Genere
Gioco di Ruolo
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
12+
Prezzo
ND
Data di uscita
3/11/2006

Neverwinter Nights 2

Neverwinter Nights 2 Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Atari
Sviluppatore
Obsidian Entertainment
Genere
Gioco di Ruolo
PEGI
12+
Distributore Italiano
ATARI Italia
Data di uscita
3/11/2006
Lingua
Tutto in Italiano

Lati Positivi

  • Personaggi estremamente personalizzabili
  • Trama dai molteplici risvolti
  • Interfaccia immediata e intuitiva
  • Massiccia modalità multiplayer
  • Comparto tecnico di ottimo livello

Lati Negativi

  • Lo stile dei combattimenti potrebbe non piacere a qualcuno
  • Nessuna sostanziale novità rispetto al prequel

Hardware

I requisiti minimi per poter giocare a Neverwinter Nights 2 delineano un PC con CPU da 2 GHz, 512 MB di RAM e una scheda video con chip ATI Radeon 9800 o GeForce 6600. Il gioco è stato provato su un AMD Athlon 3000 a 64 bit con 1 GB di RAM e scheda video con chip ATI Radeon 1600 Pro: alla risoluzione di 1280x1024 pixel con dettagli medi il gioco si è comportato più che bene.

Multiplayer

Per la sezione multiplayer, vi rimandiamo all'articolo di approfondimento di prossima pubblicazione dedicato interamente alla modalità online.

Link

Recensione

Squadra che vince non si cambia

Gestione del party, combattimenti ed estetica...

di Daniele Mancuso, pubblicato il

Rispetto al predecessore, Neverwinter Nights 2 non annovera sostanziali novità a livello strutturale: anche questa volta le regole utilizzate sono quelle del gioco da tavolo Dungeons & Dragons, che di fatto rappresenta il principale punto di riferimento per i grandi GDR. Tuttavia alcuni aspetti sono stati ulteriormente potenziati, in modo da rendere l'esperienza ludica ancora più profonda rispetto al passato.

COMANDO IO!

La gestione generale del party è altamente personalizzabile e ci è consentito decidere come si devono comportare i nostri compagni: possiamo quindi predisporre un membro per gli attacchi fisici, un altro per quelli magici, mentre un terzo si occupa di difendere il capogruppo; in altre occasioni, invece, si può chiedere a un alleato di compiere alcune azioni che magari ci sono precluse a causa della nostra classe d'appartenenza, come sbloccare serrature o disattivare trappole. Anche la crescita di livello dei compagni di party è gestibile in maniera dinamica, visto che possiamo distribuire a piacimento i vari punti da spendere fra i parametri dei giocatori.
Tutto ciò viene realizzato con pochi click, grazie a un'interfaccia estremamente immediata che permette di accedere ai diversi menu con la sola pressione di un tasto. Insomma, in una decina minuti di gioco avremo già piena padronanza del tutto (per i neofiti è comunque disponibile un breve tutorial, cui si viene introdotti all'inizio dell'avventura). L'intelligenza artificiale dei nostri compagni appare piuttosto buona: si presentano reattivi e astuti, e la loro collaborazione è indispensabile per la risoluzione delle quest. Segnaliamo che nel caso il personaggio principale cada in battaglia, è possibile prendere il pieno controllo di un altro compagno per terminare i combattimenti come meglio si crede (ciò non era possibile nel primo episodio).
I membri che formano il party possono raggiungere un massimo numero di quattro componenti, ma visto che nel corso della storia si incontrano miriadi di personaggi possiamo sempre "scaricare" qualcuno (che magari è diventato ostile per le nostre scelte) e reclutare un nuovo membro per il nostro team.

UN PO' PER UNO NON FA MALE A NESSUNO

Riguardo i combattimenti, Neverwinter Nights 2 presenta un sistema a turni in tempo quasi-reale. Nonostante l'interfaccia appaia come quella tipica di un action GDR, in realtà si attacca il nemico solo al proprio turno ed entro un preciso arco di tempo. Tale scelta potrebbe far storcere il naso ai fan del primo capitolo, che nei primi momenti di gioco potrebbero ritrovarsi a cliccare freneticamente con il mouse senza che il proprio personaggio muova un dito. Nel complesso comunque la scelta di adottare questo sistema si rivela azzeccata, favorendo un approccio più tattico e ragionato agli scontri senza ridurre il tutto a un frenetico "clicca a più non posso" del mouse.
Inoltre, l'interfaccia estremamente semplificata permette di pianificare in anticipo le proprie mosse, in modo da non rendere le battaglie frustranti a causa del tempo limitato a disposizione per ogni turno.

IL VERSANTE TECNOLOGICO

Anche sotto il profilo tecnico Neverwinter Nights 2 non sfigura. Graficamente il titolo appare ben realizzato e curato, caratterizzato da ambientazioni fascinose in pieno stile fantasy, e abbellito da effetti di luce e ombra notevoli. Le texture sono estremamente dettagliate e i volti dei personaggi molto espressivi. Certo, per poter usufruire delle massime potenzialità del gioco bisogna possedere un hardware discreto, ma comunque anche rinunciando a qualche piccolo dettaglio la veste grafica appare più che dignitosa.
Il comparto sonoro è qualcosa di straordinario ed è costituito da pezzi musicali estremamente gradevoli da ascoltare, ma soprattutto in grado di sottolineare al meglio le situazioni in cui ci troviamo (dolci suoni durante le situazioni di quiete, elettrizzanti sinfonie negli scontri con i mostri). Ottimo anche il parlato, doppiato completamente in italiano.

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
Possiamo dire senza remore di trovarci di fronte a un autentico capolavoro e degno successore del primo episodio. Neverwinter Nights 2 offre al giocatore una massiccia campagna in single player, un'alta personalizzazione del proprio personaggio (nonché la padronanza sul suo destino) e una trama versatile e affascinante. Aggiungendo poi l'immensa sezione multiplayer, l'esperienza di gioco si presenta estremamente godibile e duratura. Forse qualche novità di rilievo sarebbe state gradita, ma il miglioramento dei punti di forza del precedente episodio unito a un comparto tecnico completamente rinnovato, rendono il risultato finale eccellente. Insomma, un amante dei giochi di ruolo non può farsi sfuggire per nessuna ragione al mondo il titolo Atari: sarebbe pura follia!