Genere
Guida
Lingua
Tutto in italiano
PEGI
12+
Prezzo
€ 69,99
Data di uscita
18/11/2011

Need for Speed: The Run

Need for Speed: The Run Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
Black Box
Genere
Guida
PEGI
12+
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
18/11/2011
Lingua
Tutto in italiano
Giocatori
16
Prezzo
€ 69,99
Intervista

Intervista a Steve Anthony (Prima parte)

A colloquio con il senior producer di Black Box.

di Andrea Maderna, pubblicato il

Durante la giornata di EA Showcase, oltre a provare ben quattro livelli di gioco, sui quali trovate il nostro resoconto a questo indirizzo, abbiamo anche chiacchierato un po' con Steve Anthony, senior producer di Black Box volato a Londra per presentare la sua nuova creatura. E con lui abbiamo parlato dei vari elementi che compongono Need for Speed: The Run...

Videogame.it: La prima volta che avete mostrato Need for Speed: The Run, avete puntato molto sull'elemento action, fra Quick Time Event e cutscene. Da lì in poi, però, avete fatto provare solo sezioni di guida vere e proprie. È perché avete avuto l'impressione che stesse passando il messaggio sbagliato e la gente non stesse capendo che comunque questo è e rimane un gioco di guida?

Steve Anthony: In un certo senso, sì. Volevamo che non venisse fraintesa la natura del nostro gioco. Ovviamente, dopo le prime occasioni in cui l'abbiamo mostrato, dopo l'E3, abbiamo ricevuto del feedback. E insomma, si, volevamo fosse chiaro che questo è soprattutto un gioco di guida. E quindi abbiamo mostrato questo. A Colonia abbiamo fatto vedere la corsa sotto la valanga, per mostrare come anche nei momenti più action rimanga un gioco di guida, e oggi vi abbiamo fatto provare quattro esperienze diverse. Ma insomma, al di là di tutto, nonostante le contaminazioni, è sempre e comunque un Need for Speed.

Videogame.it: Il gioco sembra piuttosto lineare, nella sua struttura: una lunga corsa da un punto A a un punto B. Come pensate di dare comunque un certo tasso di rigiocabilità?

Steve Anthony: Buona domanda! Sicuramente è una gara lineare, si va da San Francisco a New York. La competizione è poi spezzata in tanti segmenti, e ogni volta che ne completi uno, lo sblocchi all'interno di una modalità chiamata Challenge Series. E in questa modalità puoi affrontare nuovamente ciascun segmento, ma con diverse vetture, diverse modalità di gioco... e qui entra in gioco l'elemento di rigiocabilità. Se sei un appassionato di giochi di guida, vuoi tornare sul luogo del delitto per affrontare nuovamente la corsa, battere i tempi, padroneggiarla. Inoltre supportiamo Autolog, tutto viene tracciato ed è accessibile online come negli altri giochi che lo prevedono. Quindi, insomma, di materiale e di cose da fare ce ne saranno. Secondo noi, a seconda di quanto il singolo giocatore può essere appassionato e voglioso di mettersi alla prova, ce n'è per giocare dalle venti alle quaranta ore. E mi riferisco solo alla componente di guida, senza inserire nel conteggio l'elemento action e le sequenze in cui Jack esce dalla vettura.

Videogame.it: Le ambientazioni sono tutte prese dalla realtà, ma quanto sono aderenti alla reale conformazione delle strade riprodotte?

Steve Anthony: Dipende da caso a caso. Alcune ambientazioni sono molto, molto fedeli. All'inizio della lavorazione, ci siamo basati moltissimo su Google Earth e Google Maps: andando a recuperare i dettagli delle singole location, abbiamo preso nota della struttura reale delle varie strade e abbiamo coinvolto in tutto questo il nostro art director. In alcuni casi, però, ci siamo resi conto che le strade reali non erano poi così divertenti da affrontare al volante in un gioco di questo tipo. Quindi, le abbiamo un po' modificate. Non so darti un'indicazione precisa, comunque molte delle strade che si percorrono nel gioco sono parecchio fedeli e molte altre si prendono invece delle libertà in favore del divertimento. Magari, in una città come San Francisco o Chicago, potrai vedere gli edifici più famosi inseriti al posto giusto, anche se poi magari ci siamo presi qualche libertà a livello stilistico o in altri dettagli di contorno.


Commenti

  1. ilsergent

     
    #1
    Avrei pagato per chiedergli se hanno intenzione di tornare a lavorare su un nuovo episodio di Skate :(

    Ragazzi voi ne sapete qualcosa? Magari avete chiesto quale sarà il loro nuovo progetto futuro?
  2. giopep

     
    #2
    Alcuni del team di Skate stanno lavorando al nuovo SSX, ma non so se questo possa farti piacere. :)
  3. ilsergent

     
    #3
    Non ci voglio credere. Ma quindi praticamente è stato smantellato il team? Cioè nel senso che si è suddiviso tra questo NfS e SSX?
  4. giopep

     
    #4
    Ma no, non penso. Semplicemente alcuni di coloro che han lavorato agli Skate stanno dando una mano al team di SSX, tutto qua. :)
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!