Genere
Guida
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
16+
Prezzo
ND
Data di uscita
Aprile 2012

MUD - FIM Motocross World Championship

MUD - FIM Motocross World Championship Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Black Bean Games
Sviluppatore
Milestone
Genere
Guida
PEGI
16+
Distributore Italiano
Leader
Data di uscita
Aprile 2012
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
1-12

Hardware

MUD: FIM Motocross World Championship è disponibile per 360 e PS3 (al prezzo di € 49,99) e PC (€ 39,99).

Multiplayer

MUD supporta il multiplayer online per 12 giocatori.

Modus Operandi

Abbiamo ricevuto un codice review per PS3 dal distributore del gioco, Leader.

Link

Recensione

Milestone torna alle origini

Una piccola perla… incrostata di fango.

di Francesco Sica, pubblicato il

Dopo anni di approcci marcatamente simulativi alle due e quattro ruote, Milestone allenta il nodo alla cravatta, si rimbocca le maniche della camicia per non sporcarsi le mani nel fango e abbraccia nuovamente lo spirito arcade che ne aveva contraddistinto le produzioni degli albori, quando ancora l’orgoglio della produzione nazionale di videogiochi si chiamava Graffiti e ruggivano su PC i motori di Screamer.

MOTOCROSS NUDO E CRUDO
L’impatto emozionale di MUD: FIM Motocross World Championship è distante anni luce dalla sobria compostezza degli ultimi SBK e si tiene alla larga anche dall’ultimo onesto WRC, nonostante condivida parzialmente con esso le asperità dei terreni di gara. Il fatto di avere sotto le mani l’ennesima licenza ufficiale, stavolta legata alle competizioni di motocross serie MX1 ed MX2, non ha legato le mani ai ragazzi di Milestone… non del tutto almeno. Nonostante un filmato iniziale che ritrae un pilota in carne ed ossa, intento ad indossare guanti e casco prima di gettarsi nella mischia di una competizione, tutta l’infrastruttura dei menu è stata realizzata con uno stile cartoon molto particolare, che per certi versi richiama alla mente le sequenze di intermezzo di MotorStorm: Apocalypse, senza tuttavia soffermarsi inutilmente su elementi narrativi di contorno né prendersi la briga di contestualizzare in qualche modo gli eventi di gara. Anche la colonna sonora che strizza l’occhio al punk metal, con brani che vi urlano nelle orecchie fino a farvele sanguinare, è una scelta che indubbiamente aiuta a calarsi nell’atmosfera ruvida delle competizioni di motocross. Eppure, nonostante l’evidente intenzione di confezionare un titolo dallo spirito marcatamente arcade, è proprio la presenza di una licenza e di una pioggia di sponsor ingombranti, fra cui l’onnipresente Monster Energy e una pletora di marchi di costruttori come Honda, Yamaha, Kawasaki e KTM, che ha in qualche modo imposto di trovare un compromesso fra le rinnovate ambizioni del team di sviluppo e le necessità di realismo di una produzione che, da qualche parte, doveva pur fare comparire un roster di piloti ufficiale. Una dicotomia, questa, che pervade ogni aspetto di MUD, a partire dall’offerta delle modalità di gioco, fino arrivare al modello di guida vero e proprio.

Il World Tour ha un'anima squisitamente arcade: si collezionano monete, da spendere nell'acquisto di gare e personaggi - MUD - FIM Motocross World Championship
Il World Tour ha un'anima squisitamente arcade: si collezionano monete, da spendere nell'acquisto di gare e personaggi

Per quanto riguarda le prime, vi troverete di fronte alla possibilità di accedere ad una Modalità Ufficiale, che chiaramente rappresenta la parte più “incravattata” del titolo, oppure di dedicarvi spensieratamente al MUD World Tour. Nella zona ufficiale potrete sostanzialmente decidere se partecipare ad un campionato di classe MX1, MX2 oppure Open, impersonando uno dei piloti realmente appartenenti al panorama mondiale di motocross. Se siete dei patiti di questo sport è scontato che non potrete fare a meno di cedere, in prima battuta, alla tentazione di rintracciare subito il vostro idolo, ma vi assicuriamo che il meglio della portata è rappresentato dalla modalità MUD World Tour. Accedendovi verrete catapultati in un turbinio di eventi di gara, suddivisi in quindici sessioni da quattro competizioni ciascuna. Ogni sessione potrà essere affrontata con uno dei quattro Eroi proposti, ognuno dei quali si dimostrerà particolarmente dotato in determinate situazioni di gara. Si tratta di classici stereotipi: il pilota tedesco Lars “Shredder” Keller, il giapponese Koji “Raiden” Hayasa, l’americano Zack “Old Man” Brooks e, infine, l’italianissimo Ivan “Il Fusibile” Prelli. All’inizio potrete impersonare solo Lars Keller e accedere esclusivamente al primo evento di gara, meritandovi l’accesso ad ogni ulteriore contenuto di gioco solo con la dimostrazione del vostro valore in gara, remunerato di volta in volta con monete indispensabili per dedicarvi allo shopping compulsivo di nuovi personaggi, abilità, eventi e trick. Un meccanismo semplice e funzionale, che non mancherà di innescare irresistibili dinamiche di gioco, titillando il pilota sborone che è in ognuno di voi con la possibilità di condividere i migliori tempi record su graduatorie online.


Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!