Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
20/7/2012

Party Wave

Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Sviluppatore
Mistwalker
Data di uscita
20/7/2012

Lati Positivi

  • Grafica curata
  • Musiche suggestive
  • Gameplay frenetico

Lati Negativi

  • Meccaniche di gioco riciclate
  • Curva di difficoltà troppo ripida
  • Alla lunga poco stimolante

Modus Operandi

Abbiamo provato il gioco per 7 ore su un iPad 16 giga Wi-Fi. Il gioco non ha mai mostrato rallentamenti, ma si è purtroppo registrato qualche sporadico crash.
Recensione

Il creatore di Final Fantasy debutta su iOS

Sakaguchi cerca l'onda perfetta con Party Wave.

di Claudio Magistrelli, pubblicato il

Il nome di Hironobu Sakaguchi non suonerà certo nuovo agli appassionati, il famoso sviluppatore giapponese è infatti la mente che si cela dietro il successo della saga di Final Fantasy e il fondatore dei Mistwalker Studios del più recente The Last Story, uscito su Wii. A inizio anno aveva sorpreso un po' tutti annunciando che il suo prossimo gioco non sarebbe stato un JRPG, bensì un'app per iOS. Dopo qualche mese di attesa, Party Wave è finalmente disponibile.

MAI QUEST'ONDA, MAI CI AFFONDERÀ
Non è certo un mistero che il surf sia una delle grandi passioni di Sakaguchi, non sorprende dunque che il primo gioco lontano dal genere che l'ha consacrato negli ultimi 25 anni sia un titolo ambientato tra onde, tavole e costumi da bagno. Tuttavia Party Wave non è un solo gioco di surf, bensì un gioco che utilizza il surf per mettere in scena delle meccaniche di gioco da puzzle game già presenti di diversi altri titoli sul mercato.

Tappando sui surfer mentre sono in aria si attiva un moltiplicatore che permette di realizzare delle combo - Party Wave
Tappando sui surfer mentre sono in aria si attiva un moltiplicatore che permette di realizzare delle combo

Ciascun livello si divide in due fasi: la prima in cui bisogna portare i surfisti a nostra disposizione verso il punto di impatto dell'onda, gestendone le traiettorie intorno a scoglie e meduse in modo simile a quanto avviene in Flight Control, poi dopo un cambio di visuale – non più dall'alto, ma laterale - bisognerà impegnarsi a tenere i surfisti sulla cresta dell'onda evitando che tocchino il fondo della schermata fino allo scadere del tempo. È in questa seconda fase che il gioco mostra la maggiore profondità, arricchita di livello in livello dalla notevole quantità di elementi introdotti ad influenzare il gameplay. Per tenere a galla i surfisti basterà toccarli con la punta delle dita, e se inizialmente la sola difficoltà riguarderà il momento buono in cui farlo – più il surfista sarà vicino al fondo dello schermo, maggiore sarà lo slancio conferito dal tap e più alto il punteggio assegnato all'evoluzione – ben presto diverrà complicato anche il come. Col procedere dei livelli infatti aumenterà il numero di surfisti di cui dovremmo occuparci, e tenendo conto che ciascuno di loro è caratterizzato da un comportamento fisico differente a seconda della stazza è facile capire come sia necessaria una solida coordinazione tra occhio e mano per tenere sott'occhio tutti gli elementi che si muovono a video e colpire quelli più in pericolo assicurandosi anche che non si scontrino con gli ostacoli naturali che sbucano tra le onde.

Nella prima fase di ogni livello bisogna guidare i surfisti verso l'onda, scansando i bizzarri ostacoli sul percorso - Party Wave
Nella prima fase di ogni livello bisogna guidare i surfisti verso l'onda, scansando i bizzarri ostacoli sul percorso

UN'ALTRA VOLTA, UN'ALTRA ONDA: QUANTO RESISTERAI?
Un gioco semplice, immediato e divertente dunque? La risposta giusta sarebbe un “sì” non troppo convinto. Si nota la mano di uno sviluppatore con un gran bagaglio d'esperienza alle spalle, ogni elemento trova la sua giusta collocazione e il proprio peso nell'economia del gioco, tuttavia le meccaniche intrinsecamente semplici delle due fasi saziano troppo presto il palato del giocatore più smaliziato. Saggiamente vengono spesso introdotti nuovi ostacoli per variare l'esperienza di gioco, ma tutto ciò non riesce a impedire che i propositi strategici vengano presto abbandonati in favore di una serie di incessanti tap alla ricerca di qualunque cosa si muova a video. Preso come semplice passatempo con cui ingannare le attese Party Wave comunque funziona egregiamente, e può sfoggiare un comparto artistico di tutto rispetto.

Cambia 	lo stile, ma il ragazzo coi capelli a punta è una presenza fissa... e 	non mancano nemmeno le boss battle! - Party Wave
Cambia lo stile, ma il ragazzo coi capelli a punta è una presenza fissa... e non mancano nemmeno le boss battle!

Sorprendentemente lo stile scelto per i personaggi – e l'intero comparto grafico - è di chiaro stampo occidentale, ispirato a quello che ha caratterizzato le produzioni di Cartoon Network nell'ultimo decennio. Per evitare che lo sfondo azzurro vada a noia, l'ambientazione muta col passare dei livelli coprendo diversi momenti della giornata, riuscendo ad offrire anche scorci piuttosto evocativi, obiettivo abbastanza facile però da raggiungere quando c'è di mezzo un mare e un tramonto. Coraggiosa, ma azzeccata invece la scelta musicale, realizzate da un altro grande del settore Nobuo Uematsu, che invece di incalzare il giocatore con brani dal ritmo serrato lavora per contrasto, giocando su atmosfere rarefatte e meditative.

Voto 3 stelle su 5
Voto dei lettori
Nel panorama di giochi per iOS, i giochi-passatempo abbondano. Party Wave prova a spiccare senza offrire dinamiche originali, ma contando solamente su una cura nella confezione del prodotto - dalla calibrazione della giocabilità agli elementi di contorno - che ha pochi paragoni tra i suoi rivali. Probabilmente però arriva oltre il tempo massimo, quando questi prodotti hanno già saturato il mercato ed è difficile credere che senza il nome di Sakaguchi alle spalle Party Wave sarebbe ugualmente riuscito a balzare agli onori della cronaca.

Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!