Genere
Guida
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
16+
Prezzo
ND
Data di uscita
Aprile 2012

MUD - FIM Motocross World Championship

MUD - FIM Motocross World Championship Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Black Bean Games
Sviluppatore
Milestone
Genere
Guida
PEGI
16+
Distributore Italiano
Leader
Data di uscita
Aprile 2012
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
1-12

Lati Positivi

  • Caratterizzato da uno stile grafico accattivante
  • Finalmente per Milestone una ventata di fresche emozioni arcade…

Lati Negativi

  • … anche se vincolate dall’eredità di anni di approcci simulativi
  • Sistema di trick poco elaborato e scarsamente gratificante

Hardware

MUD: FIM Motocross World Championship è disponibile per 360 e PS3 (al prezzo di € 49,99) e PC (€ 39,99).

Multiplayer

MUD supporta il multiplayer online per 12 giocatori.

Modus Operandi

Abbiamo ricevuto un codice review per PS3 dal distributore del gioco, Leader.

Link

Recensione

Quattro piloti per la gloria

C’erano un tedesco, un giapponese, un americano e un italiano...

di Francesco Sica, pubblicato il

Abbiamo accennato al fatto che ogni Eroe della modalità World Tour è particolarmente portato per determinate competizioni, come ad esempio l’americano Zack Brooks che da il meglio di sé nelle gare testa a testa, ma ogni evento potrà essere completato indifferentemente con ognuno dei quattro Eroi, anche grazie al fatto che tutti saranno gradualmente potenziabili in quattro abilità di guida fondamentali: Resistenza, Istinto, Agilità e Forza. Mentre le ultime due hanno a che fare con aspetti realistici del modello di guida, conferendo al pilota una maggior destrezza in curva e la capacità di domare più facilmente la moto anche sui terreni più accidentati, la Resistenza e l’Istinto si ricollegano agli aspetti più arcade dell’esperienza. Purtroppo è proprio il modello di guida a lasciare parzialmente insoddisfatti, forse proprio perché così artificialmente tarato per non risultare mai né simulativo, né troppo arcade. Se da un lato la cosa potrebbe tutto sommato conquistare i puristi della simulazione, così attenti alle traiettorie e ai tempi di frenata, dall’altro comporta una leggera ma inevitabile mancanza di spettacolarità delle competizioni, soprattutto mettendo a confronto MUD con uno degli esponenti più estremi del genere di appartenenza: il divertentissimo e delirante Pure. Da tale confronto diretto, MUD ne esce inevitabilmente sconfitto anche per quanto riguarda il design dei tracciati proposti, che nel tentativo di mantenere proporzioni tendenzialmente realistiche, non gratificano mai con rampe realmente esagerate, pendenze mozzafiato e percorsi alternativi, lesinando di riflesso anche sull’effettiva sensazione di velocità garantita.

IN MEZZO ALLA BAGARRE
Alla fine, però, l’elevato numero di piloti in gara e la discreta sfida offerta impostando l’Intelligenza Artificiale già su livelli intermedi rende ogni sessione di guida sufficientemente movimentata e avvincente, richiedendo una grande concentrazione per domare la moto fra dossi e scie lasciate nel fango degli altri avversari, gratificando i più esigenti perfino con la necessità di bilanciare il peso del pilota fra avantreno e retrotreno pur di evitare rovinose perdite di aderenza e (poco) scenografiche cadute. Se volete sperimentare il massimo del coinvolgimento, accettate un consiglio ed impostate la visuale ravvicinata, molto più dinamica e capace di rendere al meglio la sensazione di cavalcare una possente moto da cross! Dove MUD non riesce proprio a convincere, invece, è nelle gare di trick, presenti sia fra gli eventi del World Tour, sia in formato stand alone sotto il nome di Monster Energy Trick Battle. Il modello di guida, in occasione di tali fasi di gioco, manifesta tutta la sua rigidità, rendendo poco gratificante l’esecuzione delle acrobazie, ma soprattutto mortificando con rovinose cadute qualsiasi tentativo di concatenare più di due trick per salto. Non è stata predisposta nessuna dinamica di pre-caricamento delle acrobazie, eliminando – comprensibilmente – la possibilità di eseguire irrealistici avvitamenti complessi in favore di canonici Backflip. Poco appagante, però, il non poter fare alcun trick contemporaneamente a una rotazione, definendo un sistema di combo minimali e a tenuta stagna. Peccato, perché le arene delle Trick Battle rappresentano con buona probabilità le scenografie più suggestive dell’intera produzione.

Le routine di deformazione dinamica del terreno sono uno degli aspetti più interessanti del comparto grafico del gioco - MUD - FIM Motocross World Championship
Le routine di deformazione dinamica del terreno sono uno degli aspetti più interessanti del comparto grafico del gioco

In quanto a realizzazione tecnica, MUD sfoggia modelli poligonali delle moto dettagliatissimi, con pregevoli tocchi di classe come le maglie dei piloti che ondeggiano realisticamente. Le routine di deformazione dinamica del terreno sono, ovviamente, il fiore all’occhiello della produzione, rivaleggiando in resa estetica con quanto di buono è già stato visto in MotorStorm, ma surclassandolo in merito all’impatto concreto sulle dinamiche di gara. Peccato per una restrittiva gestione del livello di dettaglio, che tende a calare in modo abbastanza percepibile a poca distanza dal punto di vista; difetto che, purtroppo, affligge anche il Photo Mode. Di sicuro, nonostante i suoi limiti, si tratta di un titolo made in Italy di sicuro impatto, spettacolare da vedere e appagante da giocare, capace di offrire l’interpretazione del motocross più gratificante che abbiamo potuto sperimentare dai tempi di Moto Racer.

Voto 3 stelle su 5
Voto dei lettori
MUD si rivela una piacevole sorpresa, proponendo in un colpo solo un omaggio alla licenza ufficiale FIM e un’interpretazione del motocross originale e ben strutturata. Non riesce, tuttavia, a rivaleggiare ad armi pari con i mostri sacri del genere a causa di un approccio troppo conservativo. Se Milestone avesse osato di più, sbilanciandosi nell’introdurre elementi arcade ancora più marcati, probabilmente ci troveremmo di fronte ad un indiscusso capolavoro made in Italy…

Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!