Genere
Gioco di Ruolo
Lingua
Inglese
PEGI
12+
Prezzo
64,90 Euro
Data di uscita
24/11/2006

Phantasy Star Universe

Phantasy Star Universe Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sega
Sviluppatore
Sonic Team
Genere
Gioco di Ruolo
PEGI
12+
Distributore Italiano
Halifax
Data di uscita
24/11/2006
Lingua
Inglese
Giocatori
6
Prezzo
64,90 Euro

Hardware

Sono richiesti una console Xbox 360 in versione europea, il gioco originale in versione europea e un controller compatibile.

Multiplayer

Phantasy Star Universe è composto da due modalità separate: la storia per giocatore singolo e il multiplayer attraverso Xbox Live. Per giocare con altre persone via Internet, è richiesto un abbonamento Xbox Live Gold e uno apposito per il gioco di 9,99 Euro mensili.

Link

Recensione

Universi senza fine

Uno sguardo al multiplayer del sequel di Phantasy Star Online.

di Francesco Destri, pubblicato il

Il ricordo di Phantasy Star Online è ancora vivo nella mente degli appassionati di giochi di ruolo online, di cui il celebre titolo di Sega è stato uno dei primi e più gloriosi esponenti. Di conseguenza, nonostante la concorrenza non sia mai stata così agguerrita almeno in ambito PC (World of Warcraft, Guild Wars, Lineage II tra gli altri...), Phantasy Star Universe trae il suo maggior interesse proprio dalla componente online, che affianca senza grandi cambiamenti di concept e di gameplay l'esperienza in singolo e che rende questo gioco di ruolo molto interessante (almeno sulla carta) per tutti i possessori di Xbox 360, vista anche la penuria di titoli simili a parte Final Fantasy XI.

MULTIPLAYER DAL PASSATO

Non aspettatevi però la complessità di un universo come quello creato da Blizzard o da ArenaNet (abbiamo solo quattro razze tra cui scegliere più alcune “specializzazioni”) e nemmeno un modulo di gioco in grado di dire qualcosa di veramente nuovo in ambito GDR online.
La modalità online di Phantasy Star Universe prevede infatti pochissime aggiunte rispetto al gioco in singolo, con quest e location praticamente identiche che ci portano in dungeon spesso molto simili tra loro a massacrare i nemici del caso (i SEED), senza varianti o sviluppi narrativi davvero interessanti.
Se però questo fatto ha inciso profondamente nella modalità in singolo, giocando online con un party formato al massimo da altri cinque giocatori le cose assumono sicuramente più interesse, nonostante il funzionamento per potenziare e modificare le armi, acquistare nuovi abiti, decorare la nostra Room rimanga invariato rispetto allo Story Mode in singolo.
Gran parte del tempo lo passeremo infatti, oltre che nelle instance in compagnia del nostro party, all'interno della base dei Guardian per cercare nuovi compagni di gioco, per ricaricare armi, per fare acquisti o più semplicemente per chattare grazie al supporto per il Voice Controller (ma anche una tastiera USB può tornare utile allo scopo).

GRATIS? NON PROPRIO

Visto dal lato del divertimento puro (che anche online richiama un modello di GDR decisamente semplice e immediato nel funzionamento - quasi un Diablo in multiplayer), Phantasy Star Universe si è rivelato un titolo riuscito nella modalità online, anche se molto limitato (basti pensare che volendo si può combattere unicamente tramite un unico tasto), ma a rovinare la festa intervengono numerosi fattori che scontenteranno anche i nostalgici del predecessore per Dreamcast.
Sono numerosi infatti i difetti tecnici come la difficoltà nel connettersi ai server nelle ore di punta o le frequenti disconnessioni, ma anche il supporto al gioco in termini di patch e di nuovi contenuti scaricabili (giusto qualche nuova missione o nuovi costumi) ha lasciato per ora interdetti così come il numero di giocatori presenti sui server dedicati a Xbox Live.
Tutto ciò con l'aggravante, davvero ingiustificata, di un abbonamento obbligatorio di 9,99 Euro mensili da aggiungersi naturalmente al costo del gioco e a quelli di Xbox Live Gold. Una spesa a nostro avviso inconcepibile per un titolo così poco supportato (almeno per ora) e a conti fatti rimasto troppo legato al passato (ovvero a Phantasy Star Online) per poter giustificare una spesa simile.