Genere
Azione
Lingua
Sottotitoli italiano
PEGI
16+
Prezzo
49,90 €
Data di uscita
3/9/2010

Metroid: Other M

Metroid: Other M Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Nintendo
Sviluppatore
Team Ninja
Genere
Azione
PEGI
16+
Data di uscita
3/9/2010
Data di uscita americana
31/8/2010
Data di uscita giapponese
2/9/2010
Lingua
Sottotitoli italiano
Giocatori
1
Prezzo
49,90 €

Hardware

Il gioco è un'esclusiva per Wii, in lavorazione incrociata fra Team Ninja e Nintendo. Non è ancora disponibile una data di uscita, indicativa né tanto meno definitiva.

Multiplayer

Non dovrebbe essere presente alcuna modalità a più giocatori. Il gioco, del resto, si pone come un'avventura singleplayer molto ricca dal punto di vista narrativo.

Link

Hands On

Tutto un altro Metroid

Samus Aran torna in un'avventura che stravolge la serie.

di Jacopo Mauri, pubblicato il

In occasione del Nintendo Media Summit 2010 tenutosi recentemente a Londra, la casa giapponese ha presentato veri e propri “pezzi da novanta” in forma liberamente giocabile. Oltre a Super Mario Galaxy 2, una grande sorpresa è stata quella di poter mettere le mani su Metroid: Other M, presente in una sala riservata a cui siamo potuti accedere solo per una mezz'oretta, sufficiente però a farci uscire decisamente colpiti...

Samus is back!

Lo si era capito fin da subito che questo nuovo Metroid sarebbe stato cosa a sé rispetto a quelli del passato. Vuoi per l'aria di cambiamento, vuoi per la presenza del Team Ninja in cooperazione con gli sviluppatori di Nintendo. Gli intenti di questa formidabile accoppiata sono del resto chiari, e ci vengono fin da subito spiegati da una delegazione del team: con Metroid: Other M si vuole portare a un livello successivo una serie che ha goduto in passato di grande successo, andando a rinnovarla sotto molteplici punti di vista.
Un primo aspetto ad essere cambiato è ad esempio quello relativo alla narrazione. Per parola degli sviluppatori, il nuovo episodio si pone come un vero e proprio “cinematic action game”: in passato l'importanza del background narrativo non era tra i fattori predominanti, ma ora la trama arriva a rivestire un ruolo di primissimo piano, complice anche il lavoro svolto sul passato di Samus Aran, che verrà ripreso e svelato, presumibilmente tramite un intreccio complesso e ricco di colpi di scena.
D'altra parte, è fin dall'introduzione filmata che i fatti assumono uno spessore notevole, con Samus che riparte dagli eventi conclusivi di Super Metroid, e dopo lo scontro con la sua nemesi si risveglia in una sorta di laboratorio, tra flashback e suggestivi ricordi che si intrecciano con il dubbio di aver sognato o immaginato tutto.

Si entra in azione...

Qui prendiamo in mano il Wiimote e iniziamo a giocare. Ed ecco innanzitutto una novità non da poco, i controlli: Metroid: Other M si comanda esclusivamente con il telecomando, tenuto in posizione orizzontale proprio come fosse un normale joypad. Con il tasto A è possibile trasformarsi, come di consueto, in morfosfera, cosa utile per attraversare cunicoli o passaggi particolarmente stretti di un livello, così come per rilasciare potenti mine esplosive sul campo di battaglia.
I tasti 1 e 2 sono invece rispettivamente usati per sparare e saltare, con la possibilità aggiuntiva (tenendo premuto il primo) di caricare un colpo più potente o (premendo con giusto tempismo il secondo) di saltare sulle pareti in puro stile platform, risalendo in verticale il livello. Con la croce direzionale è poi possibile muoversi, ma anche schivare gli attacchi nemici durante un combattimento.
“Muoversi”, parola apparentemente chiara e netta, ma che con Metroid: Other M deve essere debitamente spiegata. Il gioco, infatti, usa un sistema di avanzamento molto particolare, che alterna sessioni bidimensionali ad altre tridimensionali: si passa, insomma, da un classico scorrimento laterale a una esplorazione in profondità degli spazi, ma sempre in terza persona - che restituisce una sensazione molto particolare a chi regge il controller.

Le novità non finiscono

Ma c'è almeno un'altra, grande novità in relazione al sistema di controllo. Se infatti per la maggior parte del tempo il Wiimote funziona come un normale joypad, in alcuni tratti del gioco le cose cambiano radicalmente: la visuale (che, come detto, è generalmente in terza persona), può essere fatta passare in prima persona, semplicemente impugnando il Wiimote come un telecomando e puntandolo direttamente verso il televisore.
In questi tratti di gioco si ha dunque un ritorno alla tridimensionalità vera e propria, ed è possibile muovere liberamente la visuale in modo da prendere la mira sui nemici presenti, “agganciarli” e dunque sparare i colpi speciali di cui Samus è dotata. Nella nostra prova, ad esempio, raggiunto una sorta di boss finale il combattimento si è svolto in due momenti distinti: nel primo eravamo liberi di scorrazzare per l'area di gioco e colpire, in terza persona, il nemico. Nel secondo siamo invece passati in prima persona, con il mirino che evidenziava i punti critici da colpire con il giusto tempismo, così da mettere KO definitivamente il mostro.
Questo “switch” non è imposto a monte dai programmatori, essendo invece lasciato alla totale discrezione del giocatore. Resta inteso però che in alcuni passaggi è fondamentale effettuarlo, cosa che interviene a rendere più complesso il gioco stesso: dinanzi a certe situazioni, infatti, un cambio di visuale consente di osservare il livello in maniera totalmente diversa, trovando nuove vie e strategie per proseguire lungo la propria strada.

M come Metroid

L'impressione generale è stata quella di trovarsi davanti a un gioco che si pone come punto di rottura rispetto alla serie. Molti sono infatti i filmati d'intermezzo, e lunghi dialoghi hanno accompagnato la nostra mezz'ora di prova, grazie a una Samus Aran insolitamente loquace, collocata oltretutto in un contesto narrativo ricco di spunti e personaggi che promettono di saper delineare un'identità propria.
Alcuni aspetti sono forse da rivedere (o, almeno, da rifinire), come ad esempio il sistema di spostamento durante le sessioni in prima persona, o il meccanismo che gestisce la mira durante quelle in terza persona, al momento “direzionale” e quindi limitante in certi passaggi.
Quel che è sicuro, comunque, è che il gioco riesce a distinguersi per un taglio assolutamente accattivante, e dispone soprattutto di un ritmo a dir poco trascinante che lancia il giocatore in un continuo alternarsi di combattimenti, esplorazione e narrazione: tre facce che si integrano in maniera ottima tra loro, confezionando un'esperienza di gioco davvero stuzzicante.


Commenti

  1. lucacat

     
    #1
    Bella prova su campo, comunque non ho capito come si sposta samus quando trasla in prima persona. Come si cammina se manca il nunchuk?
  2. SixelAlexiS

     
    #2
    lucacat ha scritto:
    Bella prova su campo, comunque non ho capito come si sposta samus quando trasla in prima persona. Come si cammina se manca il nunchuk?
    con la croce direzionale?
  3. lucacat

     
    #3
    SixelAlexiS ha scritto:
    con la croce direzionale?
     direi che non è il massimo dell'ergonomia, poi ci sarebbe il problema degli item (cosa uso al posto della croce per scegliere l'arma da usare?). Insomma...il sistema di controllo non mi è ancora molto chiaro, ma il cambio di visuale che avviene semplicemente puntando il cursore alla tv è una bellissima trovata.
    Per carità, si potrebbe usare la croce direzionale per gli spostamenti, A per saltare, B per sparere ed 1-2 per cambiare armi o non so che cosa (anche + e -)...ma possono esserci anche altre soluzioni: B per avanzare in avanti e inclinando (o meglio ruotando il wiimote) a destra o sinistra si possono effettuare spostamenti laterali.
    Insomma, serve un piccolo approfondimento.
  4. SixelAlexiS

     
    #4
    lucacat ha scritto:
    direi che non è il massimo dell'ergonomia, poi ci sarebbe il problema degli item (cosa uso al posto della croce per scegliere l'arma da usare?). Insomma...il sistema di controllo non mi è ancora molto chiaro, ma il cambio di visuale che avviene semplicemente puntando il cursore alla tv è una bellissima trovata.
    Per carità, si potrebbe usare la croce direzionale per gli spostamenti, A per saltare, B per sparere ed 1-2 per cambiare armi o non so che cosa (anche + e -)...ma possono esserci anche altre soluzioni: B per avanzare in avanti e inclinando (o meglio ruotando il wiimote) a destra o sinistra si possono effettuare spostamenti laterali.
    Insomma, serve un piccolo approfondimento.
     guarda che le fasi un prima persona saranno solo fisse IMHO, questo non è un fps ma uno scrolling, indi saranno solo fasi sparacchine in cui bisogna puntare e sparare, per camminare poi si passerà alla terza persona.
    Se così non fosse, beh sarebbe assai scomodo.
  5. Baustalla

     
    #5
    lucacat ha scritto:
    direi che non è il massimo dell'ergonomia, poi ci sarebbe il problema degli item (cosa uso al posto della croce per scegliere l'arma da usare?). Insomma...il sistema di controllo non mi è ancora molto chiaro, ma il cambio di visuale che avviene semplicemente puntando il cursore alla tv è una bellissima trovata.
    Per carità, si potrebbe usare la croce direzionale per gli spostamenti, A per saltare, B per sparere ed 1-2 per cambiare armi o non so che cosa (anche + e -)...ma possono esserci anche altre soluzioni: B per avanzare in avanti e inclinando (o meglio ruotando il wiimote) a destra o sinistra si possono effettuare spostamenti laterali.
    Insomma, serve un piccolo approfondimento.
    Risulterebbe abbastanza complesso l'utilizzo della croce direzionale, secondo me potrebbe andare su binari e magari + e - per avanzare/retrocedere.
  6. Unbeatable Babyface

     
    #6
    Si passa in prima persona in qualsiasi momento (niente binari) ma si può solo ruotare lo sguardo in tutte le direzioni per le scansioni,per trovare strade alternative,per lockare i nemici per lanciare missili e chissà cos'altro.
    Si sapeva già da giorni,non avete letto altri hands on? :)
  7. Jacky

     
    #7
    SixelAlexiS ha scritto:
    con la croce direzionale?
     Preso.
    Il punto è questo: se ricordo bene (pietà, ma già la mezz'ora è durata pochissimiotra filmati e dialoghi, e oltretutto la gran parte del tempo l'ho passata nell'altra modalità), è proprio la croce a rendere piuttosto legnosi i movimenti in prima persona.
    Però, e c'è un però: per girare al volo il wiimote ci vuole proprio poco, quindi è anche possibile muoversi normalmente e poi entrare in prima persona per lanciare qualche missile, quindi tornare in terza. Il metodo di selezione dell'arma speciale è invece gestito tenendo premuto un pulsante per selezionare dal meno quale arma si intende usare.
  8. Jacky

     
    #8
    Unbeatable Babyface ha scritto:
    Si passa in prima persona in qualsiasi momento (niente binari) ma si può solo ruotare lo sguardo in tutte le direzioni per le scansioni,per trovare strade alternative,per lockare i nemici per lanciare missili e chissà cos'altro.
     
    MMm, mi pareva che qualche limitato spostamento fosse possibile, ma potrei benissimo sbagliare :)
  9. Tristan

     
    #9
    Jacky ha scritto:
    Preso.
    Il punto è questo: se ricordo bene (pietà, ma già la mezz'ora è durata pochissimiotra filmati e dialoghi, e oltretutto la gran parte del tempo l'ho passata nell'altra modalità), è proprio la croce a rendere piuttosto legnosi i movimenti in prima persona.
    Però, e c'è un però: per girare al volo il wiimote ci vuole proprio poco, quindi è anche possibile muoversi normalmente e poi entrare in prima persona per lanciare qualche missile, quindi tornare in terza. Il metodo di selezione dell'arma speciale è invece gestito tenendo premuto un pulsante per selezionare dal meno quale arma si intende usare.
       Ottimo il mio timore era che spezzasse troppo l'azione questo passaggio, bene così :)
    Bell'anteprima comunque! :))
  10. Unbeatable Babyface

     
    #10
    Jacky ha scritto:
    MMm, mi pareva che qualche limitato spostamento fosse possibile, ma potrei benissimo sbagliare :)
      Nessun hands on cita questa possibilità,non ti pare un pò strano?
    Non ti offendere,ma l'articolo sembra scritto da uno che non ha provato la demo con grande attenzione.Altro che bella anteprima.

    [Modificato da Unbeatable Babyface il 03/03/2010 12:52]

Continua sul forum (20)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!