Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

N-Gage Nokia

Speciale

L'E3 2005 di Nokia - Grandi novità per la casa finlandese

Bisogna ammetterlo, rispetto a un paio di anni fa Nokia ha fatto un esame di coscienza e un bagno di umiltà, e in questo E3 2005 si è ripresentata al pubblico in una nuova veste, scegliendo di adottare quella che, con tutta probabilità, si dimostrerà davvero una scelta vincente. Scoprite in che modo in futuro i videogiochi incroceranno la strada dei telefoni cellulari Nokia…

di Alberto Torgano, pubblicato il

Nextgame.it: Ci può parlare un po' del nuovo approccio di Nokia al mondo dei videogiochi?

Damian Stathonikos: Certamente, Nokia punta a espandere ulteriormente le possibilità multimediali dei suoi telefoni cellulari, ad aumentare l'offerta di gioco mobile in modo da raggiungere più persone e ampliare la base installata di piattaforme N-Gage. Nokia ha annunciato che altri telefoni saranno compatibili con i giochi N-Gage, negli ultimi due anni abbiamo imparato un sacco di cose e abbiamo stabilito legami con publisher e software house, ora siamo pronti per espandere tutto questo agli altri smartphone Nokia.
Considera che nel 2005 Nokia venderà circa 25 milioni di smartphone, e che si calcola che entro il 2008 il mercato mondiale toccherà i 250 milioni di cellulari di nuova generazione. Basta pensare un attimo a questi numeri per capire che per i publisher e le software house c'è una grande opportunità in ballo: portare sugli smartphone i propri marchi, titoli e proprietà intellettuali, con la certezza di avere a disposizione un'enorme base installata.
Il nostro obiettivo è di offrire giochi di qualità su smartphone alla maggior quantità di persone possibili, ma senza obbligare nessuno ad acquistare un cellulare dal design pensato esclusivamente per i videogiochi, come N-Gage. Se un cliente vuole giocare, ma desidera anche cover intercambiabili, musica, fotocamera e un design di un certo tipo, nell'offerta di Nokia in futuro potrà trovare tutto questo, senza orientarsi per forza su di un unico modello.
Nel mercato degli smartphone è difficile trovare giochi di qualità, ci sono molti titoli, ma spesso sviluppati male o magari incompatibili con certi modelli; noi puntiamo a rendere tutto più semplice e a innalzare la qualità dei giochi.

Nextgame.it: In quest'ottica il modello N-Gage avrà comunque un successore diretto?

Damian Stathonikos: Nokia ogni anno crea decine di nuovi modelli di cellulare, quindi sarebbe stupido non approfondire una linea come quella di N-Gage. Attualmente non abbiamo annunci ufficiali, ma stiamo lavorando a diversi concept per i futuri modelli Nokia e posso assicurare che il QD non sarà l'ultimo modello di N-Gage.

Nextgame.it: Per quanto riguarda i giochi invece ci sono novità?

Damian Stathonikos: Se fai un giro per lo stand vedrai che ci sono molti titoli in cantiere, per esempio abbiamo Pathway to Glory: Ikusa Island che, accanto a una solida modalità single player, offre anche una completissima esperienza di gioco multiplayer. Il bello di N-Gage è che permette di giocare anche a distanza tramite N-Gage Arena, nei giochi first party cerchiamo sempre di curare al massimo questa caratteristica, per offrire la migliore e più completa esperienza di gioco possibile.

Nextgame.it: Parlando di N-Gage Arena, in Italia non è così vantaggioso giocare online via smartphone a causa delle tariffe piuttosto alte, in base ai vostri feedback, in quale Paese il gioco online via N-Gage è più diffuso?

Damian Stathonikos: Dal punto di vista degli accessi il primo Paese sono gli Stati Uniti. Dal canto nostro, per contrastare i costi connessione, cerchiamo sempre di ridurre al minimo indispensabile la quantità di dati che deve essere inviata durante il gioco online. Per esempio un gioco come Pocket Kingdom scambia appena 60 KB all'ora, in ogni caso in futuro i costi probabilmente si abbasseranno. È un po' come per gli SMS, all'inizio costavano tanto, ma adesso sono molto economici.

Nextgame.it: Novità riguardo il mercato giapponese?

Damian Stathonikos: In Giappone N-Gage non è commercializzato perché non c'è rete GSM, ma naturalmente sono in vendita molti altri modelli di cellulari Nokia. In futuro, con l'allargarsi della compatibilità ai giochi N-Gage ad altri modelli, anche in Giappone sarà possibile utilizzarli.

Nextgame.it: Attualmente i giochi N-Gage non offrono seri ostacoli contro la pirateria, per il futuro Nokia come ha intenzione di ostacolare la diffusione di copie pirata dei giochi per la sua console?

Damian Stathonikos: Teniamo in grande considerazione il problema della pirateria e stiamo studiando vari sistemi per combatterla insieme a sviluppatori e publisher. In futuro probabilmente sfrutteremo la possibilità di N-Gage di essere sempre connesso a un network, per esempio bloccando l'ingresso ad Arena per i giocatori che utilizzano copie pirata. Quest'idea verrà utilizzata da molti in futuro, basta dare un'occhiata a Microsoft: tutti i giochi Xbox 360 saranno compatibili con il Live e la console è studiata per essere sempre connessa, in questo modo sarà molto semplice controllare la pirateria. Attualmente stiamo valutando varie strade per contrastare efficacemente la pirateria su N-Gage, ora non posso dire nulla, ma ci stiamo lavorando.

Nextgame.it: Grazie mille per il suo tempo.

Damian Stathonikos: Grazie a voi.