Genere
Guida
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
18/11/2011

Need for Speed: The Run

Need for Speed: The Run Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
Black Box
Genere
Guida
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
18/11/2011

Hardware

Need for Speed: The Run è previsto nei formati PC, PS3, Xbox 360, Wii e Nintendo 3DS. Questo articolo fa riferimento alle sole versioni HD.

Multiplayer

Saranno inclusi un multiplayer competitivo piuttosto classico e un totale supporto ad Autolog, per la messa in campo di un multiplayer asincrono tramite cui competere sui tempi.

Modus Operandi

Siamo volati a Londra e abbiamo trascorso un paio d'ore scarse provando il multiplayer e diverse prove della modalità Challenge Series sulla versione Xbox 360 del gioco.
Hands On

Competizione asincrona

Sfida contro se stessi, prima che contro altri.

di Andrea Maderna, pubblicato il

L'altra faccia del multiplayer di Need for Speed: The Run si chiama Challenge Series ed è una modalità sostanzialmente di gioco in singolo, ma che si appoggia sull'utilizzo di Autolog per permettere al giocatore di tenere costantemente sott'occhio i risultati dei propri amici sulla pista affrontata e per dare importanza ai record staccati. Tutti i tempi che realizziamo vengono registrati nel sistema e ogni volta che, per dire, un amico batte un tempo da noi registrato in una prova specifica, ecco che appare un avviso pronto a farci venire voglia di riconquistare il record perduto.

Il parco macchine è piuttosto ampio, con numerose marche (Porsche, Nissan, BMW, Lamborghini, Aston Martin...), un'ampia scelta di colorazioni e anche dei kit speciali da applicare - Need for Speed: The Run
Il parco macchine è piuttosto ampio, con numerose marche (Porsche, Nissan, BMW, Lamborghini, Aston Martin...), un'ampia scelta di colorazioni e anche dei kit speciali da applicare
.

una sfida tira l'altra

Questo sistema di tracciamento globale dei record è perfettamente integrato in ogni ambito della modalità e fa sì che, per dire, anche solo quando stiamo per affrontare una prima volta una prova, se dei nostri amici l'hanno già portata a termine ci venga segnalato il migliore fra i loro tempi, piazzato lì, con sfacciataggine, proprio per far venire voglia di provarci. E sicuramente, come del resto testimoniato già da numerosi altri giochi strettamente legati alla permanenza online dei loro utenti, questo sistema funziona e alimenta il senso di competizione. Ma al di là di tutto questo, come funzionano le Challenge Series?
In pratica, si tratta di un modo per allungare la longevità del gioco, fornendo spunti, varianti e diversi approcci per affrontare più e più volte i tracciati offerti dalla modalità single player. Le Challenge Series si sbloccano mano a mano che si procede nello Story Mode e propongono gruppi di piste, accomunate in base al territorio, che è possibile affrontare in diverse tipologie di corsa, tutte caratterizzate da variopinti nomi a tema. La differenziazione fra le prove non si limita al semplice variare fra gara a checkpoint, a tempo, contro uno o più avversari, ma va a includere anche le tipologie di tracciato, la presenza o meno di poliziotti e altre condizioni ambientali.

Sono anche presenti delle sfide speciali, ispirate a vecchi episodi della serie come Carbon o Underground, che ci hanno però detto essere limitate in esclusiva a chi acquista il gioco presso questo o quel rivenditore. Certo, nulla vieta di pubblicarle poi come DLC... - Need for Speed: The Run
Sono anche presenti delle sfide speciali, ispirate a vecchi episodi della serie come Carbon o Underground, che ci hanno però detto essere limitate in esclusiva a chi acquista il gioco presso questo o quel rivenditore. Certo, nulla vieta di pubblicarle poi come DLC...

dritti verso l'ingorgo

Per esempio, fra le prove su cui abbiamo messo mano, ce n'erano alcune fortemente basate sulle condizioni atmosferiche, con una forte incidenza della neve, o delle tempeste di sabbia, ma soprattutto ce n'era una, in particolare, incentrata sul traffico, che ci ha molto divertito. L'idea è semplice, ma efficace: il tratto di autostrada da percorrere è letteralmente intasato di macchine a causa di un ingorgo e ci si ritrova quindi a sfrecciare fra decine di veicoli bloccati, o dalla bassa velocità, mentre si lotta per il primato e, magari, si schivano anche gli attacchi della polizia. Galvanizzante. Complessivamente, insomma, la modalità Challenge Series ci è parsa molto azzeccata, fantasiosa, divertente e in grado di allungare notevolmente la vita di un gioco che, se limitato al solo Story Mode, rischierebbe al contrario di essere forse un po' breve.
Questo non significa, però, che non ci siano dei dubbi sul design generale del tutto. Uno degli aspetti a nostro parere più fastidiosi è senza dubbio il "teletrasporto" che rimette in gara quando ci si va a schiantare (e questo è giusto). ma anche quando si esce "un po' troppo" di pista. Il concetto, in senso assoluto, è comprensibile, ma la sua applicazione appare un po' pretestuosa, a volte fin troppo fiscale, altre volte generosissima. Si vedono, insomma, tracciati in cui si tagliano angoli e affrontano sterrati come se niente fosse, mentre in altri casi si viene penalizzati per essere usciti di pista di un metro e qualche secondo. O, per fare un altro esempio, dopo essere stati abituati a sfrecciare costantemente contromano per aumentare il turbo, non è il massimo della vita provare ad attraversare un ridotto sterrato per affrontare il senso di marcia opposto e ritrovarsi spediti indietro dal sistema. Il problema è che è difficile capire il criterio e sapere sempre cosa aspettarsi. Al di là di questo, e di un motore grafico con grandi alti e bassi e che ci è parso decisamente meno performante su Xbox 360 rispetto a quanto visto su PlayStation 3 (ne parleremo meglio fra due giorni), rimane anche da capire quanto un gioco dal gameplay spesso tanto aleatorio (basti pensare all'incidenza di frane, esplosioni e altri eventi poco prevedibili) possa realmente prestarsi alle sfide sui tempi, alla ricerca della traiettoria migliore, alla voglia di padroneggiare al meglio piste e vetture. Lo scopriremo in fase di recensione, quantomai vicina.


Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!