Genere
Azione
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
16+
Prezzo
ND
Data di uscita
5/9/2008

Mercenaries 2: Inferno di Fuoco

Mercenaries 2: Inferno di Fuoco Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
Pandemic Studios
Genere
Azione
PEGI
16+
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
5/9/2008
Data di uscita americana
31/8/2008
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
2
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Hardware

Per giocare Mercenaries 2 saranno richiesti una console Xbox 360 o PlayStation 3 (ma è anche in arrivo l'edizione PlayStation 2) insieme al gioco e i relativi controller. Per quanto concerne la versione PC, i requisiti di sistema non sono ancora disponibili.

Multiplayer

La versione completa del gioco offrirà il multiplayer in cooperativa per due giocatori lungo tutto l'arco della campagna principale. Questa caratteristica non sarà disponibile nella versione PlayStation 2.

Link

Eyes On

Una faccenda molto personale

Mercenaries 2 sta per arrivare... e sarà molto rumoroso.

di Alessandro Martini, pubblicato il

Alle recenti presentazioni "Spring Break" firmate Electronic Arts è stata mostrata una versione pressoché definitiva di Mercenaries 2: World in Flames, titolo previsto a fine estate 2008 sul duo Xbox 360 / PlayStation 3 nonché su PlayStation 2 e PC. Sebbene fosse disponibile la sola versione Xbox 360, ci è stato assicurato dagli sviluppatori che quella per PlayStation 2 non sarà un semplice "riempitivo" offrendo, con le dovute proporzioni, un'esperienza di gioco simile a quella delle edizioni "maggiori" (ma senza il multiplayer cooperativo online).

una storia dietro alla devastazione non-stop

Nelle precedenti "visite" all'interno del mondo di Mercenaries 2, abbiamo osservato soprattutto le similitudini, chiare e innegabili, rispetto ad altri giochi basati sul concetto di free-roaming, a partire dallo stesso Grand Theft Auto e arrivando a titoli molto simili come Just Cause.
Stavolta guarderemo anche il contesto narrativo in cui si inserisce l'azione, che è quello di una vendetta personale tra il nostro team di (tre) mercenari e un signore della guerra venezuelano, che ha avuto la brutta idea di truffarci e, addirittura, di sparare un colpo nel fondoschiena al protagonista del gioco (Mattias, un tipo dalla cresta e barba inclassificabili).
L'intera premessa è divertente sulla carta e ancor di più nei filmati, dove si punta soprattutto a estremizzare le fazioni in lotta con, da una parte, il trio di mercenari arrabbiati e decisi a vendicarsi in ogni maniera possibile mentre dall'altra il nostro boss locale è sempre compassato e inamovibile nelle sue aspirazioni di conquista.
Nel gioco, questo "contorno" narrativo rende ancora più stravagante l'azione su schermo e il susseguirsi delle missioni in senso generale, vista la forte diversità dei mezzi disponibili, che vanno dalle moto ai carri armati, passando attraverso auto sportive ed elicotteri. Ovviamente, il modello di guida resta tipicamente arcade e semplificato, facilitando le manovre più o meno estreme e i salti da altezze vertiginose. Anche sul lato delle armi viene offerta una buona scelta di modi con cui far male al prossimo, soprattutto in materia di mitragliatrici, fucili, lanciarazzi ed esplosivi da sistemare nel fondale, caratterizzato da un alto livello di distruttibilità.

fuoco fiamme, spigoli ed esplosioni

Sul lato tecnico Mercenaries 2: World in Flames si annuncia discreto, piacevole in alcune soluzioni visive (come fuoco, fumo ed esplosioni animate) ma di sicuro lontano dalle più recenti "prove di forza" in materia di grafica. Infatti, scenari e personaggi ereditano fin troppi aspetti dal primo episodio e, in generale, dalla passata generazione forse per motivi legati ai lunghi tempi di sviluppo o alla volontà di favorire il numero di oggetti su schermo rispetto alla qualità del singolo elemento.
C'è inoltre da valutare il buon funzionamento, o meno, della modalità multiplayer in cooperativa che non era disponibile (nemmeno in rete locale) nella versione mostrata alla stampa, concentrata invece sul single-player.
In singolo, sono emerse caratteristiche come l'ampiezza dello scenario e la libertà d'azione, indubbiamente maggiori rispetto al primo capitolo, oltre al numero elevato di oggetti su schermo sia per quanto riguarda i nemici (o futuri tali) sia nel traffico e negli altri elementi animati attorno a noi.
Più della grafica ha destato una buona impressione l'audio, con motivi rockeggianti e spensierati che sottolineano il lato "comico" dell'azione, ma anche fragorose esplosioni sottolineate da bassi piuttosto puntuali.
Il doppiaggio, disponibile solo in inglese nella versione che abbiamo visto in azione, calca ovviamente sui luoghi comuni in materia di accenti e inflessioni, ma i personaggi già per il loro aspetto richiedono un simile trattamento...


Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!