Blog

C'era un cinese in coma

C'era un cinese in coma

di Lorenzo Antonelli, pubblicato il

L'ultima morte videoludica accertata risale a quella volta in cui un'emittente radiofonica californiana organizzò un concorso che assegnava un Nintendo Wii a chi avrebbe bevuto più acqua. E ci scappò il morto, perché a bere troppa acqua consecutivamente si muore o, al limite, si diventa sfigati come Aquaman. L'altro giorno, invece, titolava il Beijing Times (che io leggo quotidianamente) - Un cinese gioca davanti al PC per 72 ore consecutive senza mangiare né bere, poi entra in coma e muore.
Per la serie è accaduto davvero, nel distretto di Chaoyang (zona Pechino), in un Internet point. Un ragazzo trentenne ha trascorso i suoi ultimi tre giorni di vita in totale immersione col suo videogioco preferito (si suppone…), quindi ha tirato le cuoia.
"In un primo momento ha reagito, seppur debolmente, ai farmaci somministrati", hanno raccontato i soccorritori che l'hanno condotto d'urgenza in ospedale, "quindi ha più volte teso le braccia e assunto posizioni spaventose, ma dopo poco è morto".
Se n'è andato così, dunque, nell'estasi suprema che è propria dell'idillio del videoludico, nel logico proseguimento dell'ominazione.

L'assist alla stampa qualunquista è da campioni: il focus cubitale della notizia è totalmente incentrato sulla figura deviante del videogioco ("Gioca davanti al PC"). Solo qualche riga più in basso, però, si scopre che il ragazzo non ha bevuto, né mangiato e ovviamente dormito. Ma del resto, sebbene le movenze assunte durante l'atto dello spirare facciano supporre che trattavasi di Kinect (o al limite di Maicol Gecson Experience per Wii), noi esperti del settore sappiamo benissimo che il vero motivo del trapasso non è da ricercarsi nell'abuso del videogioco (che è solo una delle concause), ma nella più importante e deleteria deplezione del sonno. Se non dormi, in buona sostanza muori. Ecco perché io dormo sempre quando lei gioca ad Assassin's Creed: Brotherhood.
Per non morire.


Commenti

  1. Andrea_23

     
    #1
    Sillogismo da manuale : O.
  2. Magallo

     
    #2
    Eh beh. Mi aspettavo una frecciatina o una frase irriverente delle tue, invece ti sei abbastanza limitato. Comunque purtroppo ormai non fa neanche piu' notizia la caccia alle streghe che la stampa generalista fa contro i vg ogni volta che accade qualcosa di simile. Che dobbiamo fare?

    PS: Ciao Fotone, ho ascoltato outcast ieri sera e mi hai salutato. Che MITICO! Che emozione! Hihi. Comunque Magallo non deriva dal semplice e banale Nome + Cognome...
  3. Fotone

     
    #3
    Guarda, il post è stato depurato da giopep e me ne sono molto rattristato.
    Infatti scrivevo "… se n'è nadato così, senza neppure aver spiluccato un involtino primavera o un polletto con pinoli e ananas".

    Maderna lo trovava offensivo verso la cultura cinese, mentre io solo tipico della loro cucina. Che dobbiamo fare?
    Ricordare sempre al cinese di metterci le bacchette, quando ordiniamo roba da asporto. Mangiare con la forchetta non dà gusto.
    Ciao Magallo!!!
  4. Magallo

     
    #4
    Ahah, eh lo vedi che c'era qualcosa che mancava.... Questo e' il Fotone che conosco!!!

    PS: Buona permanenza a Frisco.
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!