iniziare una nuova vita e di sfuggire alla povertà della loro terra. Cresciuto in un quartiere popolare con una madre e una sorella affettuose ma con un padre assente e un po’ troppo dedito alla bottiglia, Vito combatte la Seconda Guerra Mondiale proprio sul fronte italiano schierandosi contro le truppe fasciste per poi tornare a Empire Bay nel 1945. La guerra non è ancora finita e Vito, ferito in combattimento, teme di essere di nuovo richiamato al fronte; per questo chiede all’amico d’infanzia Joe Barbaro di aiutarlo a evitare il ritorno nell’esercito e proprio per ripagare primo favore il nostro alter ego inizierà una serie di “lavoretti” per Joe e per altri boss malavitosi, fino a scalare la vetta dell’organizzazione e a diventare lui stesso un padrino temuto e rispettato.
Le settecento pagine di sceneggiatura di Mafia II (quasi il doppio dello script del predecessore) inquadrano già alla perfezione lo spessore narrativo del gioco. I personaggi principali, seppur un po’ stereotipati per chi conosce un minimo di tradizione malavitosa su grande schermo (De Palma, Scorsese, Coppola), sono delineati con grande cura dei dettagli e i dialoghi (ottimamente doppiati in italiano) non rinunciano a tematiche e ad espressioni spesso forti e adulte, Gli stessi gli intrecci di violenza, corruzione, vendette, famiglie e “onore” hanno poco o nulla da invidiare al pathos e alla profondità di un buon mafia-movie, ma per non togliervi la sorpresa preferiamo non svelare nulla su come la trama si evolverà nel corso dei quindici capitoli del gioco.

chi non vorrebbe vivere a empire bay?

L’altra grande protagonista di Mafia II, oltre alla trama e al suo mix ben orchestrato di personaggi carismatici e di un protagonista difficile da dimenticare, è la metropoli in cui ci muoveremo. Empire Bay mette a disposizione circa venti chilometri quadrati e una ventina di quartieri ispirati alla New York e alla Chicago degli anni ’40 e ’50. Dopo una breve parentesi iniziale in Sicilia durante la guerra (un incipit un po’ buttato lì a caso e non certo memorabile), Vito torna a Empire Bay nell’inverno del ’45 ed ecco che la città appare scura e nuvolosa, con strade ghiacciate e un’atmosfera plumbea che rispecchia fedelmente il periodo difficile che l’America e il mondo intero stavano vivendo.
La sensazione di muoversi per una vera metropoli è da subito tangibile e a tratti impressionante, anche perché la città può essere esplorata liberamente e ininterrottamente, senza quindi aree chiuse da sbloccare o caricamenti tra una zona e l’altra. I dettagli dei palazzi, le insegne dei locali, il look dei passanti e la vivacità del traffico cittadino ci fanno entrare subito nel mood di quegli anni come meglio non potevamo sperare. Nella seconda parte del gioco, quando la guerra è ormai un lontano ricordo, Empire Bay cambia completamente diventando invece più solare e meno uggiosa e con essa mutano anche lo stile delle strade, l’aspetto dei PNG e naturalmente i modelli di auto.

azione libera…ma non troppo

La vastità e i dettagli della città non fanno comunque di Mafia II un action-free roaming in stile GTA o Saints Row. A parte fare benzina al distributore, sfamarsi e dissetarsi nei bar, comprare armi e vestiti e modificare il colore, la targa e il motore delle automobili non è concesso fare quasi nient’altro e di conseguenza gli edifici e i locali con cui interagire sono molto pochi, soprattutto se confrontati con la grandezza dell’area esplorabile.
Non pensiate insomma di poter vagare per Empire Bay alla ricerca di mini-giochi o di qualche altra attività che esuli dalle missioni principali del gioco, se non per ritrovare alcuni oggetti collezionabili (essenzialmente riviste e poster) o per il puro piacere di immergervi nelle atmosfere a stelle e strisce di oltre mezzo secolo fa. Questo approccio si ritrova anche nella struttura principale del gioco, che se da un lato offre effettivamente la massima libertà di movimento, dall’altro rimane ancorata su binari molto più lineari e ristretti di un action-free roaming come siamo abituati a intenderlo oggi.
Al di fuori delle missioni infatti, con rarissime occasioni per lavoretti intimidatori che poco o nulla aggiungono all’esperienza di gioco o per furti di auto per guadagnare qualche soldo, Mafia II non offre molto altro e anche le stesse quest (alcune delle quali a tempo) prevedono solo in pochissimi casi percorsi alternativi. Gli script sono insomma il vero cuore di Mafia II molto più che in qualsiasi altro free-roaming odierno e questo, per chi dopo otto anni si aspettava qualcosa di più libero, meno chiuso e al passo coni tempi, può rappresentare un limite da non sottovalutare.

la polizia non perdona

Anche vagare per Empire Bay con il solo gusto di uccidere chiunque e di sfuggire perennemente alla polizia non ha senso in Mafia II, un po’ perché non ci sono ricompense di nessun tipo, un po’ perché se raggiungiamo le quattro stellette come ricercati avremo vita breve. Le forze dell’ordine di Empire Bay sono infatti molto attente ai nostri comportamenti, seppur meno di quanto ci ricordavamo in Mafia: The City of Lost Heaven.
I reati per cui possiamo essere inseguiti, fermati o uccisi nel peggiore dei casi sono ancora numerosi (incidente, velocità eccessiva, furto d’auto, rissa in strada) e anche se facciamo perdere le nostre tracce per un po’ di tempo, conviene sempre stare alla larga dagli agenti di ronda o dalle auto della polizia. Gli unici modi per sfuggire alla cattura sono il cambio di abiti (nel caso fossimo appiedati), la modifica dell’auto o la classica mazzetta agli agenti corrotti. Nonostante qualche svista e incongruenza (comunque inevitabili viste le dimensioni del gioco), il sistema repressivo di Mafia II lascia soddisfatti per realismo, intelligenza e possibilità tattiche, mentre lo stesso non si può dire dei passanti, che reagiscono in modo assolutamente casuale alle nostre azioni e senza grande coerenza (difetto che riscontriamo ormai da anni in titoli di questo tipo).

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
Mafia II non è quel capolavoro che molti si aspettavano e in fondo, più che altro per il mancato fattore-novità, è risultato di poco inferiore allo splendido predecessore di ben otto anni fa. Nonostante ciò, 2K Czech ha confezionato un misto di azione, esplorazione e free-roaming estremamente godibile e tecnicamente notevole, rafforzato da un’atmosfera impagabile e da un contorno di personaggi e situazioni degno di un crime-movie hollywoodiano. Il gioco si controlla bene, propone missioni sufficientemente varie e non stanca quasi mai a causa di frangenti troppo frustranti (che invece non mancavano in Mafia: The City of Lost Heaven). Eppure, tra una longevità solo discreta, una struttura fortemente lineare e un sistema di salvataggio discutibile, i difetti non mancano e fanno spesso sembrare Mafia II un titolo più “anziano” di quanto non sia in realtà. A parte questo però ne consigliamo l’acquisto a tutti: non sarà un titolo epocale, ma perderselo sarebbe davvero un peccato.

Commenti

  1. Meno D Zero

     
    #1
    dopo aver letto questa rece, bè...scaffale!

     volevo solo vedere cosa si prova a sriverlo dopo aver letto una recensione di Next...mah, mi sembra tutto come prima...e ovviamente DAY ONE
  2. utente_deiscritto_5167

     
    #2
    Spettacolo, miissimo al day one! :) Versione 360
  3. PaulVanDyk

     
    #3
    uff non so se prenderlo per ps3 o 360.. ci sono grosse differenze che voi sappiate?
  4. SixelAlexiS

     
    #4
    PaulVanDyk ha scritto:
    uff non so se prenderlo per ps3 o 360.. ci sono grosse differenze che voi sappiate?
     si, vai di 360 ;)
  5. PaulVanDyk

     
    #5
    SixelAlexiS ha scritto:
    si, vai di 360 ;)
     ah dici? quindi la versione ps3 è tecnicamente inferiore? no perchè nella demo su 360 ho notato del tearing e la cosa mi ha dato parecchio fastidio, nonostante la demo mi sia piaciuta in generale, quindi spero che abbiano ovviato a sto problema anche se ne dubito fortemente
  6. utente_deiscritto_5167

     
    #6
    SixelAlexiS ha scritto:
    si, vai di 360 ;)
     Six, tu che sei il re dei confronti, sto Kane and Lynch 2 (OT) dove gira meglio?
  7. Nihil_82

     
    #7
    Bella rece! Mafia2 me lo regalo subito a settembre per aver lavorato d'estate senza ferie. Mi bastava solo una conferma di qualità della trama, praticamente il resto (free-roaming dove di free c'è solo il roaming senza giochini e stat, difficoltà guida e sparatoria) è uguale al primo, ed è un'altra conferma che mi invoglia all'acquisto. Per me è meglio una solidità "vecchio-stile" che la falsa innovazione della media dei prodotti action odierni.
    Curiosità: ma l'ambientazione si limita all'ambiente cittadino? niente scampagnate come nel primo Mafia? c'erano belle statali nel verde che non disdegnerei affatto in questo seguito.
  8. Prophet

     
    #8
    È un gioco che sicuramente proverò. Non so se lo comprerò comunque.Voglio prima essere sicuro del tipo di gioco.
  9. SixelAlexiS

     
    #9
    Shin X ha scritto:
    Six, tu che sei il re dei confronti, sto Kane and Lynch 2 (OT) dove gira meglio?
     la vers 360 è un po' smoothata ed ha qualche difettuccio grafico, ma ne guadagna in FPS. Tu che sei fissato sui cali di frame direi 360 :)
  10. utente_deiscritto_5167

     
    #10
    SixelAlexiS ha scritto:
    la vers 360 è un po' smoothata ed ha qualche difettuccio grafico, ma ne guadagna in FPS. Tu che sei fissato sui cali di frame direi 360 :)
      Ti stimo. :*
Continua sul forum (580)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!