Genere
Gioco di Ruolo
Lingua
Sottotitoli in Italiano
PEGI
16+
Prezzo
ND
Data di uscita
27/4/2007

The Elder Scrolls IV: Oblivion

The Elder Scrolls IV: Oblivion Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Bethesda Softworks
Sviluppatore
Bethesda Softworks
Genere
Gioco di Ruolo
PEGI
16+
Distributore Italiano
Ubisoft Italia
Data di uscita
27/4/2007
Lingua
Sottotitoli in Italiano
Giocatori
1

Lati Positivi

  • Un'avventura dalle proporzioni epiche
  • Libertà di approccio incredibile
  • Ricco di contenuti e situazioni da affrontare

Lati Negativi

  • Poche migliorie rispetto alle edizioni per Xbox 360 e PC
  • Non contiene la maggior parte dei pacchetti aggiuntivi oggi disponibili
  • A lungo andare si diventa "onnipotenti"

Hardware

Per intraprendere l'avventura nelle terre di Tamriel sono necessari una console PlayStation 3, un joypad e una confezione originale del gioco. The Elder Scrolls IV: Oblivion occupa ben 4600 MB di spazio sull'Hard-Disk della console Sony. Il titolo di Bethesda Softworks supporta l'alta definizione a 720p, ma non a 1080i. La versione europea del gioco dispone dei sottotitoli in lingua italiana. Per la presente recensione è stata testata la versione americana di The Elder Scrolls IV: Oblivion.

Multiplayer

The Elder Scrolls IV: Oblivion non supporta alcuna modalità di gioco in multiplayer.

Link

Recensione

Un nuovo re da incoronare

Ecco l'eroe che porrà i sigilli ai malefici portali di Oblivion!

di Luca Airoldi, pubblicato il

La versione di The Elder Scrolls IV: Oblivion per PlayStation 3 è stata per lungo tempo al centro di accese discussioni riferite alle presunte migliorie tecniche apportate dagli sviluppatori, derivanti dal maggior tempo avuto a disposizione per la conversione. A ciò si sono poi aggiunte disquisizioni in merito all'eventuale presenza dei contenuti aggiuntivi che nel tempo hanno nutrito l'esperienza di gioco disponibile su Xbox 360.

VOGLIA DI ESPANSIONI?

Ebbene, la versione di The Elder Scrolls IV: Oblivion per PlayStation 3 non contiene gran parte delle espansioni disponibili (a pagamento) per Xbox 360: sebbene infatti sia presente il pacchetto di missioni denominato "Knights of the Nine", il famoso "Horse Pack" e le varie ambientazioni aggiuntive come la Torre dei Maghi o il Covo dei Ladri sono assenti sulla console di Sony. Non è al momento nemmeno ben chiaro se tali pacchetti aggiuntivi verrano resi disponibili per il download via PlayStation Network.
Più interessante è invece l'analisi tecnica della versione per PlayStation 3 di The Elder Scrolls IV: Oblivion: come accennato in apertura di articolo, Bethesda Softworks ha affermato di voler rifinire il comparto tecnico della sua produzione, mirando a limare alcuni difetti che minavano il motore grafico del gioco su Xbox 360. Il risultato non è però così limpido, in quanto anche su PlayStation 3 non è raro assistere a "balbettii" dell'engine grafico, soprattutto quando esso viene sottoposto a veloci carrellate o nel momento in cui si viaggia spediti a cavallo. Allo stesso modo le animazioni dei personaggi appaiono a volte legnose e rigide, con risvolti non sempre positivi in merito alle fasi di combattimento, quando il sistema di rilevamento delle collisioni dimostra di non essere impeccabile.
Il quadro tecnico non è dunque così distante da quanto già rilevato su Xbox 360: in questo senso è comunque utile ripetere e sottolineare che tali difetti tecnici - in parte "giustificati" dalla mole di elementi da gestire dato il vastissimo orizzonte visivo che contraddistingue la visuale in ambiente aperto - non arrivino a intaccare un'esperienza ludica indiscutibilmente profonda nonché catalizzata da ben altri elementi ludici.

ORIZZONTI VISIVI

L'impatto visivo di The Elder Scrolls IV: Oblivion per PlayStation 3 si espone a un'analisi indubbiamente soggettiva: pur essendo infatti oggettiva la presenza di un leggero aliasing soprattutto ai bordi del proprio personaggio (decisamente evidente esponendosi in controluce), le considerazioni inerenti la resa visiva del gioco non mutano fortemente da quanto apprezzato sulla console di Microsoft. Come accaduto per gli altri titoli attualmente disponibili per entrambe le console, su PlayStation 3 è avvertibile un impatto visivo più brillante e definito, sebbene si dimostri spesso troppo rilevato sulle linee nette. Il punto in cui invece il gioco pare abbia goduto di migliorie è inerente alle fasi di caricamento: benché il tutto non sia pesantemente avvertibile, i caricamenti appaiono indubbiamente più snelli e fluidi.
Nulla di particolarmente importante riguardo all'utilizzo del Sixaxis: nonostante la mancanza del supporto della vibrazione si faccia effettivamente sentire nelle fasi di combattimento, l'interazione con le ampie possibilità offerte dal gioco ben si adatta alla configurazione dei tasti del joypad di Sony, anche se permane la difficoltà - già rilevata su Xbox 360 - di selezione degli oggetti tramite le otto direzioni del pad digitale nei momenti più concitati.

INCORONIAMO IL RE

Al di là delle considerazioni tecniche, possiamo comunque affermare che, anche su PlayStation 3, The Elder Scrolls IV: Oblivion rappresenta un'avventura dalle proporzioni colossali, così ricca di contenuti e vasta negli approcci di gioco da essere considerata a pieno merito una produzione di assoluto calibro. Ovviamente, chiunque abbia già varcato le soglie della provincia di Cyrrodiil su Xbox 360 o su PC non troverà nulla di diverso su PlayStation 3; chi invece non ha ancora avuto il piacere di affrontare i temuti portali di Oblivion consideri quest'opportunità come un'occasione da non lasciarsi sfuggire.

Voto 5 stelle su 5
Voto dei lettori
Che The Elder Scrolls IV: Oblivion sia un titolo di assoluto prestigio anche su PlayStation 3 è un chiaro dato di fatto. Benché privo di gran parte delle espansioni disponibili (a pagamento) per Xbox 360, e a ben vedere tecnicamente equiparabile a quanto visto sulla piattaforma di Microsoft, il punto in cui il titolo di Bethesda Softworks si riafferma riguarda l'atmosfera, i contenuti e l'esperienza ludica che è in grado di offrire per innumerevoli e coinvolgenti ore di gioco. Caricamenti più snelli e un percettibile aliasing sono risvolti tencici - siano essi positivi o negativi - che poco incidono sulla qualità globale di The Elder Scrolls IV: Oblivion, che si riconferma pertanto come un titolo epico e maestoso: ora anche PlayStation 3 può incoronare il suo re.