Genere
Picchiaduro
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
18/3/2016

Pokkén Tournament

Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Sviluppatore
Bandai Namco
Genere
Picchiaduro
Distributore Italiano
Nintendo Italia
Data di uscita
18/3/2016

Lati Positivi

  • Perfettamente immerso nella mitologia dei Pokemon.
  • Livello di qualità all'altezza della saga.
  • Meccaniche di combattimento sorprendentemente profonde.
  • Numerose modalità, tutte ugualmente curate.

Lati Negativi

  • Roster un po' ristretto.
  • Le musiche non lasciano il segno.

Hardware

Pokkén Tournament sarà disponile in esclusiva per WiiU dal 18 marzo: la versione fisica include nella confezione una carta Amiibo.

Multiplayer

Il gioco supporta sia il multiplayer locale che quello online. Nel primo caso si può giocare in due di fronte a una sola TV: poichè in modalità Panoramica la camera passa alle spalle del proprio combattente il giocatore che impugna il GamePad dovrà usare lo schermo sul controller come monitor. In alternativa è possibile collegare il LAN due console per utilizzare due televisori. Gli scontri online invece sono suddivisi tra incontri amichevoli e sfide classificate.

Modus Operandi

Abbiamo scaricato Pokkén sulla nostra WiiU grazie a un codice download gentilmente fornitoci da Nintendo Italia.
Recensione

Gonna fight'em all

L'incontro tra Pokemon Company e Katsuhiro Harada è un picchiaduro imperdibile per gli amanti dei Pokemon

di Claudio Magistrelli, pubblicato il

Cosa succede a fondere l'immaginario dei Pokemon con la struttura da fighting game di Tekken? Succede che i Pokemon si impossessano della struttura di Tekken, la piegano al loro volere, la contaminano con elementi RPG, la trascinano nel loro universo narrativa e la nascondo in un sostrato di profondità celato al di sotto della superficie, fino a renderla sostanzialmente invisibile a un occhio poco attento, ma sfruttandone comunque tutte le potenzialità senza sprecarne nemmeno una goccia.

Ciascuna località della regione di Ferrum offre attività diverse. - Pokkén Tournament
Ciascuna località della regione di Ferrum offre attività diverse.
Fin da quel leggendario, singolo screenshot sulla cui autenticità a lungo si è dibattuto prima degli annunci ufficiali e dell'arrivo di altro materiale dimostrativo, il più grosso dubbio che accompagnato il progetto Pokkén ha riguardato soprattutto le modalità con cui le battaglie ruolistiche del franchise dei Pokemon sarebbero state declinate, adattate e tradotte nel contesto di un picchiaduro a incontri. Qualcuno, più pigro, avrebbe potuto limitarsi a selezionare un roster di mostriciattoli, animare le mosse principali di ciascuno di loro, buttarli in una serie di stage più o meno ispirati e lasciare che si scontrassero in un normale picchiaduro 2D con personaggi 3D. Ma non è così che funzionano le cose alla Pokemon Company.

non è un capitolo apocrifo

Pokkén Tournament è un capitolo perfettamente integrato nel lore della saga, in tutto e per tutto. C'è una nuova regione, Ferrum, dove la presenza di alcune strane rocce genera il fenomeno noto come Risonanza che consente a Pokemon ed allenatori di stringere un legame più forte della norma, quasi simbiotico. E un menù costruito intorno alle località di questa regione a fungere da hub, attraverso il quale si può accedere alle diverse aree di gioco, partecipare agli scontri o alla Lega Ferrum, curare statistiche e abiti dei Pokemon, o ancora frequentare gli utili e approfonditi tutorial.

Il roster include solo 16 Pokemon, di cui due sbloccabili, a cui bisogna però aggiungere quelli di supporto, anche se quest'ultimi non saranno direttamente controllabili. - Pokkén Tournament
Il roster include solo 16 Pokemon, di cui due sbloccabili, a cui bisogna però aggiungere quelli di supporto, anche se quest'ultimi non saranno direttamente controllabili.
Tutto il contesto di un capitolo canonico della serie è presente, senza dubbio, e fa bella mostra di sé in superficie, mentre poco più sotto si cela ciò che Pokemon hanno appreso sull'arte della lotta grazie al contributo di Katsuhiro Harada, storico producer di Tekken. Se prima di mettere le mani sul gioco anche noi eravamo portati a pensare che le fasi lottate sarebbero risultate in un certo qual modo annacquate ad uso e consumo degli appassionati poco avvezzi a combo e counter, la realtà dei fatti si è rivelata parecchio diversa.
Il fulcro del combattimento è quello che viene chiamato “triangolo degli attacchi”, una morra cinese che gestisce il rapporto tra Pokecombo, contrattacchi e prese sul campo di battaglia, garantendo alle meccaniche la dovuta profondità tecnica. Pokkén però non si limita semplicemente a riprendere schemi altrui, ma si impegna ad imporre una propria identità pur giocando su un terreno estraneo alla saga.
Ne sono esempi la suddivisione degli scontri in due fasi, quella panoramica in cui i combattenti possono muoversi liberamente nelle ampie arene tridimensionali, e quelle di duello in cui la visuale si affianca lateralmente nell'inquadratura tipica dei picchiaduro per sottolineare i frangenti più intensi, dove i colpi portati a segno arrecano maggior danno. E ancora, il ricorso ai Pokemon di soccorso, da scegliere all'inizio di ogni round e suddivisi tra offensivi, di disturbo, e potenziamento, e pronti a intervenire per ribaltare le sorti di un incontro si mescolano a concetti tipici dell'approccio più accademico al picchiaduro, come la guardia alta e bassa o la priorità di alcune tipologie di colpi su altre.
La riproduzione in 3D delle mosse più celebri  è decisamente spettacolare. - Pokkén Tournament
La riproduzione in 3D delle mosse più celebri è decisamente spettacolare.
Immancabile poi l'Ultra attacco, attivabile dopo essere entrati in modalità Ultra Risonanza riempiendo l'apposita barra con una sequenza di colpi andati a segno oppure raccogliendo i power up sparsi sul terreno delle arene durante la Fase Panoramica. Di sicuro dunque Pokkén soddisfa chi si aspettava semplicemente un picchiaduro coi Pokemon, senza eccessive pretese sulle meccaniche, ma in maniera abbastanza sorprendente ha parecchio da offrire anche a chi è interessato esclusivamente o quasi alle dinamiche degli scontri.

Tanti pregi e qualche limite

Se il concetto di Ultra vi ha fatto pensare a un approccio derivativo al genere, da una parte non avete torto, ma dall'altra la cura con cui il prodotto Pokkén Tournament è stato confezionato, rifinito e impacchettato in ogni suo aspetto, inclusi quelli più marginali, denota una certa distanza rispetto ad esempi più recenti.
Prova ne sia la Lega Ferrum, il torneo che incarna la modalità storia del gioco, suddivisa in quattro divisioni di crescente difficoltà in cui non è sufficiente scontrarsi con gli altri allenatori in incontri ad eliminazione diretta per sancire la propria superiorità. No, prima di accedere a quella fase bisogna guadagnarsi l'accesso al tabellone finale scalando i ranghi un gradino alla volta, dal più basso alle prime otto posizioni, sfidando e sconfiggendo gli altri partecipanti alla Lega, e poi, dopo aver strappato agli altri sfidanti lo spazio in cima c'è un campione da detronizzare per salire di categoria.
O ancora, la confortante abbondanza di tutorial, sezioni di allenamento e possibilità di personalizzazione dei propri Pokemon, ma anche la cura con cui i Pokemon sono stati ricreati in 3D. Sono solo i limiti tecnici di WiiU a svilire parzialmente l'immagine, un poco sfuocata negli oggetti più lontani dalla camera a causa della risoluzione non altissima, ma il compromesso serve a mantenere sempre fluido l'aggiornamento dell'immagine a video, indispensabile per impreziosire le fluide movenze delle animazioni dei Pokemon e delle loro celebri mosse per la prima volta apprezzabili davvero in tutta la loro spettacolarità.

Solo i migliori 8 di ciascuna categoria della Lega ferrum accedono al torneo ad eliminazione per determinare lo sfidante al campione in carica. - Pokkén Tournament
Solo i migliori 8 di ciascuna categoria della Lega ferrum accedono al torneo ad eliminazione per determinare lo sfidante al campione in carica.
Non si può dire che non manchi nulla, perché a fronte di un immaginario che racchiude più di 700 piccoli mostri, un roster ridotto a 16 Pokemon di cui due – Mewtwo e Shadow – non accessibili inizialmente per motivi di trama appare un poco risicato, ma i Pokemon presenti sono tratteggiati con estrema attenzione alle loro caratteristiche fisiche e caratteriali, oltre che alle loro abilità sul campo di battaglia, così come le 23 arene disponibili divise tra rotonde ed ellittiche scalderanno i cuori di chi si diletta coi piccoli mostri fin dai tempi del GameBoy. Tirando le somme, Pokemon Tournament è il picchiaduro che ogni amante dei Pokemon ha sempre sognato, fedele agli alti standard qualitativi a cui la serie ha abituato i suoi appassionati, perfettamente immerso nella mitologia delle piccole creature, nonché munito di un substrato di profondità tecnica tale da accontentare anche chi potrebbe essere semplicemente interessato a provare un nuovo fighting game senza nutrire particolare interesse nel franchise. .

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
Pokemon Tournament di sicuro soddisferà chi ha intenzione di iscirversi al torneo attirato dalla presenza dei Pokemon. Contrariamente alle aspettative, anche gli amanti dei picchiaduro però potranno togliersi le loro soddisfazioni. Da questo punto di vista al gioco manca poco per entrare nel novero dei grandi, quella fiammella intangibile di spirit che non si accende semplicemente scavando profondità tecnica, ma necessità di un mix di perfezione formale e carisma non sintetizzabile in una ricetta. Il risultato è comunque formidabile, tenendo conto che si tratta del primo approccio a un genere dalla codifica rigorosa, e chiunque sia alla ricerca di un picchiaduro che non si limiti a calcare le orme del mito, ma provi ad avanzare una direzione più personale dovrebbe dargli una chance.

Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!