Genere
Guida
Lingua
ND
PEGI
3+
Prezzo
€ 64,90
Data di uscita
5/2/2010

MX vs ATV: Reflex

MX vs ATV: Reflex Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
THQ
Sviluppatore
Rainbow Studios
Genere
Guida
PEGI
3+
Distributore Italiano
THQ Italia
Data di uscita
5/2/2010
Giocatori
12
Prezzo
€ 64,90
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Dolby Surround

Hardware

Per giocare MX Vs ATV Reflex saranno richiesti una console PlayStation 3 o Xbox 360 con i relativi controller. Il gioco, con caratteristiche diverse per i portatili, è in arrivo anche su PSP e Nintendo DS.

Multiplayer

Due giocatori potranno sfidarsi nel classico split-screen sulla stessa TV e console. In alternativa, fino a dodici persone si affronteranno nel multiplayer via Internet, tramite Xbox Live o PlayStation Network.

Link

Hands On

Fango deformabile per tutti

Moto da cross e quad alla prova "pre lancio".

di Alessandro Martini, pubblicato il

In vista della pubblicazione europea, Ian Wood (direttore artistico presso Rainbow Studios) ha fatto un salto da Phoenix, Arizona, alle sedi italiane di THQ per presentare la versione Xbox 360 di MX Vs ATV Reflex, l'ultima uscita nella fortunata serie con protagonisti gli omonimi veicoli "off-road".
Com'è naturale, la presentazione per la stampa si è soffermata sui maggiori punti di forza rispetto alle versioni precedenti ovvero il sistema di controllo "a doppio stick" e il terreno deformabile in tempo reale (qualcuno ha giocato Sega Rally anche oltreoceano...). Nonostante la dimostrazione "mono console" ci è stato garantito che le due uscite per console HD saranno identiche come realizzazione e contenuti, nonché sul lato delle specifiche relative alla parte online.

un manubrio con due leve analogiche

Il layout dei comandi, ribattezzato "Reflex System" vuole simulare lo spostamento del peso da parte dei piloti (nel controllo dei loro mezzi) durante la corsa, come già tentato varie volte da altri titoli simili. La differenza sta nel fatto che un intero stick analogico, quello di destra, viene utilizzato per questa funzione offrendo così più varietà nei movimenti e libertà al giocatore nel scegliere come "influenzare" il proprio veicolo.
Il sistema è talmente accurato e approfondito che sulle prime risulta facile confondersi e quindi cadere rovinosamente, sopratutto durante i salti. Dopo qualche partita, impariamo a gestire meglio le traiettorie e inclinare il secondo stick nel modo corretto, così da sfruttare l'inerzia data dal corpo, ad esempio per "stringere" una curva affrontata in velocità. I nuovi comandi entrano in gioco naturalmente anche a mezz'aria e nelle evoluzioni, andando a incidere sugli atterraggi che richiedono una certa attenzione per non ritrovarsi disarcionati rapidamente. Se il tutto appare troppo complesso, va detto che alcune concessioni "arcade" sono comunque presenti e aiutano chi è alle prime armi: ad esempio, l'indicatore di equilibrio dopo un salto che ci permette di riprendere la moto prima che finisca a terra.
Il secondo argomento da trattare è ovviamente il terreno deformabile, che influenza l'aspetto del tracciato (creando solchi e tracce ben visibili) ma allo stesso tempo ha ripercussioni sui movimenti della moto e sul relativo modello fisico. Si nota infatti e immediatamente che una parte di pista molto rovinata dal passaggio di altri concorrenti rende più instabile il nostro veicolo, portando le sospensioni (e i giocatori) a del lavoro extra per mantenere il controllo. Ciò appare molto realistico soprattutto in movimento e nei confronti delle gare reali, con i mezzi che raramente seguono la classica "corsia perfetta" di altri videogiochi.

arcade "simulativi" alla riscossa

Una volta presi in mano i controlli, le sensazioni emerse guardando semplicemente foto e video lasciano spazio alle prime difficoltà nella gestione del duo pilota/veicolo, sebbene la pratica renda (quasi) perfetti già dopo alcuni minuti. Del resto, non è un male vedere una maggiore profondità anche nei titoli di scuola arcade o comunque pensati per il grande pubblico, e da questo punto di vista MX Vs ATV Reflex garantisce parecchie ore di apprendistato a chi vorrà "dominare" veramente il proprio mezzo.
Sul lato prettamente tecnico, emerge l'esperienza maturata in un decennio da Rainbow Studios con i giochi di guida su sterrato, a partire dalla fluidità (consistente e stabile anche giocando via schermo diviso) per arrivare alla modifica in tempo reale del tracciato. Lo stesso Ian Wood ci ha fatto sapere che il team si è recato in giro per il mondo ad osservare varie tipologie di circuiti e il modo in cui vengono "distrutti" dalle gare, sopratutto in relazione a diversi materiali come terra, neve o fango. La conformazione delle piste e il modo in cui sono influenzate dai mezzi appare molto verosimile, anche per l'assenza di fastidiosi muri invisibili nei tracciati indoor (urtate un sostegno e finirete fuori pista penalizzati, ma lo stesso sostegno volerà in aria). Benché l'impatto grafico generale non sia stratosferico come dettaglio, la quantità di oggetti su schermo e la varietà presente nei tracciati aiutano a tenere alto l'interesse dei giocatori.
Parlando di interesse sulla distanza, non si può chiudere questo primo test "in diretta" senza citare i contenuti e le opzioni annunciate per il gioco completo, che spaziano dalla carriera per giocatore singolo al multiplayer su schermo diviso per due persone, numero che sale a dodici passando a Internet, ovvero Xbox Live o PlayStation Network. Va detto inoltre che, pur essendo moto e quad gli assoluti protagonisti, nella versione definitiva saranno presenti anche buggy e jeep per dare maggiore varietà al tutto. Per sapere se Rainbow Studios ha fatto centro ancora una volta in quello che è "il suo" genere, non vi resta che tenere d'occhio l'uscita del gioco e la sua recensione qui sulle pagine di Nextgame.it!


Commenti

  1. Stefano Castelli

     
    #1
    Graficamente non sembra una "bomba", però di solito i loro giochi sono perle di giocabilità.

    Peccato non vedere un nuovo Splashdown.
  2. SixelAlexiS

     
    #2
    Stefano Castelli ha scritto:
    Graficamente non sembra una "bomba", però di solito i loro giochi sono perle di giocabilità.
    Peccato non vedere un nuovo Splashdown.
      provata la demo... brutta roba, peccato :(
  3. Meshuggah 81

     
    #3
    io invece l' ho trovata buona..
    un po' frustrante all' inizio gestire il peso con l' analogico destro, ma quando si prende confidenza ci si diverte..
    certo non è un gioco che prenderò al lancio, questo sicuro..ma se online regge bene imho saranno grosse risate
  4. magix-fox

     
    #4
    io lo trovo bellissimo.....
  5. the TMO

     
    #5
    Urge saperne di più e provare la demo, anche se mi dicono sia pessima e non comparabile al prodotto finale.
  6. MirKinO

     
    #6
    Provato la demo. Mi diverto 100mila volte di più con motorstorm.
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!