Migrazioni Digitali

Migrazioni Digitali

Come Internet, la tecnologia e i videogiochi hanno cambiato la mia generazione. Racconti dalla subcultura dei migranti digitali: la generazione nata prima dell'era Internet, ma che vive nel pieno dell'accelerazione tecnologica.
Rubrica

La crisi di mezza età al tempo dei videogiochi

Come ho sconfitto il tempo dimostrando (quanto non conti) la mia maschiezza virtuale.

di Ivan Fulco, pubblicato il

Sono un videogiocatore e, in quanto videogiocatore, sono violento, collerico e tendenzialmente asociale. Da qualche tempo, tuttavia, sono anche un videogiocatore con qualche anno sulla gobba, che balzellon balzelloni avanza spedito verso il traguardo della terza età. Ohibò, intendiamoci: a tutt'oggi conservo un'invidiabile forma psicofisica: riesco ancora a sollevare un alimentatore dell'Xbox 360, per dirne una, oppure a restare sveglio fino alla fine di un aggiornamento della PlayStation 3. Nondimeno, qualche tempo fa ho deciso che era ormai giunto il momento di farsi assalire da una precoce crisi di mezza età. E qui è successo quello che non mi aspettavo.

Cosa accade a un qualsiasi rispettabile maschio occidentale che venga colto dalla crisi di mezza età? Elementare, Pertini: da un giorno all'altro decide di fregarsene del resto e di sputtanarsi tutti i risparmi di una vita. In primis compra una moto di una cilindrata improbabile, che nella maggior parte dei casi non è nemmeno in grado di tenere in piedi. In alternativa, acquista una qualsiasi auto sportiva, possibilmente decappottabile, così da poter andare libero nel mondo scompigliandosi i capelli che ormai non ha quasi più. Alcuni scelgono di comprare un'arma, altri prendono un cane, la maggior parte cambia per intero il proprio guardaroba. O almeno, questo è quello che mi avevano insegnato venti e più anni di telefilm americani. Ma io no. Io sono un videogiocatore e, in quanto videogiocatore, ho scoperto che la mia generazione è diversa da tutto quello che ci avevano raccontato.

Childhood and adulthood (novembre 2012) (foto da Instagram: @ivanfulco)  - Migrazioni Digitali
Childhood and adulthood (novembre 2012) (foto da Instagram: @ivanfulco)

E così, nel corso di queste ultime settimane, mi sono ritrovato a reagire alla crisi di mezza età come un degno figlio dell'era digitale. E per iniziare ho comprato Dark Souls! Esatto, un videogioco. Ora, non credo di dover spiegare a nessuno la portata simbolica del mio gesto, ma per chi non fosse uso all'argomento, andrò a illustrare. Dark Souls, con buona approssimazione, è il videogioco più schifosamente difficile e più perversamente ingiusto degli ultimi dieci anni. Un'opera del demonio che si prefigge di stremare psicofisicamente il giocatore, sottoponendolo a vessazioni senza precedenti per un videogame.

Secondo molti, e questo è ciò che conta, Dark Souls è uno strumento perfetto per distinguere chi è dotato di videoludica maschiezza da un qualsiasi quaquaraquà. Da qui, la ratio del mio acquisto, quasi a voler affermare pubblicamente: signori, gli anni passano, ma il vecchio leone ruggisce ancora. Non è stato un caso che, appena comprato, abbia posizionato il gioco in bella mostra in sala, accanto all'ingresso di casa, per ostentare la mia ritrovata giovinezza a chiunque entrasse. E non importa che ancora non l'abbia iniziato, o persino scartato: le intenzioni, vi assicuro, sono delle migliori.

Ikaruga mood (maggio 2012) (foto da Instagram: @ivanfulco) - Migrazioni Digitali
Ikaruga mood (maggio 2012) (foto da Instagram: @ivanfulco)

Nel frattempo, tuttavia, la mia crisi di mezza età mi ha portato a compiere altri gesti inconsulti. Nelle settimane scorse, per esempio, ho riesumato il mio vecchio Dreamcast e il relativo arcade stick, rispolverando la mia intera collezione di shooter vecchia scuola: Ikaruga, Border Down e Zero Gunner, Under Defeat, Trizeal e Radirgy, Shikigami no Shiro 2, Gigawing 2 e Psyvariar 2, fino a Trigger Heart Exelica, Chaos Field e Karous. Subito dopo ho acquistato un nuovo arcade stick e ho iniziato a comprare tutti gli shooter di nuova generazione, a partire da Dodonpachi Resurrection, Deathsmiles e Akai Katana. In un impeto amarcordiano ho persino recuperato Radiant Silvergun in versione Xbox Live Arcade, per quanto già l'avessi completato ai segaioli tempi (in senso di Sega Saturn) della mia giovinezza. Per dimostrare quanto fossi hardcore, ho financo violentato il mio televisore, posizionandolo in verticale per giocare ciascuno shooter in modo altamente professionale (e paradigmaticamente geek). Da lì, sono seguite alcune nottate trascorse come ai vecchi tempi, tra raffiche di proiettili da eludere e scariche di bestemmie da soffocare. Ah, quale sensazione di fanciullesco vigore.

È stato solo qualche giorno fa, tuttavia, che la mia crisi di mezza età ha probabilmente raggiunto il livello di guardia. Esattamente quando mi sono imbattuto in uno strano topic sul mio forum, in cui altri vegliardi come me discutevano le meraviglie di un gioco assurdamente difficile. E così, quel giorno ho acquistato Super Hexagon! Anche qui, è possibile che non tutti sappiano di cosa parlo. Super Hexagon, per chi non lo conoscesse, è un gioco in cui girare e rigirare su sé stessi per trovare un maledetto pertugio nel mondo ostile, e se poi duri dieci secondi è già un successo. Per alcuni, è più o meno una metafora del sesso. Per quanto mi riguarda, invece, è stata una breve ma feconda ossessione. Il tempo di prendere confidenza con il gioco, di migliorare i tempi e, infine, di battere il record di qualche amico. Per poi bullarmi senza ritegno con lui, ovviamente. Non solo in privato, sia chiaro, ma anche pubblicamente, ostentando la mia maschiezza sul forum. È stato molto appagante, non lo nego. La sensazione di aver dimostrato che, nonostante gli anni, sono ancora il campione di un tempo. O quasi.

Father and sons (luglio 2012) (foto da Instagram: @ivanfulco) - Migrazioni Digitali
Father and sons (luglio 2012) (foto da Instagram: @ivanfulco)

Oggi, qualche decina di acquisti e qualche centinaio di ore di gioco dopo, mi sento effettivamente meglio. Osservo tutti i giochi che ho comprato, poi scorro l'elenco dei miei nuovi record, e ho la percezione di aver superato la crisi. Ma a pensarci bene, non sono stati i videogiochi a disinnescare il senso del tempo. In queste settimane ho capito che, in realtà, sono altri gli elementi che possono restituire la reale dimensione di un uomo. Non è l'importanza del lavoro, l'entità dello stipendio, la metratura della casa o la cilindrata dell'auto. Non sono i punteggi record o la posizione in classifica. Non è, insomma, la lunghezza reale, sociale o virtuale del proprio arnese. È oggettivamente altra roba. Per quanto mi concerne, è quanto si riesce a dare agli altri. E quanto rimane di ciò che hai fatto dopo che hai voltato le spalle. O qualche altra ca&#ata da libro Cuore, non lo so. Per quanto riguarda voi, vedetevela voi. La mia crisi è passata, posso tornare alla vita di tutti i giorni. Ora devo solo decidere se iniziare o meno Dark Souls.


Commenti

  1. avengingod

    #1
    Guarda, leggere l'articolo mi è piaciuto tanto, mi ricorda tanto me, anche se il tipo di giochi è diverso...
  2. falinovix

     
    #2
    Grazie Ivan per il bell'articolo. Sto ancora annaspando nella crisi di mezza età, in attesa dei mitici "-anta", pronto a buttare tutte le felpe con cappuccio e le t-shirt per abbandonarmi a cardigan e camicie (di quelle che non si stirano, però), che le maglie col collo alto le porto già. Mi sono messo a collezionare robot giapponesi, così quando li guardo posso ancora sognare le guerre nello spazio che hanno dominato la mia infanzia. Davanti a me c'è la copia incelophanata di Resident Evil 6, l'ultimo capitolo della mia serie feticcio, di cui non so quasi nulla, ho deciso di leggere solo il post mortem di Edge. Se dici che poi passa, mi sento già meglio. Ancora non ho esattamente capito cosa conti veramente nella vita, ma so che non era quello che credevo solo qualche anno fa. Vacci piano con Dark Souls, può essere logorante. E se proprio vuoi farti male, giocalo offline.
  3. skorpion48

     
    #3
    io negli anta ci son dentro da un bel po e tante volte mi sento giovane, mi vesto alla buona jeans e maglietta e gioco con i più disparati generi di videogiochi anche se i miei preferiti son quelli di macchine, ci son dei giorni pero che mi sento il mio mezzo secolo addosso e mi viene tanta tristezza, mi manca una famiglia e il poter parlare con qualcuno a voce, ma x fortuna cè sto sito che mi svaga un po e ogni tanto ci scrivo un qualche commento, pero mi spiace che nel sito nessuno si sia interessato a me x scambiare quattro chiacchiere
  4. Hosenus

     
    #4
    Ciao a tutti, ho un pg+ liv 114 (sono un cavaliere) e volevo sapere quale fosse l'arma, armatura, scudo e arco più forti del gioco, come arco intendo quello leggero, non ammazzadraghi..
    Questo è il mio equipaggiamento per ora:
    Armatura del gigante +5
    Spadone del re cavaliere +5
    Scudo di havel +5
    Arco composito grezzo +3
    Voi che ne dite?
    Ps: scusasetame se l'ho scritto in questo articolo, so che non c'entra nulla.. Però avrei bisogno di una risposta, siccome l'ho già messo in un articolo mio ma a quanto pare nessuno mi ha risposto, spero che mi rispondiate, grazie ;)
  5. Castu1983

     
    #5
    HosenusCiao a tutti, ho un pg+ liv 114 (sono un cavaliere) e volevo sapere quale fosse l'arma, armatura, scudo e arco più forti del gioco, come arco intendo quello leggero, non ammazzadraghi..
    Questo è il mio equipaggiamento per ora:
    Armatura del gigante +5
    Spadone del re cavaliere +5
    Scudo di havel +5
    Arco composito grezzo +3
    Voi che ne dite?
    Ps: scusasetame se l'ho scritto in questo articolo, so che non c'entra nulla.. Però avrei bisogno di una risposta, siccome l'ho già messo in un articolo mio ma a quanto pare nessuno mi ha risposto, spero che mi rispondiate, grazie ;)
    scusa ma c'è il topic di dark soul per chiedere consigli, cmq dipende da come vuoi sviluppare il pg e le caratteristiche sempre del personaggio. Ci sono tante build forti cercale sulla wiki del gioco e trova quella che piu ti piace. Poi il pg lo vuoi per la run del gioco o per invadere?

    http://www.videogame.it/forum/t/470796/thread-ufficiale-dark-souls.html?page=261
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!