Genere
ND
Lingua
Giapponese
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
29/1/2001

Mobile Suit Gundam

Mobile Suit Gundam Aggiungi alla collezione

Datasheet

Data di uscita
29/1/2001
Lingua
Giapponese
Giocatori
1

Lati Positivi

  • Buon uso delle potenzialità della licenza
  • Missioni spesso intriganti
  • Eccellente il Tactics Battle
  • Buona cura grafica

Lati Negativi

  • Sistema di controllo non proprio intuitivo
  • Qualità tecnica a volte altalenante
  • Poco longevo
  • Poche opzioni

Hardware

Il gioco testato è in versione giapponese per cui necessita di una PlayStation 2 di tipo analogo per essere giocato. Mobile Suit Gundam supporta il controller standard e la Memory Card per il salvataggio dei dati.

Multiplayer

Mobile Suit Gundam non dispone di alcuna modalità multiplayer.

Link

Recensione

Mobile Suit Gundam

La maggior parte dei tie-in di Bandai riguardanti Gundam si sono rivelati negli ultimi anni quasi degli espedienti per spremere le tasche dei fan della serie. Con Mobile Suit Gundam per PlayStation 2, Bandai torna all'attacco, ma quali saranno i risultati questa volta?

di Alessandro Casini, pubblicato il

TACTICS BATTLE

Dopo aver terminato le missioni della modalità principale si rende disponibile il Tactics Battle Mode che, per inciso, di tattico o strategico ha poco o niente. Si tratta semplicemente di affrontare tre missioni dalla parte della Federazione o di Zion coadiuvati da un numero variabile di unità alleate gestite da un'efficiente intelligenza artificiale. La cosa interessante è che completando le battaglie con i mobile suit disponibili di default se ne renderanno disponibili di nuovi ripresi tra quelli incontrati nella modalità principali ai quali si aggiungono altri guest MS.
Quest'ultimi sono tratti dalle varie serie di OAV che si svolgono parallelamente alla prima serie (Gundam 0080 e 08MS Team) e anche dai giochi Rise From The Ashes per Dreamcast e The Blue Destiny per Saturn. A conti fatti il Tactics Battle si rivela addirittura più interessante del gioco principale grazie alla varietà di unità disponibili e alle loro prestazioni diversificate sia per velocità, sia per sistema di armamento. L'unica pecca riguarda il numero di missioni disponibili che è veramente troppo limitato, senza contare il fatto che non è possibile in alcun modo apportare modifiche alla loro struttura. Certo, la possibilità di usare i mobile suit di Zion in un contesto realizzato decentemente (meglio non commentare la modalità simile presente in Mobile Suit Gundam Ver 2.0 per PlayStation...) è allettante e per un po' è un buon antidoto alla monotonia che lentamente fa capolino.

TECNICAMENTE PARLANDO

La realizzazione tecnica di Mobile Suit Gundam è globalmente discreta presentando un mondo poligonale piuttosto consistente, tanto che inquadrando una strada capita di vedere piccoli dettagli come auto e addirittura poveri ciclisti in fuga dal campo di battaglia. Ogni elemento dei fondali può essere distrutto e spesso uno scambio di colpi andati a vuoto causa esplosioni e crolli di palazzi.
Il rovescio della medaglia è la bassa risoluzione verticale impiegata che rende il tutto poco definito mentre l'orizzonte è costantemente oscurato da un effetto nebbia che copre il bad clipping. I mobile suit sono di qualità altalenante e, se il modello del Gundam RX 78 2 avrebbe avuto bisogno di un numero maggiore di poligoni, difficilmente si potrebbe pretendere risultati migliori per altri come quello dei Rick Dom o del Blue Destiny. Sfortunatamente le texture sono state applicate con una certa imperizia, tanto che alcune strutture e mobile suit sembrano "incartati" da esse. A ogni modo l'engine grafico si dimostra sempre all'altezza della situazione mantenendo una fluidità più che accettabile anche quando entrano in scena unità di dimensioni ragguardevoli, mentre le animazioni in alcuni casi sono concettualmente sbagliate dando l'idea di vedere in movimento dei battlemech più che dei mobile suit.
Nelle scene di intermezzo in realtime sono stati applicati dei filtri e la risoluzione verticale viene raddoppiata, ma di sicuro l'attrattiva maggiore per i fan sono le lunghe sequenze in full motion video tratte dai due film in qualità DVD, per non parlare della "sigla" realizzata ex novo per il Tactics Battle. Il comparto sonoro si avvale di musiche e effetti tratti direttamente dalla serie originale di Gundam e questo per il fronte dei BGM può essere considerato un difetto. Il motivo risiede sia nello stile datato che nella bassa qualità originale delle musiche che erano state realizzate all'epoca con un budget estremamente limitato e con una convinzione minore rispetto ad altre serie della Sunrise come Daitarn 3 o Voltes V.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Mobile Suit Gundam è un gioco dotato di un concept valido (sebbene si tratti di un "furto" riuscito dalla serie di Armored Core) condito da spunti interessanti, ma rovinato da una longevità piuttosto bassa. La necessità pressante di farlo uscire nel periodo natalizio ha impedito ai programmatori di rifinire in maniera adeguata sia la modalità principale che il Tactics Battle, con il risultato che ci si ritrova di fronte a schermate teoricamente ideate per personalizzare le missioni, ma che in pratica non servono a nulla. Fortunatamente le pecche non bastano ad affondare il titolo della Bandai, ma i fan dei mecha dovrebbero guardare a esso come una seconda scelta dopo Armored Core 2 della From Software.