Genere
Guida
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
18/11/2011

Need for Speed: The Run

Need for Speed: The Run Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
Black Box
Genere
Guida
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
18/11/2011

Hardware

Need For Speed: The Run è l'ennessima rivisitazione del brand di Electronic Arts, questa volta in chiave action, prevista su un po' tutti i formati del pianeta.

Multiplayer

Durante la Gamescom 2011 non è stato possibile provare alcuna modalità multiplayer, che non mancherà di certo nella versione finale del gioco.

Modus Operandi

Abbiamo provato Need For Speed: The Run presso il booth di Electronic Arts, portando a compimento (ma anche no) la doppia demo presentata per l'E3 2011.
Anteprima

Tra ghiaccio e deserto

La doppia prova su strada dell'action racing game di EA.

di Lorenzo Antonelli, pubblicato il

La fiera tedesca della Gamescom 2011 ha fornito l'occasione per gettare un'ulteriore occhiata sull'imminente "action racing game" di Electronic Arts e Black Box Studios, ovvero Need for Speed: The Run, dopo la prova cinematografica (un grande, unico e spettacolare quick time event) già condotta nel corso dell'E3 di Los Angeles. La presentazione a porte chiuse, con tanto di doppia prova su strada, s'è rivelata essere tanto piacevole quanto sorprendente, per scoprire con soddisfazione che il nuovo Need for Speed non fonda tutto il suo appeal solamente sull'aspetto narrativo, ma sa addirittura risultare un racing game frenetico, entusiasmante, esageratamente arcade.

Il nastro d'asfalto nel deserto prevedeva lunghissimi e ampi rettilinei da percorrere a velocità smodata, col turbo sempre inserito - Need for Speed: The Run
Il nastro d'asfalto nel deserto prevedeva lunghissimi e ampi rettilinei da percorrere a velocità smodata, col turbo sempre inserito

DESERT ARCADE

I tracciati messi a disposizione della stampa specializzata erano due: il primo, ambientato lungo le Desert Hills, costringeva ad affrontare a tutta velocità un nastro d'asfalto immerso in un paesaggio desertico, tra lunghe curve ad ampio raggio, qualche timido salto ed emozionanti saliscendi. A bordo di una poderosa BMW M3 equipaggiata con nitro autorigenerante, lo scopo della prova era quello di superare dieci avversari e giungere fino al traguardo mantenendo la testa della gara. Nei limiti di un racing game assolutamente arcade, da guidare a tutta adrenalina e senza crucciarsi troppo di traiettorie ideali e punti di staccata perfetti, Need for Speed: The Run ha dimostrato di possedere soddisfacenti doti dinamiche. A patto di utilizzare la visuale interna all'abitacolo (quella esterna non sembra ancora capace di garantire il corretto tasso di immedesimazione e un autentico piacere di guida), bisogna rilevare che il gioco di Black Box Studios sfreccia rapido e decisamente fluido (ancora una volta, il motore grafico è il Frostbite 2.0 di DICE, ovvero lo stesso engine di Battlefield 3), dispensando una più che degna sensazione di velocità e un impatto visivo più che soddisfacente. Tale prova su strada ha messo in risalto la bontà dell'immediato eppur efficace sistema di controllo (due dorsali per accelerare, un tasto per il turbo e un altro ancora per azionare il brusco freno a mano), oltre che il modello fisico. Nulla di chissà quanto simulativo, sia chiaro, ma a suo modo appagante e addirittura in grado di spremere a dovere la trazione posteriore del bolide guidato per l'occasione. Il merito di Need for Speed: The Run, in fondo, è proprio questo: non serve alcun apprendistato al volante, ma solo il coraggio di tenere aperto il gas e scaricare tutta la potenza che c'è sulle ruote motrici.

Il Frostbite 2.0 non è sbalorditivo per quel che riguarda l'impatto visivo, ma fornisce un'ottima fluidità, oltre a un'appagante sensazione di velocità - Need for Speed: The Run
Il Frostbite 2.0 non è sbalorditivo per quel che riguarda l'impatto visivo, ma fornisce un'ottima fluidità, oltre a un'appagante sensazione di velocità

NEED FOR SNOW

Ancor più adrenalinica e spettacolare, la prova sul ghiaccio rinunciava alla competizione contro una nutrita schiera di avversari, ma si limitava al testa a testa contro un unico e velocissimo rivale. Oltre alla superficie estremamente scivolosa, però, continue valanghe (annunciate da sirene) depositavano sul tracciato enormi massi che ostacolavano la folle corsa a tutta velocità. Nonostante la caduta dei blocchi di neve fosse scriptata e quindi sempre identica e prevedibile per ogni reiterato tentativo, il ritmo di gara forsennato e la ridotta visibilità (in certi momenti non si poteva fare altro che guidare alla cieca) complicavano estremamente la percorrenza e il successo. Anche in questa sessione di gioco, il motore grafico si è dimostrato fluido e ben adatto al frenetico scopo, pur senza risultare sbalorditivo per l'impatto visivo restituito. In definitiva, l'unione della prova statunitense con quella tedesca dovrebbe fornire un quadro piuttosto affidabile di ciò che Need for Speed: The Run ha in serbo per i suoi giocatori: un racing game sui generis, decisamente cinematografico, che coniugherà sequenze action e adrenaliniche sessioni di guida più che arcade, amalgamando il tutto con copiose dosi di quick time event. Il lungo viaggio coast to coast che porterà da San Francisco a New York, passando attraverso il deserto e innumerevoli valanghe di neve, sta per incominciare.


Commenti

  1. utente_deiscritto_161648

     
    #1
    Fotone non ha una bella espressione...
  2. Fotone

     
    #2
    Era il sole che filtrava attraverso le nuvole. Davvero, non ci vedevo per colpa del tempo bigio. Assurdo ma vero. :D
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!