Genere
Azione
Lingua
Sottotitoli in italiano
PEGI
12+
Prezzo
€ 49,99
Data di uscita
22/4/2011

Portal 2

Portal 2 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Valve Software
Sviluppatore
Valve Software
Genere
Azione
PEGI
12+
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
22/4/2011
Lingua
Sottotitoli in italiano
Giocatori
2
Prezzo
€ 49,99

Hardware

Portal 2 è disponibile per PC, Mac, PlayStation 3 e Xbox 360. La versione PlayStation 3 dà accesso anche a quella PC e Mac e contempla la possibilità di giocare in cooperativa anche con gli utenti di quelle piattaforme, attraverso una versione studiata ad hoc di Steam. Per giocare su Personal Computer è necessario possedere almeno una CPU single core da 3.0 GHz, 1 GB di RAM di sistema su XP o 2 GB su Vista e 7 e una scheda video a partire da una ATI Radeon X800 o nVidia GeForce 7600. Su Mac occorre invece disporre almeno di un processore dual core da 2.0 GHz, 2 GB di RAM di sistema e una scheda video ATI 2400 o GeForce 8600. Il gioco è stato testato su una configurazione dotata di un i7 960 3.2 GHz, 12 GB di RAM DDR3 e una GTX 580, con tutte le impostazioni al massimo a 1920x1080, senza mai schiodarsi dai 60 fotogrammi al secondo.

Multiplayer

Fa il suo debutto una modalità cooperativa in cui due giocatori devono aiutarsi per superare una serie di prove studiate appositamente. Disponibile online su tutti e quattro i formati, su PlayStation 3 e Xbox 360 la coop può essere affrontata anche sulla stessa console, tramite schermo diviso orizzontale o verticale.

Modus Operandi

Abbiamo giocato Portal 2 negli uffici di Valve, impiegando circa 8 ore per terminare la modalità single player e circa 5 per completare la cooperativa, in versione PC. Abbiamo inoltre testato le versioni PlayStation 3 e Xbox 360 un quantitativo di ore sufficiente per poter esprimere i giudizi tecnici contenuti nella recensione. Purtroppo non è stato possibile avere un saggio delle funzionalità cross-play tra versione PlayStation 3 e quelle PC e Mac, a cui comunque gli sviluppatori ci hanno detto aver dedicato tantissimo testing. Allo stesso modo non abbiamo potuto vedere in azione la versione di Steam implementata sulla console Sony.

Link

Recensione

Aperture Science 2.0

Un mondo che si discioglie come un enigma.

di Stefano F. Brocchieri, pubblicato il

Portal 2 rimette il giocatore nei panni di Chell, la “cavia da test” di natura umana che aveva messo in crisi Aperture Science, una megacorporazione scientifica finita nelle mani della volitiva intelligenza artificiale GlaDOS, portando alla distruzione della prima e alla disattivazione della seconda. Sebbene alla fine di Portal sembrasse che Chell avesse ottenuto l'agognata libertà, all'inizio del gioco ci si ritrova nuovamente “ospiti” tra i locali della società. Ma se l'obiettivo è sempre quello (cercare di scappare) sono tante altre cose ad essere cambiate.

DALL'ALTRA PARTE DEL PORTALE

Se Portal può essere paragonato a un sistema chiuso, logico e quadrato, che ha lasciato giusto intravedere le linee di codice dietro l'interfaccia utente, Portal 2 assomiglia a un sistema pesantemente hackerato, sporco e pieno di interferenze, in cui ci si trova sbattuti in continuazione tra quello che sarebbe lecito vedere a video e quello che c'è dietro, fin nelle profondità del linguaggio macchina.

Le occasioni di vedere "come funziona" (o meglio funzionava) Aperture Science si sprecano - Portal 2
Le occasioni di vedere "come funziona" (o meglio funzionava) Aperture Science si sprecano
Ci si muove per una Aperture Science andata alla deriva e che sta tuttora cadendo a pezzi, come testimoniano le situazioni in cui ci si trova nel pieno di certi “moti di assestamento”. La natura nel frattempo ha fatto il suo corso, con piante e ciuffi d'erba che spuntano qua e là, tra le installazioni laccate di bianco e le apparecchiature all'avanguardia, che talvolta giacciono immerse nell'acqua, mentre a sprazzi laddove c’era solo freddo neon ora non manca nemmeno di irrompere la calda luce del sole. Quello che si attraversa è dunque un ambiente più sfaccettato, organico (in tutti i sensi possibili della parola) e decisamente movimentato, dove si passa senza soluzione di continuità tra “palcoscenico” e “dietro le quinte”, avendo dunque la sensazione di essere immersi in un mondo più coeso e plausibile. Non che quello del primo Portal non lo fosse, tutt'altro, è che è cambiata proprio la scala: ora, sostanzialmente, si esplora Aperture Science nella sua interezza e si ha l'occasione di guardarla da molte più angolazioni, con numerosi elementi che espandono l'immaginario di riferimento. Tra questi non si fa mancare nemmeno una citazione piuttosto palese di BioShock che, per quanto intrigante, finisce per dilungarsi troppo, impantanando il ritmo verso i tre quarti del gioco.

LEGAME TRA BYTE

Ma a fare di Portal 2 un'esperienza più completa del predecessore concorre anche un altro aspetto: il fatto che sovente più che a un sistema assomigli a una rete di sistemi. Mentre una volta era tutta una faccenda tra Chell e GlaDOS, sebbene intervallata dai toccanti “rapporti” con il cubo di compagnia, le torrette di sorveglianza o i misteriosi autori delle scritte sui muri, ora le vicende si contraddistinguono per una piega decisamente più corale.
Ci sono più personaggi, più dialoghi e di conseguenza più occasioni per mettere sul tavolo uno spettro di sviluppi molto più ampio, sia a livello ludico che narrativo. Senza voler anticipare troppo, ci limitiamo a citare Wheatley, l'amichevole “nucleo di personalità” dall’indole pasticciona che si incontra nelle primissime fasi di gioco, o la stessa GlaDOS, mai così loquace e imprevedibile. Ne scaturiscono decine e decine di conversazioni, caratterizzate spesso e volentieri da quell'inconfondibile humour elegante e pungente che rappresenta un vero e proprio marchio di fabbrica della serie, scritte e interpretate in maniera semplicemente divina. Nel mucchio non si perde chiaramente l'occasione di giocare con il primo Portal, richiamandolo a più livelli, o addirittura con gli avvenimenti dello stesso Portal 2, in un una serie di cerchi concentrici di logica e spirito genuinamente nerd.

Al centro di quella stanza della morte, Wheatley. Impossibile non volergli bene fin da subito - Portal 2
Al centro di quella stanza della morte, Wheatley. Impossibile non volergli bene fin da subito
E anche se a tratti è scappata loro la mano (si veda, di nuovo, quel richiamo a BioShock o il battere eccessivamente di certi discorsi su alcuni “spiegoni”), in linea generale c'è da complimentarsi con gli sceneggiatori anche per il modo con cui sono riusciti a bilanciare un clima giocoforza più affabile e “umano”, sulla falsariga di certi film di animazione, Pixar in primis, con la crudeltà, la freddezza e la patina di matematica ineluttabilità che ammantavano Portal e che continuano a ispirare, nel profondo, anche il seguito.


Commenti

  1. RALPH MALPH

     
    #1
    teoKraziaGlaDOS è tornata, per rimanere.

    ti aspettavo teuz gran bella rece :clap:

    contento per il single player abbastanza lungo, quindi direi che vado di ps3, ma non ho capito una cosa: grazie al collegamentnto a steam la verione ps3 avrà più aggiornamenti è possibilità rispetto a quella 360? non parlo di cross-platform o della possibilità di giocarlo su pc/mac ma di aggiornamenti e contenuti futuri
  2. SixelAlexiS

     
    #2
    mmm... dalla descrizione non mi convincono le versioni console... tra l'altro guardando questa comparison:

    http://www.gameblurb.net/featured/versus-portal-2-screenshot-comparison/

    la versione 360 pare palesemente in Sub-Merda-HD :/
  3. SixelAlexiS

     
    #3
    RALPH MALPHti aspettavo teuz gran bella rece :clap:

    contento per il single player abbastanza lungo, quindi direi che vado di ps3, ma non ho capito una cosa: grazie al collegamentnto a stem la verione ps3 avrà più aggiornamenti è possibilità rispetto a quella 360? non parlo di cross-platform o della possibilità di giocarlo su pc/mac ma di aggiornamenti e contenuti futuri
    si, essendoci meno controlli su PS3, e con la presenza di Steam, ci saranno quasi gli stessi aggiornamenti della vers. PC.
  4. utente_deiscritto_5167

     
    #4
    Non voglio sminuire questa splendida recensione con un argomento così futile (anche se è importante per me che ho entrambe le console): la versione PS3 è più FLUIDA e con MENO scalettature? Ma sul serio? Mi farò la co-op aggratis? Cavolo, mi sembra così strano...

    Teodor, approfondisca, che lo stupore mi ottunde.
  5. PaulVanDyk

     
    #5
    Grandissima rece teo! Complimenti! Giocone da d1 quindi (anche se non c'era bisogno di ribadirlo).
    Sixel se secondo te è meglio la versione ps3 piglio quella di sicuro allora
  6. teoKrazia

     
    #6
    RALPH MALPH non parlo di cross-platform o della possibilità di giocarlo su pc/mac ma di aggiornamenti e contenuti futuri

    Zì, un po' come avevan detto nell'intervista che gli abbiamo fatto, useranno Steam su PS3 anche per far circolare più agilmente i contenuti.
  7. SixelAlexiS

     
    #7
    PaulVanDykGrandissima rece teo! Complimenti! Giocone da d1 quindi (anche se non c'era bisogno di ribadirlo).
    Sixel se secondo te è meglio la versione ps3 piglio quella di sicuro allora
    A livello di risoluzione si, decisamente meglio la vers. PS3.
    Certo, bisognerebbe vederlo in movimento ed avere conferma, per ora abbiamo solo la comparison di quel sito, ma non credo abbiano grabbato male le immagini.
    Cmq ripeto, in base a QUELLA comparison, e senza vederlo in movimento, decisamente meglio la vers. PS3.
    Curioso di vedere la comparison di Digital Foundry per vedere anche come si comporta il frame rate.
  8. MacAnatomist

     
    #8
    Qualcuno lo sta giocando su mac?
  9. AngeloCT

     
    #9
    Andrò di PC tutta la vita...
  10. jpeg

     
    #10
    Rece titanica, letta con gran piacere, anche se solo per curiosità (il gioco non rientra tra i miei most wanted)...

    Detto questo, sempre più convinto che al prossimo giro - dovessi mantenermi multipiattaforma - per me non ci saranno più due console, ma una sola + PC.
Continua sul forum (847)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!