Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

NHL Eastside Hockey Manager

Aggiungi alla collezione

Hardware

La versione in nostro possesso è stata provata su un Dual Athlon MP a 1,2 GHz con 512 MB di memoria RAM Corsair PC2100 registered, scheda madre Tyan con chipset AMD 760 MPX e hard disk IBM GXP da 60 GB. La scheda video adottata (per nulla impegnata dal gioco) è stata una GeForce FX 5700 Ultra, con gli ultimi driver ufficiali disponibili su Windows XP Professional.

Multiplayer

La versione dimostrativa mostra che sarà possibile allestire sfide in multiplayer in rete e su LAN, ma al momento non è possibile provare la funzionalità e l'unico elemento di connettività mostrato è la pagina delle risorse su Internet. Nulla impedisce, invece, di giocare in più utenti (assumendo il controllo di diverse squadre) sullo stesso PC già con questa versione demo.
Anteprima

NHL Eastside Hockey Manager

L'Italia del pallone è ormai pronta agli Europei di Calcio, ma nel frattempo, negli USA, siamo alle battute finali di uno dei campionati più interessanti e spettacolari offerti dallo sport americano, il campionato NHL. E cosa potrebbe accadere se Sports Interactive, dopo aver fatto diventare i giocatori manager e allenatori di una squadra di calcio, li trasformasse ora nei responsabili di una squadra di Hockey?

di Antonino Tumeo, pubblicato il

Un appassionato di Hockey che si rispetti porrà la massima attenzione sulle statistiche, e come già accadeva con Scudetto, è questo uno dei punti forti anche di NHL Eastside Hockey Manager. Non mancheranno mai, infatti, dati e voti relativi alle prestazioni dei giocatori nelle singole partite, con i relativi premi settimanali e mensili per i migliori difensori e i migliori attaccanti. Anche lo svolgimento delle partite è gestito in maniera simile a Championship Manager: dunque, un commento che si dipana lungo tutti i 60 minuti (più eventuali overtime o shoot out a seconda delle partite) suddivisi in 3 tempi da 20 di una tipica partita di Hockey e che evidenzia azioni importanti, reti, infortuni, o penalità. Mentre la partita è in pieno svolgimento, sarà possibile "tenere d'occhio" la variazione delle statistiche, come tiri, cariche, parate, situazioni di vantaggio numerico e relativi gol in powerplay o shorthanded, e non mancheranno neanche le eventuali scazzottate che spesso e volentieri capitano su una pista da Hockey che si rispetti.
Interessante, anche, la possibilità di tenere sotto osservazione con un apposito grafico le zone "d'azione" durante la partita stessa, per rendersi conto visivamente se la nostra squadra sta subendo troppa pressione o se, viceversa, riesce a costringere l'avversaria nella sua metà campo. Durante la partita sarà possibile, se qualcosa non sta andando per il verso giusto, modificare qualcosa nell'assetto tattico. Il menu per le modifiche è identico a quello della tattica raggiungibile dall'interfaccia principale. C'è però da evidenziare che le modifiche che si possono fare, data la natura stessa dell'hockey, che in generale prevede che a rotazione tutti i giocatori "scelti" entrino in campo, chi più chi meno, per via della rotazione delle linee, sono dunque più relative agli atteggiamenti della squadra, e alla sostituzione o rimozione di un giocatore in una linea di maggiore importanza, piuttosto che in un vero "cambiamento" degli uomini a disposizione. Ciò significa anche che, se un giocatore si infortuna, come realmente accade ci sarà qualcuno dei giocatori rimasti che per forza di cose dovrà accollarsi anche il suo lavoro.

Proprio gli infortuni, sono un altro aspetto che è fondamentale in un gioco di hockey, data la violenza (non tanto voluta, quanto dettata dal fatto che i contatti fisici sono assolutamente inevitabili), e veramente capaci di determinare i risultati della nostra squadra nel campionato: rimanere 5 mesi senza il giocatore più forte, può essere un vero disastro... Per quello che si vede dal dimostrativo, però, anche in questo caso la gestione non è molto diversa da Scudetto, con in più la possibilità di mettere comunque fuori rosa (in modo da poter selezionare un altro giocatore per rientrare nel limite di 22 giocatori "vestiti") un titolare fintantoché non si sia rimesso, ma nessuna opzione per assistere al meglio il giocatore e favorirne, il più possibile, il recupero dopo la diagnosi dell'infortunio. Interessante, comunque, la possibilità di chiedere un rapporto al fisioterapista sui proprio giocatori, per avere un'idea della condizione generale. Si può anche chiedere un report agli allenatori per capire bene quanto fondamentale risulti per il gioco della nostra squadra ciascuno dei suoi componenti. Interessanti, infine, sono i report sugli arbitri, con tanto di valutazioni e indicazioni sui comportamenti che sono soliti tenere e che possono influenzare lo svolgimento delle partite a cui vengono destinati. E' da valutare l'effettiva incidenza che questa caratteristica abbia nel gioco, anche se è evidente notare in certi casi numeri molto diversi di penalità e la presenza, comunque, di protestare presso la federazione (spesso inutilmente) per arbitraggi non ritenuti propriamente corretti.

POCHI RIFLESSI, MA BUONA SOSTANZA...

Il lato tecnico certo non entusiasma, né può farlo, visto che ci si trova di fronte a un gioco che è prettamente testuale. Magari sarebbe stato piacevole qualche effetto sonoro in più, cosa che per ora la versione dimostrativa non offre, ma che magari potrebbero trovar posto nelle versioni finali. Questa stessa versione, comunque, nella gestione di un singolo campionato, pare sufficientemente snella, anche se non sempre velocissima nel "passaggio" quando devono essere aggiornate le statistiche relative a tutte le altre squadre ed eventualmente registrati risultati di partite con tutti gli avvenimenti. E' un "problema" tipico anche di Scudetto, ma ampiamente giustificato se si considera la mole dei dati che devono essere tenuti in considerazione.

Ma del resto, come tutta la prova ha sempre evidenziato, è assolutamente evidente come l'impianto rimanga largamente quello di Champioship Manager per moltissimi aspetti, solo adattato per i regolamenti dell'Hockey e con il database aggiornato dei relativi praticanti di questo sport. Ed è, tutto sommato, una scelta che non si può criticare, visti i buoni risultati che la storica serie Sports Interactive ha sempre ottenuto. L'idea di adattare la stessa formula anche ad altri sport, anzi, potrebbe essere molto interessante e, se ben sfruttata, remunerativa. NHL Eastside Hockey Manager sembra essere pronto a dimostrarlo, e se troverà il giusto equilibrio, potrà aver successo non solo nei territori del Nord, sia americani sia europei, ma anche in paesi un po' meno appassionati agli sport sul ghiaccio come il nostro. C'è, però, chiaramente, anche il bisogno di non limitarsi solo a quello che l'ottimo impianto di Championship Manager offre, ma, auspicabilmente, di integrare tutte quelle caratteristiche che rendono peculiare e particolare uno sport rispetto all'altro non solo dal punto di vista dei regolamenti sportivi, ma anche di tutto ciò che vi sta attorno.