Genere
Strategico
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
7+
Prezzo
€ 17,99
Data di uscita
24/6/2011

Magic the Gathering: Duels of the Planeswalkers 2012

Magic the Gathering: Duels of the Planeswalkers 2012 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Sviluppatore
Stainless Games
Genere
Strategico
PEGI
7+
Data di uscita
24/6/2011
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
4
Prezzo
€ 17,99

Hardware

Il gioco è disponibile sui formati PSN, Xbox Live Arcade e Steam. 

Multiplayer

Il multiplayer è chiaramente alla base dell'esperienza di gioco, in modalità competitiva quanto cooperativa.

Modus Operandi

Nel corso di un evento organizzato a Milano, abbiamo assistito a una ricca presentazione delle caratteristiche base del gioco.

Link

Eyes On

Arcinemico

Le novità dell'edizione 2012.

di Andrea Maderna, pubblicato il

La modalità campagna, come detto, si basa sull'idea di venire incontro ai giocatori poco esperti. Non stupisce quindi la scelta di introdurre tutta una serie di aiuti e consigli facoltativi. In qualsiasi momento, per esempio, è possibile mettere in evidenza caratteristiche e potenzialità delle singole carte, Ma il sistema di aiuti è dinamico, e in grado di entrare in gioco adattandosi alla situazione, evidenziando per esempio con un pratico alone verde la carta – fra quelle a disposizione del giocatore – ritenuta più adatta per essere giocata nella situazione in corso. Il match si svolge tramite una rappresentazione fantasiosa del tavolo di gioco, con animazioni ed effetti speciali, ma senza sconfinare troppo nel fantasy: rimane pur sempre uno scontro a carte e non si vedono creature assortite svolazzare per lo schermo.
Fra le novità di questa edizione spicca invece la modalità Archenemy, in cui ci si ritrova ad affrontare uno scontro tre contro uno, in multiplayer cooperativo così come, all'occorrenza, accompagnati da dei bot. Chiaramente, per far sì che lo scontro non sia impari, chi combatte da solo gode di particolari vantaggi, a cominciare da una dose di energia vitale particolarmente elevata, per arrivare al mazzo schemi. Quest'ultimo altro non è che una pila di carte supplementare, alternativa a quella base utilizzata per il match, da cui l'arcinemico estrae una carta a ogni turno, in modo di ottenere vantaggi particolarmente forti, pensati per mettere in crisi il team di tre avversari. Dal mazzo schemi può arrivare una chance per giocare più carte nel turno, l'opportunità di far scartare carte agli avversari, l'annullamento del limite di carte da tenere in mano e così via. Ne risulta una sfida paradossalmente quasi sempre a sfavore del team di tre membri e dedicata ai giocatori più esperti.

Nella modalità Archenemy l'obiettivo è vincere il match, poco importa se il prezzo da pagare è la vita di un compagno di squadra - Magic the Gathering: Duels of the Planeswalkers 2012
Nella modalità Archenemy l'obiettivo è vincere il match, poco importa se il prezzo da pagare è la vita di un compagno di squadra

mazzi personalizzati

L'altra grande novità di questo episodio sta nella maggiore versatilità dello strumento di gestione dei mazzi. L'assunto di base rimane quello di non dare al giocatore l'opportunità di modificare il mazzo a piacere o di crearne da zero, perché, come detto, questo gioco non vuole essere una riproposizione fedele al minimo dettaglio dell'esperienza originale. Ora è invece disponibile un editor di mazzi, che permette di fare modifiche parziali, inserendo fino a quindici carte nuove (numero massimo di card sbloccabili per un singolo mazzo) sostituendole ad altrettante presenti nel mazzo base. In questo modo sarà possibile studiare in maniera un po' più approfondita il proprio approccio tattico, grazie fra l'altro a una serie di opzioni per la consultazione veloce di statistiche sulla composizione del mazzo, grazie alle quali rendersi conto con un colpo d'occhio di cosa si stia combinando.
Una funzione interessante, infine, è quella che permette di consultare in anteprima i mazzi ancora non sbloccati, in modo da farsi un'idea di cosa si nasconda dietro a quei punti di domanda. Utile non solo per decidere quale nuovo mazzo cercare di sbloccare affrontando di nuovo la campagna, ma anche per valutare eventuali acquisti tramite le già citate microtransazioni. Microtransazioni che, fra l'altro, permetteranno, volendo, anche l'acquisto degli stessi mazzi in pregiata (ma comunque virtuale) versione foil. Insomma, Magic The Gathering: Duels of the Planewalkers 2012 offre un buon numero di miglioramenti, che dovrebbero rendere ben più versatile e accessibile un'esperienza comunque già di gran successo. Per un giudizio finale, ci risentiamo a breve, dopo un test approfondito.


Commenti

  1. Stefano Castelli

     
    #1
    giopepGiunge alla seconda edizione il Magic “scaricabile”.

    Ok. Stavolta possiamo scegliere QUALI terre tappare onde evitare di perdere partite per mancanza di un certo tipo di mana?
    Già il fatto di NON poter usare i DLC del primo è abbastanza avvilente...
  2. giopep

     
    #2
    Lo scoprirai quando ti farò fare la recensione. :D
  3. Nick_Storm

     
    #3
    Stefano CastelliOk. Stavolta possiamo scegliere QUALI terre tappare onde evitare di perdere partite per mancanza di un certo tipo di mana?
    Già il fatto di NON poter usare i DLC del primo è abbastanza avvilente...


    avvilente è non petersi costruire il deck.
  4. Stefano Castelli

     
    #4
    giopepLo scoprirai quando ti farò fare la recensione. :D

    Tanto se non hanno sistemato quella cosa sarà negativa. :P
  5. Dna

     
    #5
    Secondo me ad un gioco di carte come questo dove non puoi costruirti il mazzo completamente dovete dare un bel 0...

    Perchè altrimenti a giochio come shadow era dovreste dare un bel 10 ( a proposito perche non fate una bella rece di shadow era?, nel caso posso pure farvela io viste le decine e decine di ore che c ho passato ;) )
  6. Stefano Castelli

     
    #6
    Dnaa proposito perche non fate una bella rece di shadow era?
    Perché sono occupato a giocare con Elements. :)
    Scherzi a parte, in effetti l'assenza del deck building (assieme al noto problema del mana) è il tallone d'Achille di queste versioni di Magic.
  7. Nick_Storm

     
    #7
    Stefano CastelliPerché sono occupato a giocare con Elements.
    Scherzi a parte, in effetti l'assenza del deck building (assieme al noto problema del mana) è il tallone d'Achille di queste versioni di Magic.


    nah, è la morte del gioco non potere costruire il deck. Io l'ho provato il primo duels, e mi sono cadute le balls dopo 2 partite. Va bene per chi si avvicina il gioco, ma per chi si era qualificato agli europei, o per chi giocava in t1 con un mazzo che chiudeva anche al primo turno......... ecco è di un ridicolo disarmante. Ma anche se mi vuoi far giocare in tipo 2, ok. Ma allora mi metti le carte delle 2 ultime espansioni e set base, poi mi fai costruire il mazzo come pare a me. Così non ha senso, una tristezza di mazzi boh.
  8. giopep

     
    #8
    Nick_Stormnah, è la morte del gioco non potere costruire il deck. Io l'ho provato il primo duels, e mi sono cadute le balls dopo 2 partite. Va bene per chi si avvicina il gioco, ma per chi si era qualificato agli europei, o per chi giocava in t1 con un mazzo che chiudeva anche al primo turno......... ecco è di un ridicolo disarmante.

    Premesso che io non ho mai giocato a Magic in vita mia (però leggevo i fumetti pubblicati da Magic Press negli anni Novanta :D), da come l'hanno messa il punto è proprio questo: un modo per avvicinare a Magic chi non lo conosce, o lo conosce (o vuole conoscere) in maniera superficiale. E magari fargli anche venire voglia di approfondire poi col Magic vero e proprio, o magari con Magic Online. L'unica attrattiva per i professionisti, probabilmente, è l'occasione di provare in anteprima le nuove carte...
  9. Dna

     
    #9
    Sarà ma a me pare una cosa insensata, e se lo fai per fare conoscere il gioco allora lo piazzi gratis o freemium, perchè tra i deck game ora ci sono dei freemium che spaccano ilculo a magic co p,eto, figuriamoci ad una versione castrata...
  10. Dna

     
    #10
    Poi in un deck game il 99 % del divertimento consiste nello studiare le carte, costruirsi la propria strategia, affinare l affinabile verso la vana ricerca del mazzo perfetto,
    Se togli questo rimane davvero poco
Continua sul forum (30)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!