Genere
Gioco di Ruolo
Lingua
Italiano
PEGI
3+
Prezzo
€ 39,90
Data di uscita
26/3/2010

Pokémon Oro HeartGold & Pokémon Argento SoulSilver

Pokémon Oro HeartGold & Pokémon Argento SoulSilver Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Nintendo
Sviluppatore
Game Freaks
Genere
Gioco di Ruolo
PEGI
3+
Distributore Italiano
Nintendo Italia
Data di uscita
26/3/2010
Data di uscita giapponese
12/9/2009
Lingua
Italiano
Giocatori
1-4
Prezzo
€ 39,90

Hardware

Per giocare a Pokémon Oro HeartGold / Argento SoulSilver avrete bisogno di una copia originale del gioco e di una console Nintendo DS (normale, Lite, DSi o DSI XL). Il gioco supporta la Nintendo Wi-Fi Connection e la periferica Pokéwalker, inclusa nella confezione. Entrambi i giochi offrono un solo slot di salvataggio.

Multiplayer

Pokémon Oro HeartGold / Argento SoulSilver offrono varie modalità multigiocatore locali e online, da 2 a 4 giocatori. Il supporto multigiocatore permette di interagire con altri giocatori tramite scambi, combattimenti di pokémon, classifiche e svariati minigiochi. Per ulteriori informazioni consultare l’apposita sezione della recensione.

Link

Recensione

I segreti del Pokéwalker

Un nuovo modo di giocare.

di Alberto Torgano, pubblicato il

Pokémon Oro HeartGold e Argento SoulSilver sono i primi episodi della serie a supportare un accessorio esterno chiamato Pokéwalker. Concettualmente mutuato dal contapassi di Pikachu, qualche anno fa commercializzato anche in Italia, e dal Pokémon Mini (la più sconosciuta delle console Nintendo), il Pokéwalker è un contapassi in grado di comunicare con la cartuccia di gioco tramite una porta infrarossi, peraltro assolutamente invisibile.

CAMMINA CHE TI PASSA

Innanzitutto premettiamo che l’utilizzo del Pokéwalker è completamente slegato dall’esperienza di gioco. L’opzione per utilizzare questa periferica è infatti disponibile nel menu iniziale del gioco, prima ancora di caricare la partita salvata, tuttavia prima di potervi accedere dovremo ottenere almeno un paio di Pokémon. Il Pokéwalker serve infatti per “portare a spasso” un pokémon selezionato dalla nostra collezione, che viene accolto nella memoria del dispositivo e sparisce dai box per tutta la durata dell’escursione. Dopo il Pokémon, dovremo selezionare anche il percorso su cui portarlo; all’inizio solo uno o due percorsi sono disponibili, ma accumulando Watt (1 ogni 20 passi) se ne possono sbloccare molti altri.
Durante la nostra passeggiata, accumuleremo molti Watt, in base a quanti passi facciamo. Tramite il menu del Pokéwalker, potremo quindi spendere questi Watt per cercare di catturare Pokémon selvatici (10 Watt) o cercare oggetti (3 Watt). Per catturare i Pokémon selvatici, differenti in base al percorso e in base a quanta strada abbiamo fatto su quel percorso, dovremo prima di tutto affrontare un semplice minigioco in cui dovremo scovare in quale cespuglio si nasconde il mostriciattolo, quindi sfidarlo in combattimento impartendo ordini al nostro Pokémon. In questo tipo di scontri abbiamo a disposizione solo tre comandi (attacco, schivata, cattura), che funzionano con un meccanismo tipo sasso-carta-forbice, indipendemente dal Pokémon che stiamo utilizzando.
Quando si trova nel Pokéwalker, il nostro mostro rigenera automaticamento l’energia alla fine di ogni incontro e abbiamo a disposizione pokéball infinite per tentare la cattura. In pratica, con un po’ di abilità, è molto semplice catturare nuovi mostri, ma possiamo ottenerne solo tre per volta, dopodiché dovremo “svuotare” il bottino nella cartuccia, resettare il percorso e ricominciare. La ricerca degli oggetti funziona in modo simile, il minigioco è diverso ma anche qui abbiamo un inventario con tre soli posti. Poiché i Pokémon disponibili per la cattura sono associati ai passi fatti fino a quel momento e gli slot disponibili sono solo tre, il Pokéwalker si presta a un utilizzo oculato, ma anche usato in modo casual rimane un oggetto divertente.
Anche se le specie di Pokémon catturabili in questo modo sono comunque limitate a qualche decina, il Pokéwalker rimane un oggetto molto utile sia per i giovani giocatori e per il pubblico normale, che per gli allenatori professionisti. Con questa periferica è infatti molto semplice catturare molti esemplari di Pokémon, utili sia per gli scambi che per avere più scelta in termini di “natura”dei mostri. Purtroppo segnaliamo che i Pokémon acquisiti con il Pokéwalker, nonostante siano “trasmessi” nella cartuccia, non godono del moltiplicatore di esperienza attribuito invece ai mostri ricevuti con uno scambio.

UTILE E DILETTEVOLE

Tra le altre funzioni del Pokéwalker, oltre al contapassi, troviamo quella di scambiare contatti e di ricevere regali da altri giocatori, tramite infrarossi, e il supporto a eventi speciali. Sul dispositivo può essere infatti caricato un regalo “speciale”, che con un’apposita opzione può poi essere scaricato nel gioco. Chiaramente questa funzione è ad appannaggio esclusivo di Nintendo, che potrà utilizzarla nel corso degli eventi Pokémon sul territorio italiano e non solo. Infine, ricordiamo che quando si trova nel contapassi, un Pokémon fa anche esperienza e può guadagnare livelli, che però verranno attribuiti solo al ritorno nella cartuccia.
Il Pokéwalker funziona molto bene ed è un bell’accessorio, solido e comodo da tenere in tasca o nello zaino. La confezione contiene due diverse placche posteriori: una liscia e una con moschettone per cintura, così che il Pokéwalker possa essere facilmente adattato a un uso da tasca o da cintura. L’idea alla base di un accessorio come questo è davvero indovinata: impossibile non condividere e apprezzare questo efficace tentativo di Game Freak per spingere i giocatori a uscire di casa e a muoversi, che in più offre un nuovo modo di interagire con altri giocatori e soprattutto espande l’esperienza di gioco coinvolgendo anche genitori, fratelli/sorelle e nonni; perché il Pokéwalker può benissimo essere affidato a qualcun altro per una passeggiata e poi “scaricato” al rientro in casa. Insomma, proprio una bellissima pensata che speriamo verrà riproposta in titoli futuri.


Commenti

  1. Zakimos

     
    #1
    Woodblade ha scritto:
    Due remake tascabili: Un ritorno al passato in salsa pokémon.


    Avevo giurato a me stesso che Platino sarebbe stato l'ultimo..

    ma chi credevo di prendere in giro?

    Oro e argento è l'unico della serie che non ho mai giocato, dovevo colmare questa lacuna. Anche se il poco di cristallo che avevo giocato (prima di scoprire che la cartuccia aveva la batteria andata) aveva un sapore più originale.

    Il motore di DPP è davvero troppo poco versatile.

    Il pokewalker è geniale. Ti fa davvero tornare bambino.
  2. Tristan

     
    #2
    Zakimos ha scritto:
    Il pokewalker è geniale. Ti fa davvero tornare bambino.
     Quoto, mea culpa che l'avevo subito bollato come gadget per vendere qualche copia in più (come se gli servisse XD).
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!