Genere
Guida
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
39 Euro
Data di uscita
6/8/2004

Mashed

Mashed Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Empire Interactive
Genere
Guida
Distributore Italiano
Leader
Data di uscita
6/8/2004
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
4
Prezzo
39 Euro

Hardware

Mashed è un titolo multipiattaforma che si appresta a fare la sua apparizione in versione PlayStation 2, Xbox e PC. Per quanto riguarda quest'ultimo caso, non è stata ancora rilasciata alcuna informazione sui requisiti minimi di sistema necessari, mentre le versioni console richiederanno come sempre una confezione originale del gioco e una manciata di KB disponibili nel supporto di memorizzazione. Richiesto anche un MultiTap nel caso si voglia giocare in quattro su PlayStation 2.

Multiplayer

Tre sono le modalità di gioco in multiplayer presenti, Battle, Hold-the-flag e The Fugitive, affrontabili sia secondo il classico schema del "tutti contro tutti", sia a squadre. Purtroppo manca totalmente un qualsiasi supporto al gioco in rete.

Link

Intervista

Mashed - Intervista a Peter Williamson

Se per voi una corsa di macchine senza lanciamissili e mine è una cosa superata, se persino Ridge Racer è fin troppo simulativo, se conoscete a memoria tutti i circuiti di Micro Machines e se avete qualche amico scalmanato a disposizione, allora non perdete questa intervista: Peter Williamson di Supersonic Software ci presenta il racing game che potrebbe farvi perdere svariate ore di sonno!

di Cradle, pubblicato il

Nextgame.it: Mashed è il vostro primo gioco per le piattaforme di questa generazione. Che genere di difficoltà avete incontrato passando dallo sviluppo per PSone a quello per PlayStation 2? E' stato importante l'utilizzo di Renderware, sicuramente prezioso quando si voglia adattare il codice alle tre differenti console, per aiutarvi in questo tipo di transizione?

Peter Williamson: Decisamente sì, l'aiuto di Renderware in questo senso è stato a dir poco inestimabile! Ci ha permesso di concentrare la maggior parte dei nostri sforzi sul gamplay, come se avessimo avuto già a disposizione un nostro motore grafico proprietario, pur mantenendo il nostro gioco competitivo, in termini di grafica, con il resto delle produzioni attuali. Per il resto, il passaggio a PlayStation 2 non ha presentato particolari problemi.

Nextgame.it: Nei giochi di guida arcade, il multiplayer rappresenta solitamente il fulcro centrale del divertimento, influenzandone notevolmente la longevità: Micro Machines, in questo senso, è riuscito a dimostrare come un concetto relativamente semplice può continuare a sopravvivere anche nel mondo dei "giochi dai milioni di poligoni". Puoi illustrarci qualche altro dettaglio delle caratteristiche multiplayer di Mashed?

Peter Williamson: Credo che il multiplayer sia intrinsecamente superiore al gioco in singolo grazie all'intenso contenuto sociale che lo caratterizza: sei seduto con amici, gareggi con loro, imprechi, urli e ridi con loro... E' naturale che tutto ciò risulti più divertente che sfidare un qualche tipo di intelligenza artificiale. Mashed ha moltissime modalità di gioco differenti, facendo sì che sia adattabile a qualsiasi situazione: supporta da due a quattro giocatori, per ognuno dei quali si può selezionare un livello di abilità differente e ci si può sfidare singolarmente o in team (anche in due contro uno). Ci sono tre modalità di gioco principali – "Battle, "Hold-the-flag" e "The fugitive" – personalizzabili a piacimento: si può giocare con due differenti set di power-up o disabilitarli totalmente, e c'è anche la possibilità per chi è stato eliminato di continuare a influenzare l'andamento della partita grazie a una sorta di attacco aereo. Se a tutto questo aggiungi il fatto che i giochi multiplayer hanno una rigiocabilità virtualmente illimitata, ti renderai conto come Mashed abbia realmente molto da dire in questo senso.

Nextgame.it: Come sarà influenzato il gioco in cooperativa dalla presenza delle armi? Ci sarà la possibilità di essere vittime del "fuoco amico" in Mashed?

Peter Williamson: Certamente! Nelle modalità cooperative i giocatori dovranno essere attenti a sconfiggere i propri avversari e aiutare i compagni di squadra senza danneggiarli. Secondo noi anche questo fa parte del divertimento.

Nextgame.it: Puoi descriverci alcune delle armi che troveremo in Mashed e come queste influenzeranno il gameplay?

Peter Williamson: In Mashed sono presenti moltissime armi. Per esempio:
- missili guidati, che si dirigono verso la macchina più vicina;
- mortaio, fa fuoco in avanti e distrugge ogni cosa nei pressi;
- lanciafiamme, montato sul posteriore dell'auto, risulta utile per danneggiare gli inseguitori;
- shotgun, che colpisce lateralmente e costituisce un valido aiuto per eliminare chi ci sta sorpassando;
- mine, che devono essere usate strategicamente, visto che al prossimo giro saranno nuovamente lì dove le si è lasciate nel caso in cui nessuno ci sia passato sopra;

E molte molte altre...

Nextgame.it: Nonostante le energie che avete profuso nella realizzazione dell'aspetto multiplayer, avete deciso di non prevedere alcuna modalità di gioco online. Quali ragioni risiedono dietro questa scelta, visto che tra i titoli per PlayStation 2 c'è un supporto sempre più diffuso, mentre Xbox Live è oramai un'importante realtà nel mondo dei videogame?

Peter Williamson: Ci sono diversi motivi che hanno portato a questa decisione. Innanzitutto è nostra ferma convinzione che il multiplayer dia il meglio di sé quando tutti i giocatori si trovano all'interno della stessa stanza: l'elemento sociale è di vitale importanza nell'economia di una gradevole esperienza di gioco; con l'online molto di tutto ciò viene perso e si ha quasi l'impressione di tornare a gareggiare contro un qualche tipo di intelligenza artificiale. In secondo luogo Mashed è molto immediato e questo implica che tecnicamente è difficile realizzarne una versione che funzioni bene in rete, a causa dei problemi di latenza: anche un ritardo piccolo rischierebbe di rendere frustrante l'esperienza di gioco. Infine, lo sviluppo di un net-engine avrebbe limitato di molto il tempo a nostra disposizione per lavorare al nucleo centrale del gioco, che volevamo fosse realizzato nel modo migliore possibile. In ogni modo l'idea non è assolutamente abbandonata e la stiamo prendendo in considerazione per il seguito di Mashed...