Genere
Gioco di Ruolo
Lingua
Testi in inglese
PEGI
12+
Prezzo
ND
Data di uscita
1/4/2016

Nights of Azure

Nights of Azure Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
KOEI
Sviluppatore
Gust
Genere
Gioco di Ruolo
PEGI
12+
Distributore Italiano
Halifax
Data di uscita
1/4/2016
Lingua
Testi in inglese
Giocatori
1

Lati Positivi

  • Discreto combat system
  • Trama piacevole
  • Adatto per i neofiti del genere, visto il livello di difficoltà

Lati Negativi

  • Realizzazione tecnica obsoleta
  • Poco impegnativo per chi ha dimistichezza con i JRPG

Hardware

Nights of Azure è disponibile su PS3, PS4 e PS Vita.

Multiplayer

Nessuna modalità multigiocatore.

Modus Operandi

Abbiamo ricevuto dal distribuore un codice PS4 di Nights of Azure.
Recensione

Il JRPG né carne né pesce

Luci e ombre per il nuovo titolo targato Gust

di Dario Ronzoni, pubblicato il

I JRPG sono un mondo parallelo, un universo fatto di regole e logiche assai peculiari, spesso lontane anni luce da ciò che il mercato mainstream, per lo meno europeo e nordamericano, è solito proporci. I giochi di ruolo giapponesi, da sempre, attirano tuttavia una piccola ma agguerrita schiera di aficionados anche al di fuori dei patri confini. Pubblicato originariamente lo scorso ottobre in Giappone col titolo Yoru no Nai Kuni (La Terra senza Notte), l’ultima fatica di Gust arriva in Occidente localizzata in inglese nei menu e nei sottotitoli. Per Gust, software house solitamente impegnata nello sviluppo di giochi di ruolo a turni, Nights of Azure, questo il titolo scelto per la versione europea, è un inedito tentativo nel campo degli action RPG puri.

Lilysse è il tipico personaggio molto kawaii… - Nights of Azure
Lilysse è il tipico personaggio molto kawaii…

A caccia di demoni sull’isola che non c’è

La storia che pone le basi della nostra avventura è ambientata in un diciannovesimo secolo alternativo, su un’immaginaria isola posta a metà strada tra Gran Bretagna e Scandinavia, Ruswal. Qui, 800 anni prima, il terribile Night Lord era stato sconfitto da una leggendaria eroina. Il sangue del demone, ricaduto sulla terra, aveva trasformato in orribili creature, i Fiend, tutti gli esseri umani coi quali era entrato in contatto. Da allora questi mostri vagano nottetempo per le strade dell’isola, assalendo i pochi umani che osano avventurarsi fuori dalle proprie case al calar delle tenebre. La Vox Curia, una potente quanto misteriosa organizzazione, ha delegato a sacerdotesse e cavalieri il compito di eliminare queste creature e di purificarne il sangue, con l’obiettivo di scongiurare il ritorno del Night Lord.

Trasformatasi in un demone, Arnice può disporre di una cospicua potenza extra. - Nights of Azure
Trasformatasi in un demone, Arnice può disporre di una cospicua potenza extra.

Arnice è una bellissima ragazza, un cavaliere e, soprattutto, un mezzo demone, sfiorata dal sangue demoniaco, ma non abbastanza per essere trasformata in un Fiend. Giunta sull’isola per contrastare le creature della notte, ritrova Lilysse, sua antica conoscenza ora diventata una sacerdotessa (Saint) per la Vox Curia, alla quale è legata da un rapporto velatamente saffico (le tematiche omosessuali sono piuttosto comuni nell’universo giapponese, dai manga ai videogiochi). Oltre a fare strage di mostri per le strade della città, nei panni di Arnice dovremo difendere l’amica, destinata, come tutte le Saint prima di lei, a essere sacrificata per mantenere intatto il sigillo che impedisce il ritorno dell’Oscuro Signore.

Servan, al nostro servizio

Lo schema di gioco è imperniato su un hub, l’Hotel Ende, dal quale Arnice potrà man mano raggiungere un numero sempre maggiore di location, visitabili più volte entro un tempo limite, a caccia di demoni, sangue da purificare (il sangue raccolto servirà per il level up di Arnice), oggetti specifici e quest secondarie. Fin da subito, la caratteristica più evidente del gameplay è data dalla presenza dei servitori al seguito di Arnice, i Servan: nel bel mezzo delle battaglie, la protagonista potrà avvalersi del supporto dei propri demoni “addomesticati”, ben caratterizzati per funzioni e abilità personali. Ci saranno servitori specializzati in azioni di attacco, particolarmente forti in mischia. Altri, invece, avranno funzioni difensive e curative. Tutti, indipendentemente dal ruolo, dimostreranno ottime capacità, sia in autonomia che guidati dai nostri ordini.

Nelle cutscene si può apprezzare lo stile manga del tratto grafico. - Nights of Azure
Nelle cutscene si può apprezzare lo stile manga del tratto grafico.

Parlando di scontri, non si può non analizzare il sistema di combattimento, molto agile, ma non banale: Arnice potrà contare su due tipi di attacco, uno veloce e uno potente, su parate e schivate e su un attacco speciale azionabile solo dopo aver caricato un’apposita barra a suon di colpi standard. Nel corso del gioco la protagonista potrà poi avvalersi di armi sempre più potenti e della sua doppia natura umana-demoniaca, che le consentirà in determinati momenti di trasformarsi e aumentare esponenzialmente il proprio potere offensivo. Le trasformazioni sbloccabili sono cinque, e potranno essere attivate anche in base alla composizione del nostro party, feature che aggiunge una non indifferente componente strategica all’azione. Gradevole la presenza di un’Arena, nella quale, al di fuori della trama principale, potremo affrontare svariati nemici e conquistare ricompense utili per far progredire Arnice e i suoi Servan.

Troppo facile, Arnice

Dopo un’oretta di gioco sarà subito evidente quello che è in definitiva il maggior limite del pur buon lavoro di Gust: la sfida, sia che si tratti di semplici nemici random o di boss di fine livello, è impostata su livelli troppo blandi. L’impossibilità di selezionare il livello di difficoltà rende il tutto ancor più problematico, specie per i giocatori più esperti. Vagando per i livelli, poi, la netta differenza di velocità tra Arnice e i nemici casuali consentirà spesso di evitare gli scontri a piè pari semplicemente seminando i poveri mostriciattoli (con l’esclusione, ovviamente, dei combattimenti necessari per sbloccare determinate aree di gioco).

Gli ambienti di gioco non spiccano per qualità e livello di dettaglio. - Nights of Azure
Gli ambienti di gioco non spiccano per qualità e livello di dettaglio.
Concorre a frenare la resa finale di Nights of Azure anche il comparto tecnico, davvero povero su PS4: texture in bassa risoluzione, modelli poligonali degli ambienti a dir poco spartani, animazioni dei personaggi talvolta bizzarre e framerate ballerino svelano la natura multipiattaforma del gioco (disponibile anche per PS Vita) e nascondono il buon lavoro in cel shading fatto su Arnice e compagnia.

Voto 3 stelle su 5
Voto dei lettori
Nel panorama dei JRPG, Nights of Azure si presenta con caratteristiche peculiari, che probabilmente non scalderanno i cuori dei fan più hardcore. Sfida troppo semplice (non è possibile impostare il livello di difficoltà) e un comparto tecnico insufficiente per gli standard PS4 impediscono all’ultimo lavoro di Gust di spiccare il volo, nonostante un’ottima storia di contorno, un level up ben bilanciato e l’efficace presenza dei Servan. Un gioco che in fin dei conti potrebbe avvicinare al genere una schiera di utenti casual.

Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!