Genere
Sportivo
Lingua
ND
PEGI
3+
Prezzo
€ 59,90
Data di uscita
7/10/2011

NBA 2K12

NBA 2K12 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
2K Sports
Sviluppatore
Visual Concepts
Genere
Sportivo
PEGI
3+
Distributore Italiano
Take2
Data di uscita
7/10/2011
Data di uscita americana
4/10/2011
Prezzo
€ 59,90

Lati Positivi

  • Partite storiche spettacolari
  • Atmosfera a livelli assoluti
  • Controlli e giocabilità più immediati
  • Buone aggiunte a My Player
  • Audio eccellente

Lati Negativi

  • Qualche sbavatura tecnica
  • Troppo arcade nei settaggi base
  • Registrazione iniziale estenuante

Hardware

NBA 2K12 è in uscita su tutti i principali formati console e su PC. La versione provata, per Xbox 360, supporta i televisori 3D o i classici occhialini bicolore.

Multiplayer

Oltre alle sfide online con gli amici, ritroviamo il multiplayer via Internet e la nuova Associazione giocabile anche sulla rete (con tutte le 30 squadre assegnate agli utenti).

Modus Operandi

L'articolo si basa sul test della versione completa fornita direttamente dal produttore. La prova è stata concentrata sulle aggiunte di quest'anno, quindi le partite del passato, la modalità My Player e Crea una Leggenda.
Recensione

Continua la dinastia

Il primo supera se stesso, ancora.

di Alessandro Martini, pubblicato il

Oltre alle novità descritte nella prima pagina, non dobbiamo dimenticare gli altri contenuti che tornano puntuali dalle edizioni precedenti, a cominciare dalla modalità gestionale. L'Associazione si estende da quest'anno alla rete e permette (agli utenti ben organizzati) di seguire un'intera stagione online con tutte le 30 squadre e altrettanti giocatori umani a gestirle. Non mancano il "semplice" campionato o i soli playoff, mentre l'inutile sezione street è stata ridotta alla sola partita singola. Ma c'è anche un'altra novità che farebbe imbestialire Allen Iverson: il Training Camp.

kobe contro Jordan in palestra

Vista la revisione generale dei controlli, ridotti per numero di tasti e semplificati nelle meccaniche, è stato creato un nuovo allenamento che si basa su prove specifiche tra campioni attuali e di una volta. Oltre a imparare i comandi, si affrontano i duelli che non potevano esistere nella realtà: ad esempio Jordan che insegna a Kobe le sue mosse e poi lo sfida (al termine dell'allenamento) nel classico uno contro uno. Un'idea divertente per quanto i test siano piuttosto impegnativi e molto rigorosi nell'esecuzione: sbagliate tempismo nella pressione di un tasto e si ricomincia dall'inizio.
Spostandoci sulla partita vera e propria, rispetto a NBA 2K11 c'è più equilibrio tra attacco e difesa, maggiore fluidità nelle azioni e qualche ritocco a livello di movimenti e collisioni tra i giocatori. Meno bad clipping e contatti "strani", animazioni più verosimili e una generale pulizia dell'immagine che accrescono ulteriormente la sensazione di osservare una vera partita. L'effetto TV è aumentato dall'edizione passata grazie alla nuova regia e alle molte introduzioni filmate o stacchi durante la partita. La sola presentazione del match è un miniclip musicale, e perfino nei replay manuali possiamo (premendo un tasto) rivedere l'ultima azione da varie telecamere con tanto di musica. Nel quadro generale, come sempre ottimo, emergono peraltro alcuni difetti e incongruenze a livello realizzativo. Si rivedono allenatori e pubblico molto squadrati, qualche volto lontanissimo dalla realtà e alcune animazioni troppo artificiali. Il motore grafico, insomma, è stato rimesso a nuovo ma sulla distanza mostra il peso degli anni. Per fortuna la fluidità resta ottima e quindi la parte prettamente "giocata" non risenta in alcun modo delle piccole sbavature.

Howard a lezione da Olajuwon proprio come nella realtà, o quasi - NBA 2K12
Howard a lezione da Olajuwon proprio come nella realtà, o quasi

gli aggiornamenti che verranno

Con il lockout ancora in essere, al momento di pubblicare questo articolo, l'aggiornamento di rose, squadre e giocatori resta sospeso ma Visual Concepts ha già previsto l'eventuale ripresa dell'NBA con il ritorno degli update dinamici. Se e quando dovesse ripartire la lega a stelle e strisce, rivedremo la pubblicazione settimanale di risultati e aggiornamenti alle squadre, compresi da quest'anno anche gli accessori e le caratteristiche estetiche dei giocatori (scarpe, nastri e così via). Allo stesso modo, tornano le funzioni 2K Share per condividere le proprie creazioni con tutta la community, insieme a una nuova funzionalità My2K che collega il gioco al sito ufficiale e ai maggiori social network. In realtà, e purtroppo, la registrazione è obbligatoria appena caricato il gioco e porta via una buona mezz'ora tra login, password e quant'altro. Una volta attivato il proprio account (gratis ovviamente) abbiamo un profilo personale che si aggiorna in base ai traguardi raggiunti in NBA 2K12 e verrà visualizzato nei forum ufficiali o sulla home page del gioco. Magari, per velocizzare il primo accesso, era meglio rendere facoltativo questo passaggio, ma fortunatamente si affronta solo una volta. Guardando al gioco completo in tutti i suoi aspetti chiave, non si può che promuovere ancora una volta il titolo targato 2K Sports. La serie di partite storiche potrebbe essere venduta a parte come DLC, ma per fortuna è già su disco, mentre le aggiunte sul lato My Player terranno incollati allo schermo tutti gli aspiranti campioni. Chi invece ignora le novità e vuole solo giocare con gli amici, ritrova il basket realistico, spettacolare e molto televisivo della vecchia edizione. E ritrova anche Michael Jordan, insieme a un cast di supporto quantomai stellare.

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
Tranne qualche imperfezione che noteranno solo i più pignoli, NBA 2K12 si riconferma il miglior videogioco di basket disponibile. E le nuove partite storiche battono la sfida Jordan, quindici a zero.

Commenti

  1. richi_one

     
    #1
    Puoi spiegarmi meglio la revisione dei controlli?
  2. aleZ

     
    #2
    Hanno riunito molti tasti e combo sullo stick destro e le mosse speciali escono in base alla zona di campo in cui ti trovi. Difficile da spiegare a parole, però rende più semplice "entrare" nel gioco rispetto ai vecchi episodi (e il Training Camp insegna tutti i comandi nei particolari).
  3. richi_one

     
    #3
    Nella demo,che ho comunque provato poco,mi è sembrato più facile fare dei contropiedi,i giocatori mi sono sembrati più pronti a scattare in attacco dopo un recupero o un rimbalzo difensivo.La cosa mi è sembrata comunque realistica.
    PS Olajuwon mi è sempre stato antipatico,non so perchè XD
    PPS Grazie per le info!
  4. aleZ

     
    #4
    No problem, cmq l'istruttore dell'allenamento cambia in base al giocatore che scegli. Kobe per esempio ha Jordan, che non è facilissimo da battere one-on-one.
  5. Zendo

     
    #5
    Ho giocato or ora la demo ed è davvero spettacolare e divertente,sebbene si possa giocare solo un quarto di match...non son un patito del genere ma sono rimasto esterrefatto dalla qualità generale...applausi!
    In Usa immagino ci saran stati miliardi di orgasmi con questo nuovo capitolo...
  6. kermit the frog

     
    #6
    è necessario essere dei fan di basket stretti? nel senso... bisogna conoscere gli schemi? e in tal caso ci sono dei tutorial fattibili e non pallosi?
  7. aleZ

     
    #7
    kermit the frogè necessario essere dei fan di basket stretti? nel senso... bisogna conoscere gli schemi? e in tal caso ci sono dei tutorial fattibili e non pallosi?

    Il nuovo training camp non è palloso, però come complessità siamo a livelli di FIFA 12 in manuale senza nessun aiuto, quindi non è certo un arcade. Poi aiuta essere fan, almeno del campionato USA.
  8. °MaYcOl°

     
    #8
    ZendoHo giocato or ora la demo ed è davvero spettacolare e divertente,sebbene si possa giocare solo un quarto di match...non son un patito del genere ma sono rimasto esterrefatto dalla qualità generale...applausi!
    In Usa immagino ci saran stati miliardi di orgasmi con questo nuovo capitolo...
    Quoto! anche a me la demo è piaciuta molto! era dai tempi dalla ps1 che non giocavo il basket! XD penso che un pensiero più avanti usato lo farò sicuramente.
  9. torment

     
    #9
    preso su steam vediamo comè
  10. Manuel

     
    #10
    Se vi è piaciuta la demo,figuriamoci il gioco finale,io la demo la trovo indecente e fortunatamente ogni anno differisce un bel po' dal gioco finale asd
    A me arriva l'11,però prima del 13 non lo provo visto che sarò a Madrid
Continua sul forum (11)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!