Genere
Strategico
Lingua
Italiano
PEGI
7+
Prezzo
800 Microsoft Point
Data di uscita
17/6/2009

Magic the Gathering: Duels of the Planeswalkers

Magic the Gathering: Duels of the Planeswalkers Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Microsoft Game Studios
Sviluppatore
Stainless Games
Genere
Strategico
PEGI
7+
Data di uscita
17/6/2009
Lingua
Italiano
Giocatori
1-4
Prezzo
800 Microsoft Point

Lati Positivi

  • Buona interfaccia di gioco
  • Tutorial molto accurato e completo

Lati Negativi

  • Assenza di deck-building
  • Sistema di "tap" delle terre implementato male

Hardware

Magic The Gathering: Duels of the Planeswalkers è un gioco per Xbox LIVE Arcade: come tale richiede una console Xbox 360 connessa ad Internet per essere acquistato e giocato. Il gioco occupa poco più di 350 MB. Necessario inoltre un abbonamento Gold per giocare online.

Multiplayer

Il gioco include modalità multiplayer online per un massimo di 4 partecipanti.

Link

Recensione

Il re dei collezionabili su Xbox 360

Il gioco di carte fantasy più famoso torna in forma digitale.

di Stefano Castelli, pubblicato il

L'intelligenza artificiale degli avversari controllati dalla Xbox 360 lascia invece un po' a desiderare nei frangenti più critici e talvolta la vittoria ci sarà letteralmente offerta su un piatto d'argento. Chi vuole spremere le proprie meningi potrà dedicarsi a una serie di sedici "sfide" che pongono il giocatore di fronte ad una situazione prefissata, chiedendo di vincere la partita in un turno. In ogni caso, il vero cuore di Magic The Gathering: Duels of the Planeswalkers è rappresentato dalla modalità online su Xbox LIVE: è infatti possibile sfidare avversari in classici duelli (utilizzando i "nostri" mazzi) o partecipare a interessanti sessioni multi-giocatore gestite da un apposito set di regole. Al momento della stesura di questo articolo il numero di giocatori online è davvero elevato ed è possibile trovare immediatamente partite cui partecipare. Peccato per una certa propensione di parecchi giocatori ad abbandonare la partita poco prima di perdere: un sistema maggiormente punitivo (magari con la sottrazione di una carta dal proprio grimorio?) avrebbe sortito effetti migliori riguardo l'atteggiamento dei giocatori scorretti.

E gli appassionati?

Chiunque abbia mai giocato in modo anche solo leggermente approfondito con Magic: The Gathering sa che bravura e fortuna non bastano per vincere. Il cuore pulsante del gioco, la fucina delle strategie nonché il suo aspetto più pericolosamente assuefacente è la costruzione del mazzo. Il Deck building. Progettare un mazzo, procurarsi le carte necessarie, assemblarlo e testarlo sono tutte attività che il giocatore di Magic conosce molto bene e rappresentano in pratica un gioco nel gioco. Tutto questo in Magic The Gathering: Duels of the Planeswalkers è assente: nel gioco avremo unicamente a che fare con mazzi predefiniti e ci sarà concesso di inserire eventualmente alcune carte extra vinte nella modalità per singolo giocatore. Se a questo aggiungiamo che la qualità media dei mazzi predefiniti non è proprio elevatissima diventa chiaro come l'appetibilità del videogioco agli occhi dei giocatori più esperti del card-game venga estremamente ridimensionata.
La prima giustificazione data dagli sviluppatori in merito a questa limitazione (cioè, all'assenza di un editor per i propri mazzi) è quella dell'immediatezza: Magic The Gathering: Duels of the Planeswalkers vuole essere una sorta di "introduzione a Magic" e come tale non risultare particolarmente complesso, così da essere approcciabile anche da giocatori che non conoscono il card-game originale. Maliziosamente vogliamo anche pensare che l'assenza di una funzione di deck-building limiti l'appeal verso il gioco senza rischiare che i giocatori esperti vengano troppo "distratti" dal costoso card-game cartaceo, senza contare che in questa situazione sarà possibile per i produttori rilasciare contenuti extra di varia natura, primi fra tutti nuovi set di mazzi.
Sempre in nome dell'immediatezza, questo Magic The Gathering: Duels of the Planeswalkers include unicamente terre di tipo base (foreste, montagne, isole, pianure, paludi) e il loro utilizzo è del tutto automatizzato: basta scegliere la magia da utilizzare e le terre necessarie vengono automaticamente "tappate". Buona scelta per i principianti, pessima per chiunque voglia tentare di imbastire strategie anche solo limitatamente complesse con mazzi multi-colore, in quanto il metodo di selezione delle terre da utilizzare è realizzato veramente male, annullando di fatto le possibilità di imbastire una strategia basata sulle carte nella propria mano.

Introduzione a magic

Insomma, per un vero appassionato di Magic: The Gathering questa versione digitale rappresenta al massimo un piacevole passatempo, ma l'assenza di deck-building e i problemi nel gestire il mana sono due limitazioni sulle quali ben pochi riusciranno a chiudere un occhio.
Per i novizi invece, o per i giocatori non particolarmente esigenti in fatto di fedeltà al gioco origjnale, Magic The Gathering: Duels of the Planeswalkers può rappresentare un valido passatempo, ben realizzato e sufficientemente vario, nonché dotato di una buona longevità in caso si decida di sfruttarlo a fondo online: ne è invece decisamente sconsigliato l'acquisto in caso lo si voglia unicamente affrontare in solitario, considerata l'assenza di una vera e propria campagna che non vada oltre una serie di sfide contro mazzi controllati dalla CPU. Chiudiamo citando anche la simpatica modalità cooperativa per due partecipanti - offline e online - una gradita variante per il gioco in coppia. Buona, infine, la fascia di prezzo in cui è presentato il gioco: per 800 Microsoft point ci si "porta a casa" un buon assaggio di uno dei migliori card-game di sempre.

Voto 3 stelle su 5
Voto dei lettori
"Magic for Dummies" ci verrebbe da ribattezzare questo Magic The Gathering: Duels of the Planeswalkers, e probabilmente non ci allontaneremmo troppo dalle intenzioni degli sviluppatori. Il gioco è una valida introduzione a Magic: The Gathering, dotato di una buona interfaccia e già molto popolato online. Per contro, le grosse limitazioni evidenziate nell'articolo lo rendono poco appetibile per chi cerca una vera e propria trasposizione di quello che è il più popolare e longevo card-game collezionabile mai creato.

Commenti

  1. Stefano Castelli

     
    #1
    Stefano Castelli ha scritto:
    Magic the Gathering: Duels of the Planeswalkers: Il gioco di carte fantasy più famoso torna in forma digitale.
     A chi interessasse: recensione del gioco. :)
  2. Cervantes De Leon

     
    #2
    La recensione è fatta bene, sei riuscito ad essere imparziale senza accanirti sui difetti....chapeux (si scirve cosi?)
    Per il resto ne abbiamo parlato a lungo nell'altro thread.
  3. darden4

     
    #3
    l'idea mi ispirava, ma i difetti elencati sono davvero pesanti...peccato, un'occasione mancata.
  4. LUKATHEDARK

     
    #4
    io gioco è uscito anche per pc? sapete se esce pure su la ps3?
  5. Stefano Castelli

     
    #5
    LUKATHEDARK ha scritto:
    io gioco è uscito anche per pc? sapete se esce pure su la ps3?
     Per PC (e Mac) è in lavorazione.
    Nessuna notizia, al momento, per l'edizione PS3.
  6. Stefano Castelli

     
    #6
    darden4 ha scritto:
    l'idea mi ispirava, ma i difetti elencati sono davvero pesanti...peccato, un'occasione mancata.
     In effetti ho smesso di giocarlo poco dopo la rece. Non ha molto senso e troppa gente si disconnette.
  7. darden4

     
    #7
    beh magic senza crearsi il deck già vale la metà del divertimento, se poi nn puoi nemmeno scegliere quale terre tappare è proprio x beginners con mazzi monocolore...è un vero peccato perché da tempo speravo in una versione elettronica del gioco e a vedere dagli screenshots sembra anche ben realizzato tecnicamente.
  8. Stefano Castelli

     
    #8
    darden4 ha scritto:
    beh magic senza crearsi il deck già vale la metà del divertimento, se poi nn puoi nemmeno scegliere quale terre tappare è proprio x beginners con mazzi monocolore...
     E' esattamente quello che è. Un'introduzione alle meccaniche di Magic, niente di più.
    I mazzi multi-colore sono ingiocabili.
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!