Genere
Puzzle Game
Lingua
Italiano
PEGI
3+
Prezzo
€ 29,98
Data di uscita
5/2/2010

Picross 3D

Picross 3D Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Nintendo
Sviluppatore
HAL Laboratory
Genere
Puzzle Game
PEGI
3+
Distributore Italiano
Nintendo Italia
Data di uscita
5/2/2010
Lingua
Italiano
Giocatori
1
Prezzo
€ 29,98

Lati Positivi

  • Centinaia di puzzle
  • Stile grafico accattivante
  • Curva di apprendimento molto ben studiata
  • Buona varietà nella composizione dei puzzle

Lati Negativi

  • Supporto online limitato
  • Tradisce in parte lo spirito dei picross

Hardware

Picross 3D è un'esclusiva Nintendo DS e funziona su tutti e quattro i modelli della console.

Multiplayer

Il gioco prevede la possibilità di creare i propri puzzle e scambiarli con gli amici tramite la connessione Wi-Fi. Al contrario di quanto avveniva con Picross DS, però, non è supportato lo scambio via Internet. Sempre tramite la connessione Wi-Fi, è inoltre possibile fornire a un amico privo di cartuccia una versione dimostrativa del gioco.

Link

Recensione

Picross scopre la terza dimensione

Centinaia di nuovi puzzle per gli enigmisti col pennino.

di Andrea Maderna, pubblicato il

Picross è solo uno dei tanti nomi affibbiati nel tempo a un genere enigmistico nato nel 1987 e diffusosi velocemente in tutto il mondo. Sebbene la popolarità videoludica in Occidente sia giunta solo con Picross per DS, Nintendo ne intuì il potenziale già verso la metà degli anni novanta, con una serie di ben undici titoli pubblicati fra Game Boy e SuperNES. Ma dalle nostre parti, come detto, la moda è esplosa grazie alla comodità del touch screen, che torna oggi alla riscossa con questa incarnazione 3D.

una nuova dimensione

Il concetto di base utilizzato da Picross 3D rimane simile a quello dell'incarnazione originale, in cui ciascun puzzle chiede di svelare una figura composta da alcune caselle, scoprendo quali cancellare tramite una serie di suggerimenti numerici che indicano il numero di quadratini da lasciare intonsi in ciascuna riga. La terza dimensione aggiunta, però, cambia le carte in tavola, rendendo l'approccio per certi versi più articolato e per altri molto più semplice. Se da un lato, infatti, in Picross 3D bisogna considerare più piani prospettici e c'è la necessità di manipolare l'inquadratura, dall'altro svanisce quasi del tutto la necessità di ragionare per ipotesi - non a caso non si possono più indicare delle caselle come "possibili" - e le dimensioni limitate a una griglia massima di 10 X 10 X 10 blocchi fanno svanire l'ipotesi di puzzle enormi.
Gli indizi possono essere di tre tipi. Un semplice numero segnala quante caselle consecutive vanno "preservate" all'interno della singola riga. Se il numero è cerchiato le caselle sono divise in due gruppi. Se il numero è contenuto in un quadrato i gruppi sono anche di più. Per capire quali caselle distruggere e quali colorare per preservarle dalla distruzione, bisogna combinare questi indizi fra di loro, ragionando sullo sviluppo della figura nelle tre dimensioni. Diventa quindi necessario sfruttare il pennino per ruotare l'inquadratura e utilizzare degli appositi cursori per visualizzare sezioni del puzzle, in modo da scrutare la disposizione delle caselle anche all'interno dell'oggetto.
In alcune rare situazioni capita che gli indizi non siano sufficienti per farsi un'idea precisa, e allora si può ragionare cercando di capire cosa sia la figura da ottenere risolvendo l'enigma, o magari studiando le simmetrie: nel momento in cui è evidente che si sta "costruendo" un oggetto dotato di quattro gambe uguali, ecco che numerosi blocchi possono essere eliminati. Il ragionamento per ipotesi, però, non è quasi mai necessario, e lo dimostra il fatto che - come detto - non è presente un'opzione per colorare i blocchi in due tinte diverse (una delle quali dedicata alle caselle di cui non si è sicuri).

sfida multipla

In senso assoluto, nonostante l'approccio tridimensionale possa sembrare più complesso, la sfida è meno impegnativa rispetto al passato. In Picross 3D non si trova neanche un puzzle davvero articolato e complesso come più "infami" del precedente episodio. Forse anche per ovviare a questo calo di difficoltà, il gioco propone una tripla sfida per ogni puzzle: una stella in premio per la semplice soluzione, una seconda per chi non commette errori e una terza per chi ce la fa entro un tempo limite. Collezionare stelle in abbondanza non rappresenta solo una sfida con se stessi e con la propria mania di completismo, ma anche l'unico modo per sbloccare i puzzle extra. In più ci sono alcuni puzzle dalle regole particolari, legate magari al poco tempo disponibile o all'impossibilità di commettere errori (normalmente ne vengono perdonati quattro).
Divisi in tre livelli dalla difficoltà crescente, gli oltre 350 puzzle di Picross 3D offrono una sfida abbondante, anche se forse non in grado di impegnare a lungo come un tempo. Purtroppo non giunge in estremo aiuto la modalità di scambio dei puzzle creati tramite l'editor, che ora supporta solo la connessione locale e non più il download da Internet.
Da segnalare, infine, l'accattivante lavoro svolto sull'aspetto grafico. Lo stile è quello tipico da Touch! Generations, quindi probabilmente un po' "antipatico" per gli hardcore gamer con la puzza sotto il naso, ma le varie animazioni in cui si esibiscono i puzzle risolti sono sempre piacevoli e aggiungono un pizzico di soddisfazione in più.

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
Picross 3D è un titolo controverso, che in un certo senso abbandona la semplicità concettuale dei puzzle da cui nasce. Questa svolta, oltre a un tasso di sfida complessivamente minore, potrebbe far storcere il naso agli appassionati. Tutto questo, però, non cancella l'estrema qualità complessiva del gioco, divertentissimo, accattivante, adatto a un po' tutti i tipi di pubblico e in ogni caso sempre in grado di generare dipendenza. Che si cerchi un passatempo veloce per quattro fermate sull'autobus o una raccolta di enigmi da "un'altra e poi smetto", difficilmente Picross 3D deluderà.

Commenti

  1. Zakimos

     
    #1
    giopep ha scritto:
    Picross scopre la terza dimensione: Centinaia di nuovi puzzle per gli enigmisti col pennino.



    Gran gioco.

    180 puzzles risolti per ora e ancora non stanca.

    E' certamente più facile e immediato dell'originale, il che lo rende perfetto per me che preferisco i giochi "a colpo d'occhio" rispetto a quelli di ragionamento.

    Se qualcuno come me era rimasto intrigato da Picross DS, ma l'aveva trovato un po' troppo impegnativo, Picross 3d è il titolo per lui.

    Mi piacerebbe però sapere cosa ne pensano Acarolla, njoe e gli altri fan del picross originale.
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!