Genere
Azione
Lingua
Sottitoli in italiano
PEGI
18+
Prezzo
€ 51,99
Data di uscita
28/5/2010

No More Heroes 2: Desperate Struggle

No More Heroes 2: Desperate Struggle Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Marvelous AQL
Sviluppatore
Grasshopper Manufacture
Genere
Azione
PEGI
18+
Distributore Italiano
Cidiverte
Data di uscita
28/5/2010
Data di uscita americana
26/1/2010
Lingua
Sottitoli in italiano
Giocatori
1
Prezzo
€ 51,99
Formato Video
PAL
Formato Audio
Dolby Surround

Hardware

Il gioco richiederà il possesso di un Nintendo Wii PAL, un Wiimote e un Nunchuk. Graficamente si segnala un netto salto di qualità rispetto al primo capitolo, pur nel rispetto dello stile "cartoonoso" e sopra le righe adottato dagli sviluppatori.

Multiplayer

Non dovrebbero essere presenti modalità multiplayer.

Link

Eyes On

Travis torna in guerra

Fin dove può arrivare la follia di un game designer?

di Sebastiano Pupillo, pubblicato il

Goichi Suda, in arte Suda51, non è uno che ama realizzare i sequel dei suoi giochi, anche perché raramente sembra averne avuto la possibilità; nel caso di No More Heroes, il discreto successo commerciale negli Stati Uniti e in Europa - a dispetto della versione "censurata" distribuita dalle nostre parti - deve aver convinto Grasshopper Manufacture che la storia di Travis Touchdown meritava una degna conclusione e che le meccaniche introdotte un po' alla rinfusa nel primo capitolo potevano essere approfondite e migliorate in un secondo capitolo che, puntualmente, sta per materializzarsi nei negozi, quantomeno in quelli americani.

come ti confondo le idee

Cosa mai dovrebbe capire un giocatore - anche un filo navigato e assuefatto alle stramberie dei reparti marketing - dal materiale promozionale fin qui distribuito per No More Heroes 2? Forse che i doppiatori hanno dato il meglio nelle sessioni in cui dovevano "ansimare" al microfono o che il "regista" Suda51 riceve i suoi ospiti in un bagno fatiscente? Probabilmente anche qualcos'altro - ed è nostro compito renderlo più chiaro in questo articolo - ovvero che No More Heroes 2 è innanzitutto un gioco migliore del predecessore: più vasto, curato, pieno di cose da fare, graficamente appagante e... beh, fuori di testa come e più di quanto sia lecito aspettarsi.

ricomincio da due

Un elemento che, invece, non sembra essere stato messo più in evidenza, rispetto al primo capitolo, è la trama, dal momento che lo stesso creatore del gioco si limita a comunicarci che Travis è in cerca di vendetta e vuole scalare nuovamente la classifica degli assassini dell'UAA, dopo un'assenza di tre anni (passati a far cosa? Meglio non chiedere...) nel corso dei quali la città di Santa Destroy, collocata in una California immaginaria, è stata sostanzialmente rinnovata dall'ingresso di una potente corporazione denominata "Pizza Butt".
Le motivazioni dietro la carneficina che ci aspetta, nel gioco, sono insomma delle più esili, ma del resto non è che il primo capitolo brillasse sotto questo aspetto e siamo certi che le esilaranti situazioni in cui saremo catapultati terranno già abbastanza impegnati i nostri neuroni per non sentire il bisogno di una trama nel vero senso della parola.

prima del boss

Così come nel predecessore, la struttura del gameplay di No More Heroes 2 è basata su una serie di battaglie contro altri assassini che, questa volta, saranno molti di più e terranno impegnato Travis più a lungo. Nei tempi morti tra un duello e l'altro avremo la possibilità di svolgere lavori sotto forma di mini-giochi che, per l'occasione, sono stati progettati come fossero dei videogiochi anni '80, quindi totalmente bidimensionali e dotati del classico stile "pixelloso" dell'epoca.
Gli impegni collaterali per Travis non dovrebbero mancare anche all'interno della sua stanza d'albergo, dove ritroveremo la nostra gattina un po' sovrappeso: anche per lei sono previsti una serie di esercizi (cioè altri mini-giochi) per farla tornare in linea e sembra che questa componente del gameplay sia stata presa molto sul serio da Goichi Suda e dai suoi colleghi. La navigazione all'interno di Santa Destroy è stata inoltre parecchio semplificata e ridotta nei tempi morti, sebbene quella "specie di moto" del primo No More Heroes sia comunque disponibile e, anzi, pare sia stata resa più divertente da guidare.

il dolce suono della katana

I boss, dicevamo, costituiscono un impegno ancor più gravoso in No More Heroes 2, grazie anche al fatto che a volte dovremo affrontarne più di uno contemporaneamente. L'intelligenza artificiale più raffinata e una migliore gestione della telecamera sono i due punti che Grasshopper Manufacture ha messo in cima alla lista delle novità ma non è possibile affrontare questo argomento senza parlare anche delle armi, ovvero delle "katana laser" in dotazione al protagonista.
Oltre che con la spada di base già vista nel primo capitolo, questa volta potremo destreggiarci con l'uso di due katana, gestite rispettivamente dai sensori di movimento di Wiimote e Nunchuk e in grado di affettare i nemici in modo ancor più coreografico e impegnativo per il giocatore. L'altra arma svelata dagli sviluppatori è una katana gigante, cioè lunghissima, utile per raggiungere i nemici senza farli nemmeno avvicinare ma, prevedibilmente, più lenta e difficile da usare. Non potevano, infine, mancare nuove mosse di wrestling con cui mettere a tappeto gli avversari per il colpo di grazia.

no more, per davvero

Dopo l'annuncio del remake del primo No More Heroes su console HD è diventato palese che la passione di Suda51 per i sensori di movimento è già ampiamente tramontata ma ciò non sottrae valore alle idee che sembrano essere stata copiosamente travasate nel gioco, direttamente dalla mente (malata) del suo creatore: se c'è un gioco "hardcore" che può davvero costringere qualcuno a rispolverare la bistrattata console di Nintendo, se non bastasse l'imminente dose picchiaduro di Tatsunoko vs. Capcom, è proprio l'iper-sexy-violenza di Travis Touchdown e soci; nella speranza che questa volta il sangue scorra davvero a fiumi e non sotto forma di pulviscolo nero.


Commenti

  1. Zzave

     
    #1
    Ammé le monetine al posto del sangue del primo piacevano un bel po'.
  2. babalot

     
    #2
    Zzave ha scritto:
    Ammé le monetine al posto del sangue del primo piacevano un bel po'.
     ma non erano "coriandoli neri"? (l'ho letto sulla rece del solettone, mai visto sto gioco in vita mia :D)
  3. Godot

     
    #3
    babalot ha scritto:
    ma non erano "coriandoli neri"? (l'ho letto sulla rece del solettone, mai visto sto gioco in vita mia :D)
     Sì, era il fumo nero a sostituire il sangue.
  4. Tristan

     
    #4
    Pure a me pareva ci fossero le monetine e non solo i coriandoli neri.

    "La navigazione all'interno di Santa Destroy è stata inoltre parecchio semplificata e ridotta nei tempi morti, sebbene quella "specie di moto" del primo No More Heroes sia comunque disponibile e, anzi, pare sia stata resa più divertente da guidare."

    Vuol dire che oltre alla moto c'è un altro mezzo per muoversi giusto? Ci si può spostare nella mappa a mo' di teletrasporto?
  5. Godot

     
    #5
    Tristan ha scritto:
    Pure a me pareva ci fossero le monetine e non solo i coriandoli neri.

    "La navigazione all'interno di Santa Destroy è stata inoltre parecchio semplificata e ridotta nei tempi morti, sebbene quella "specie di moto" del primo No More Heroes sia comunque disponibile e, anzi, pare sia stata resa più divertente da guidare."

    Vuol dire che oltre alla moto c'è un altro mezzo per muoversi giusto? Ci si può spostare nella mappa a mo' di teletrasporto?


    Ma le monetine sono i soldi, non sono mica prerogativa della versione PAL. :-|
  6. rocky balboa

     
    #6
    Tristan ha scritto:
    Vuol dire che oltre alla moto c'è un altro mezzo per muoversi giusto? Ci si può spostare nella mappa a mo' di teletrasporto?
      Esattamente.:)
  7. Tristan

     
    #7
    Godot ha scritto:
    Ma le monetine sono i soldi, non sono mica prerogativa della versione PAL. :-|
       Non ho giocato la versione Usa, pensavo fossero un simpatico rimpiazzo del sangue :DD

    Comunque l'effetto non era malaccio*, le porcherie della censura rovinavano specialmente i filmati di uccisione dei boss, a dir poco scandalosi in alcuni frangenti :-|

    *Certo che se mi fai un gioco in cui tiri spadate e tagli a metà i nemici non far vedere il sangue è comunque una buffonata di dimensioni bibliche.
  8. Tristan

     
    #8
    rocky balboa ha scritto:
    Esattamente.:)
     Ottimo, il girovagare era l'unica cosa che mi rovinava il divertimento nel primo episodio, spezzava troppo il ritmo Imho.
  9. osmium76

     
    #9
    Ma non si dovrebbe dire "IL" katana?
  10. Godot

     
    #10
    osmium76 ha scritto:
    Ma non si dovrebbe dire "IL" katana?
       Perché mai? :berto: Comunque no, si usa l'articolo "la" davanti a katana.
Continua sul forum (40)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!