Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

PC e sistemi Windows

PC e sistemi Windows Vai al forum Aggiungi alla collezione

Lati Positivi

  • Estetica piacevole
  • Firmware stracolmo di opzioni
  • Buone prestazioni

Lati Negativi

  • Antenne ingombranti e difficili da direzionare
  • Led frontali poco leggibili

Hardware

Il router oggetto della recensione è compatibile con qualunque dispositivo wireless di tipo 802.11a/b/g/n e con le bande di frequenza a 2,4 e 5 GHz. È in vendita dal mese di maggio 2010 al prezzo consigliato di 159,99 euro ma, dopo una breve indagine in Rete, abbiamo scoperto che viene attualmente venduto a 139,99 euro dai principali negozi online.
Recensione

Sitecom Gaming Router II

Un router per la casa del giocatore multimediale.

di Sebastiano Pupillo, pubblicato il

Le nostre case, è banale constatarlo, sono ormai piene zeppe di dispositivi connessi; se ci guardiamo intorno possiamo facilmente trovare un PC desktop, uno o più notebook, una o più console portatili e "da casa" pronte per la rete, con l'aggiunta - ormai sempre più frequente - di smartphone e tablet anch'essi desiderosi di una banda larga wireless per fare il loro dovere. Se la vostra situazione non è dissimile da quella appena descritta, è altamente probabile che siate già dotati di un router Wi-Fi; se non siete soddisfatti delle sue prestazioni perché magari, semplicemente, ha qualche anno sul groppone - come nel caso del glorioso Linksys WRT-54G di chi scrive - potreste essere anche molto interessati alla lettura di questo articolo.

paint it black

Come ogni prodotto dedicato ai giocatori, il Gaming Router II di Sitecom attira subito l'attenzione con una confezione nera che ben rispecchia l'aspetto del router in sé: piccolo, solido al tatto, ben rivestito e dotato di due "antennone" che mettono subito in guardia circa la sua destinazione d'uso. La scelta di piazzare una serie di minuscoli led sul frontale, senza alcuna etichetta che spieghi a cosa si riferiscono, dona sicuramente stile ed eleganza all'apparecchio, una volta in funzione, a discapito di un po' di funzionalità.
A livello di specifiche, sulla carta non manca nulla: due access point a 2,4 e 5 GHz utilizzabili in simultanea, quattro antenne (due sono nascoste all'interno), supporto allo standard wireless 802.11n, cinque porte Gigabit full duplex (quattro per lo switch e una per la connessione al modem), porta USB per collegare un'unità di memorizzazione e un firmware che più completo non si può per divertirsi a configurare il tutto secondo le proprie esigenze.

pronto all'uso

In materia di semplicità di installazione il router è andato oltre ogni più rosea aspettativa: acceso, collegato subito in wireless al primo PC (le impostazioni di default sono scritte sotto il dispositivo), dal quale abbiamo inserito le nostre opzioni abituali, tutti gli altri dispositivi della casa l'hanno subito riconosciuto e si sono agganciati senza problemi. Attraverso il firmware è possibile consentire l'accesso tramite i soliti sistemi di autenticazione, nonché aprire tre sotto-connessioni "guest" con il proprio nome e tipo di protezione, per ciascuna delle due bande di frequenza disponibili: praticamente una manna dal cielo se avete frequenti ospiti in casa che chiedono di utilizzare la vostra connessione a sbafo, e a cui magari preferite non dare la vostra password principale.
In realtà la quantità di opzioni presente nell'interfaccia del firmware va ben oltre quello che serve di solito all'utente medio e rivaleggia con i firmware "custom" (come l'ottimo DD-WRT che utilizzavamo in precedenza) dedicati agli utenti più smanettoni e agli esperti della materia. Tra i numerosi pannelli a disposizione spicca quello della tecnologia WISH, a cui è deputata l'ottimizzazione del traffico per fare in modo che applicazioni come streaming video e giochi multiplayer abbiano la priorità sul trasferimento dei file. Questa funzionalità non va però equivocata, come vedremo tra poco, e non sta a significare che potete intasare la rete nei modi più fantasiosi senza subire alcun contraccolpo nei valori di ping.

scaricamento sadico

Il primo esperimento - andato a buon fine - a cui abbiamo sottoposto il router è stato quello di gestire contemporaneamente una sessione di gioco multiplayer su un Xbox 360 connesso in Wi-Fi e una serie di gravosi trasferimenti file attraverso un PC portatile, per altro sulla stessa frequenza dei 2,4 GHz. Pur intasando praticamente la banda in upload e rilevando quindi un leggero peggioramento della connessione (siamo passati da un ping "pieno" a tre tacche su quattro), la nostra partita non è mai stata interrotta da spiacevoli "scatti", facendoci promuovere subito a pieni voti il sistema di ottimizzazione del traffico descritto poc'anzi.
Passando al PC desktop, connesso allo switch via cavo, e provando una serie di misurazioni più rigorose attraverso vari shooter in prima persona - dal glorioso Quake III Arena a Team Fortress 2, passando per il "professionalissimo" Counter-Strike - ci siamo purtroppo resi conti che l'intasamento della banda causava invece sensibili peggioramenti del ping, che vedeva praticamente triplicato e quadruplicato il suo valore non appena partiva il trasferimento file via FTP; e gli appassionati di shooter sanno bene che passare da un ping di 30 a uno di 120 millisecondi può rovinare malamente anche la partita più rilassata.

media center

La conclusione che abbiamo tratto dalla nostra prova sul campo è che il prodotto di Sitecom è un ottimo router a cui non è possibile chiedere di fare il miracolo di "decongestionare" una rete intasata. Di contro, ponendo per esempio dei limiti "umani" al trasferimento dei file, abbiamo rilevato ping assolutamente buoni (sotto i 50 millisecondi) anche in presenza di traffico di altro tipo che non fosse quello strettamente videoludico.
Vista la quantità di connessioni simultanee che è in grado di sopportare, e la tecnologia WISH di cui sopra, a cui è possibile chiedere di dare priorità nello specifico al traffico di Windows Media Center, più che un router per giocatori diremmo che quello di Sitecom è un router per giocatori "multimediali", ovvero per chi vuole permettersi anche il lusso di giocare in modo competitivo mentre gli altri coinquilini navigano su Internet, magari guardando video e ascoltando musica in streaming, oppure sfruttano un "extender" di Windows Media Center.
A tal proposito, l'unico difetto che abbiamo rivelato, ma che non sapremmo se imputare in parte al router o piuttosto all'affollamento di reti domestiche nel nostro condominio, è stata una certa eccessiva variabilità della connessione di Xbox 360 a Windows Media Center, probabilmente vittima di una spiacevole interferenza; dopo aver provato a spostare sia il router che la console in varie posizioni ci siamo rassegnati al fatto che forse la "connessione perfetta" non esiste - o meglio, esiste, ma prevede che facciate passare un grosso cavo in mezzo alla stanza!

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Considerato il prezzo accessibile, ma pur sempre di fascia medio-alta, possiamo dire che il router di Sitecom ci è parso un prodotto assolutamente all'altezza delle aspettative: i suoi punti di forza sono la flessibilità garantita dal completissimo firmware e il dual-band simultaneo sui 2,4 e sui 5 GHz. La stabilità del segnale è garantita anche in appartamenti grandi e con più dispositivi collegati contemporaneamente. Molto buone anche le prestazioni nei giochi multiplayer, a patto di non congestionare volontariamente tutta la banda fornita dal provider, giusto per tenere fede alla parola "Gaming" nel nome. Dulcis in fundo, la porta USB consente di mettere i propri file in rete locale potendo anche gestire gli accessi e i privilegi dei vari utenti alle risorse condivise.

Commenti

  1. Rorrim

     
    #1
    140 eurini un prezzo accessibile? Inzomma...
  2. babalot

     
    #2
    Rorrim ha scritto:
    140 eurini un prezzo accessibile? Inzomma...
    mmmmsì, beh, non è un router "economico" ma nemmeno una roba di lusso. dipende dal contesto: chi ha già speso svariate migliaia di euro per pc, notebook, netbook, eventuali smartphone o ipad non credo che poi si tiri indietro a cacciare più di cento euro per un router. di contro, chi non possiede nulla da collegare in wireless e non ha bisogno di gestire reti, sotto-reti, NAS e utenze in modo preciso non se ne fa nulla di un router così. la parola "accessibile" va un filo contestualizzata, no? :)
  3. franz899

     
    #3
    Cosa ha in piu rispetto ad un netgear DGN2000, che costa la metà e ha ugualmente le opzioni per il QoS con dei settaggi predefiniti per giochi e programmi(ed è un netgear)?

    http://www.netgear.it/prodotti/prodotti.php?prod=DGN2000
  4. Rorrim

     
    #4
    babalot ha scritto:
    mmmmsì, beh, non è un router "economico" ma nemmeno una roba di lusso. dipende dal contesto: chi ha già speso svariate migliaia di euro per pc, notebook, netbook, eventuali smartphone o ipad non credo che poi si tiri indietro a cacciare più di cento euro per un router. di contro, chi non possiede nulla da collegare in wireless e non ha bisogno di gestire reti, sotto-reti, NAS e utenze in modo preciso non se ne fa nulla di un router così. la parola "accessibile" va un filo contestualizzata, no? :)
     Beh in una situazione del genere penso che ci si possa permettere anche router più costosi e performanti allora, invece di "fermarsi" a questo Sitecom. (Se hai un iPad vuol dire che hai soldi da buttare :asd: )
  5. babalot

     
    #5
    franz899 ha scritto:
    Cosa ha in piu rispetto ad un netgear DGN2000, che costa la metà e ha ugualmente le opzioni per il QoS con dei settaggi predefiniti per giochi e programmi(ed è un netgear)?
     questo che dici tu non mi pare sia dual-band (potrei sbagliarmi, ho dato solo una rapida occhiata).
  6. franz899

     
    #6
    babalot ha scritto:
    questo che dici tu non mi pare sia dual-band (potrei sbagliarmi, ho dato solo una rapida occhiata).

    Quel modello non ha il dual band, ma non ne trovo l'utilità al momento. Non tutti i dispositivi supportano anche la banda a 5ghz e i contenuti hd(ovviamente compressi) sulla 2,4 vanno benissimo.
     
    Per quanto riguarda le impostazioni da gamer, è un semplice filtro sulle porte, ma in ogni caso se la banda è intasata non si possono fare i miracoli.
  7. babalot

     
    #7
    franz899 ha scritto:
    Quel modello non ha il dual band, ma non ne trovo l'utilità al momento.
     perché? il mio portatile vaio vecchio di tre anni già supporta la banda a 5 GHz quindi posso piazzarlo su quella mentre l'X360, per esempio, sta sulla 2,4, così hanno ciascuno la sua banda e non si rallentano a vicenda.
  8. ZeRoLiFe

     
    #8
    ma la scelta di non avere indicazioni x i led è prerogativa di quasi tutti i sitecom non solo di questo, e per giunta i sitecom fanno ribrezzo . Un netgear gli mangia in testa
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!