Genere
Guida
Lingua
Tutto in italiano
PEGI
3+
Prezzo
ND
Data di uscita
23/11/2007

Need for Speed ProStreet

Need for Speed ProStreet Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
EA Black Box
Genere
Guida
PEGI
3+
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
23/11/2007
Lingua
Tutto in italiano
Giocatori
8
Formato Audio
Surround 5.1

Hardware

Entro l'anno uscirà una versione di Need for Speed ProStreet praticamente per ogni piattaforma presente sul mercato. Protagonista del nostro "hands on" è stata la versione Xbox 360.

Multiplayer

Non è stato detto molto delle modalità multigiocatore, ma a quanto pare potremo organizzare sfide che i nostri amici potranno affrontare in qualsiasi momento, senza il bisogno di trovarsi insieme online.

Link

Anteprima

Need for Speed sorprende e stupisce

EA anticipa il futuro: le corse clandestine diventano legali.

di Simone Soletta, pubblicato il

Ci siamo accorti che qualcosa non andava già alla prima curva: ben lungi dallo stare sempre e comunque incollata all'asfalto, la nostra BMW ha reagito alla curva affrontata a velocità troppo sostenuta imbarcandosi e facendoci avvertire tutto il suo peso, governato dal motore fisico del gioco. Per fortuna, trattandosi di una curva lunga e dal raggio molto ampio, siamo riusciti a recuperare il controllo e a uscire senza danni dalla curva per lanciarci, nuovamente a rotta di collo, nel lungo rettilineo successivo.
Alla curva successiva, la semplice decelerazione non è stata sufficiente, e l'auto ha mostrato un evidente alleggerimento del retrotreno, che ha innescato una serie di svirgolate che abbiamo fatto davvero fatica a domare. E poi, la variabile inattesa: uno dei piloti che ci precedevano non era, per così dire, in grande forma, e l'abbiamo raggiunto giusto prima di una "S" più decisa. Lo infiliamo a tutta velocità, troppa velocità, e alla prima curva l'auto s'imbarca decisamente. Proviamo a controsterzare per centrare la curva successiva e il risultato è tremendo: la nostra BMW distrutta contro un palo, ormai inservibile e incapace di portare a termine la gara.
Un primo assaggio che ci ha lasciati un po' spaesati: in Need for Speed ProStreet l'uso del freno non sarà affatto accessorio, e pur non ambendo forse a vette simulative degne di un Forza Motorsport 2, il gioco di Electronic Arts sembra in grado di proporre un modello di guida per nulla banale, da "imparare" a dovere prima di scaricare sull'asfalto tutti i cavalli dei bolidi che troveremo nel gioco.

UNA BELLA LOTTA

Avranno veramente un bel daffare i giocatori appassionati di racing game nel prossimo futuro: così come i suoi concorrenti Burnout Paradise e Midnight Club: Los Angeles, anche Need for Speed ProStreet è un titolo tecnicamente fenomenale. Ormai dovremmo averci fatto l'abitudine, eppure una carrellata attorno alla BMW mostrata nella demo ha lasciato tutti i giornalisti intervenuti letteralmente senza fiato.
Ogni particolare, dai cerchioni agli adesivi sulla carrozzeria, è meravigliosamente "reale", la modellazione è di grandissimo livello e la realizzazione dei danni semplicemente bellissima. Anche lo sfondo della pista desertica, l'unica che abbiamo potuto osservare con attenzione, è all'altezza della situazione. Insomma, ci siamo trovati di fronte a un titolo già maturo tecnicamente, dal frame rate solido e ricco di tutta quell'effettistica che è lecito attendersi da un gioco di guida nel 2007. Per esempio, merita una menzione e un plauso la tecnologia sviluppata da Electronic Arts per gestire gli effetti particellari, come la polvere che si alza quando si esce dal nastro d'asfalto e, soprattutto, il fumo generato dalle sgommate degli pneumatici.
Molto esagerato come quantità, certamente, ma quello è il miglior fumo che abbiamo visto in un videogioco fino a oggi: denso, corposo, quasi da toccare nella sua trasparente densità, capace di far filtrare particolari attraverso di esso invece di proporsi come copertura totale dell'ambiente circostante. Davvero bellissimo, come bellissima sembra questa nuova edizione di Need for Speed. Ora non ci resta che attendere le versioni recensibili per cercare di dare una risposta al quesito che attanaglia moltissimi racer virtuali: quale gioco comprare tra i tre capolavori in arrivo?