Genere
Azione
Lingua
Sottotitoli in italiano
PEGI
12+
Prezzo
€ 49,99
Data di uscita
22/4/2011

Portal 2

Portal 2 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Valve Software
Sviluppatore
Valve Software
Genere
Azione
PEGI
12+
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
22/4/2011
Lingua
Sottotitoli in italiano
Giocatori
2
Prezzo
€ 49,99

Lati Positivi

  • Formula di gioco unica, divertente e stimolante
  • Caratterizzazione di personaggi e situazioni stellare
  • Ottimo comparto audiovisivo, specie su PC
  • Modalità cooperativa indovinata...

Lati Negativi

  • ...ma poco rigiocabile

Hardware

Portal 2 è disponibile per PC, Mac, PlayStation 3 e Xbox 360. La versione PlayStation 3 dà accesso anche a quella PC e Mac e contempla la possibilità di giocare in cooperativa anche con gli utenti di quelle piattaforme, attraverso una versione studiata ad hoc di Steam. Per giocare su Personal Computer è necessario possedere almeno una CPU single core da 3.0 GHz, 1 GB di RAM di sistema su XP o 2 GB su Vista e 7 e una scheda video a partire da una ATI Radeon X800 o nVidia GeForce 7600. Su Mac occorre invece disporre almeno di un processore dual core da 2.0 GHz, 2 GB di RAM di sistema e una scheda video ATI 2400 o GeForce 8600. Il gioco è stato testato su una configurazione dotata di un i7 960 3.2 GHz, 12 GB di RAM DDR3 e una GTX 580, con tutte le impostazioni al massimo a 1920x1080, senza mai schiodarsi dai 60 fotogrammi al secondo.

Multiplayer

Fa il suo debutto una modalità cooperativa in cui due giocatori devono aiutarsi per superare una serie di prove studiate appositamente. Disponibile online su tutti e quattro i formati, su PlayStation 3 e Xbox 360 la coop può essere affrontata anche sulla stessa console, tramite schermo diviso orizzontale o verticale.

Modus Operandi

Abbiamo giocato Portal 2 negli uffici di Valve, impiegando circa 8 ore per terminare la modalità single player e circa 5 per completare la cooperativa, in versione PC. Abbiamo inoltre testato le versioni PlayStation 3 e Xbox 360 un quantitativo di ore sufficiente per poter esprimere i giudizi tecnici contenuti nella recensione. Purtroppo non è stato possibile avere un saggio delle funzionalità cross-play tra versione PlayStation 3 e quelle PC e Mac, a cui comunque gli sviluppatori ci hanno detto aver dedicato tantissimo testing. Allo stesso modo non abbiamo potuto vedere in azione la versione di Steam implementata sulla console Sony.

Link

Recensione

Un motore con nove vite

Quando tecnologia, idee e classe vanno a braccetto.

di Stefano F. Brocchieri, pubblicato il

In accordo con il resto dell’esperienza, anche il comparto audiovisivo di Portal 2 è decisamente qualcosa di più di un “more of the same” pompato in maniera algebrica. Al pari degli elementi ludici e narrativi, anche quelli tecnici e artistici hanno avuto la possibilità di esprimersi attraverso una tavolozza di tematiche e strumenti molto più ampia, che ne fanno un titolo più complesso, sfaccettato e progettualmente maturo, sia sul fronte grafico che sonoro.

IL NUOVO VOLTO DI APERTURE SCIENCE

L’estetica della saga si è trasformata in qualcosa di nuovo, che riesce a esaltare tanto il rigore, la pulizia e la freddezza della robotica quanto la rigogliosità, l’imperfezione e l’imprevedibilità del corso naturale delle cose, siano esse animate o inanimate. L’Aperture Science che si attraversa oggi si presenta come un luogo dalle due anime, spesso mischiate tra loro senza soluzione di continuità. Una cattedrale eretta in nome della purezza dell’avanguardia tecnologica che finisce per rivelarsi specchio della fallibilità umana. L’alfabeto visivo della serie saluta così l’introduzione di ambienti molto più ampi, dalla conformazione spesso irregolare o in divenire, la definitiva affermazione delle linee curve e il trionfo della meccanica, l'ingresso di materiali malleabili e l’uso molto più coscienzioso della luce, sia essa artificiale che naturale, indirizzato con oculatezza verso precise esigenze di atmosfera.

I giochi d'ombre, sia dinamiche che "baked", sono molto frequenti e solitamente ben orchestrati - Portal 2
I giochi d'ombre, sia dinamiche che "baked", sono molto frequenti e solitamente ben orchestrati
Un’ambizione estetica supportata con successo e puntualità dal Source, il motore proprietario usato da Valve sin da Half-Life 2, che si presenta assolutamente all’altezza dello scopo, portando in dote tutti gli elementi che lo caratterizzano da The Orange Box, come il sistema di illuminazione dinamica e quello particellare potenziati e la Cinematic Physics, mai così in grande spolvero. Spiace che ci siano fin troppe texture poco definite ed elementi poco levigati per i nostri gusti, quando con più attenzione si sarebbe potuto elevare tutto al livello di altri, decisamente ottimi, che impediscono alla resa generale di raggiungere quell’idea di perfezione formale assoluta, propria della computer grafica, che potevano vantare al momento della propria uscita sia Portal che Team Fortress 2 e che ci saremmo aspettati di ritrovare in Portal 2.
Il gioco ad ogni modo segna dei passi in avanti altrettanto evidenti anche nell’audio. Le nuove avventure di Chell vantano infatti molta più “musicalità” delle precedenti. Non solo la colonna sonora è estremamente più variopinta, spaziando dalle sonorità elettro alla classica, con tanta roba - anche insospettabile - nel mezzo, ma balza proprio all’orecchio il modo con cui la musica ha un ruolo più attivo e importante, già a partire dagli effetti che scaturiscono all’attivazione di svariati meccanismi.
La versione italiana di localizzato ha solo i sottotitoli, e considerando la qualità del doppiaggio originale non possiamo che benedire questa scelta. Ellen McLain, la cantante lirica che dà la voce a GlaDOS, si è superata, offrendo un’interpretazione stratosferica, grazie a cui l’intelligenza artificiale che ha reso celebre la serie riesce a presentarsi con un caleidoscopio di volti diversi, tutti ugualmente credibili. Altrettanto strepitoso il lavoro svolto dall’inglese Stephen Merchant, dall’inconfondibile accento british, in grado di rendere a meraviglia tutta l’umanità e l'insicurezza di Wheatley. Sebbene confinata in un ruolo meno estroso dei colleghi, non delude nemmeno la star J. K. Simmons (attore di lunga data con all’attivo gli Spider-Man di Raimi e serie TV come Oz e E.R.), nei panni di quel Cave Johnson che abbiamo imparato a conoscere grazie ai recenti video promozionali del gioco.

QUALE VERSIONE È MEGLIO?

Portal 2 si esprime al top delle sue possibilità su PC, offrendo una grafica più pulita, solida e dettagliata delle controparti console e, grazie alla superiore fluidità, una maggiore reattività dei controlli, sia che si giochi con mouse e tastiera sia che si scelga il pad. La macchina fornitaci da Valve per la recensione si componeva di un processore i7 960 a 3.2 GHz, 12 GB di RAM DDR3 e una GeForce GTX 580. Una configurazione dalla potenza esuberante, su cui, molto prevedibilmente, alla risoluzione di 1920x1080 pixel il gioco non ha fatto una piega, andando, net_graph alla mano, perennemente a 60 fotogrammi al secondo, anche con 16xQ CSAA. Un valore da cui il motore grafico non si è smosso nemmeno rinunciando a qualsiasi forma di V-Sync, il che ci fa desumere che la sincronia verticale sul nostro sistema di prova fosse forzata tramite Pannello di Controllo nVidia, impedendoci di farci quantomeno un’idea proporzionale su quelle che potrebbero essere le performance su altri sistemi.
Rispetto alla controparte Personal Computer, le versioni console si allontanano ulteriormente da quel concetto di “perfezione formale” che invocavamo più sopra, presentando un maggior quantitativo di scalettature, anche confrontandole con un semplice 4xMSAA, taluni particellari e giochi di luce semplificati, svariate texture meno definite, qualche shader meno elaborato e ombre molto più seghettate, in particolare per quanto riguarda quelle dinamiche. Inoltre, alcuni elementi dello scenario, come la vegetazione e le relative ombre, risultano totalmente immobili, quando su PC ondeggiano placidamente.
Venendo a un confronto diretto tra le versioni PlayStation 3 e Xbox 360, la prima si fa preferire per la presenza leggermente inferiore di scalette e la sensazione di fluidità offerta, decisamente più solida e continua, quando sulla console Microsoft Portal 2 sembra caratterizzato dal tipico incedere “stopposo” che contraddistingue il comportamento del Source su questa macchina. L’edizione per Xbox guadagna punti per quanto riguarda i tempi di caricamento, decisamente più brevi, e per l’illuminazione dinamica, che in taluni passaggi sulla macchina Sony si presenta semplificata rispetto alla rivale, con le ombre che non rispecchiano la sagoma dell’oggetto a cui si riferiscono, sostitute da un cerchietto. Nel complesso, con i loro e pro e i loro contro in comparti diversi, sul piano grafico le consideriamo sostanzialmente equivalenti, mentre reputiamo più determinante ai fini di una scelta l’eventuale interesse per il supporto a Steam, alla cooperativa cross-platform con gli utenti home computer e alla possibilità di sbloccare anche il gioco su PC e Mac vantato dalla versione PlayStation 3.

Voto 5 stelle su 5
Voto dei lettori
Portal 2 diverte, intriga, sorprende e convince, sancendo la definitiva affermazione di un'idea di gioco semplice ma potente e di un uno degli universi più originali e affascinanti in circolazione.

Commenti

  1. RALPH MALPH

     
    #1
    teoKraziaGlaDOS è tornata, per rimanere.

    ti aspettavo teuz gran bella rece :clap:

    contento per il single player abbastanza lungo, quindi direi che vado di ps3, ma non ho capito una cosa: grazie al collegamentnto a steam la verione ps3 avrà più aggiornamenti è possibilità rispetto a quella 360? non parlo di cross-platform o della possibilità di giocarlo su pc/mac ma di aggiornamenti e contenuti futuri
  2. SixelAlexiS

     
    #2
    mmm... dalla descrizione non mi convincono le versioni console... tra l'altro guardando questa comparison:

    http://www.gameblurb.net/featured/versus-portal-2-screenshot-comparison/

    la versione 360 pare palesemente in Sub-Merda-HD :/
  3. SixelAlexiS

     
    #3
    RALPH MALPHti aspettavo teuz gran bella rece :clap:

    contento per il single player abbastanza lungo, quindi direi che vado di ps3, ma non ho capito una cosa: grazie al collegamentnto a stem la verione ps3 avrà più aggiornamenti è possibilità rispetto a quella 360? non parlo di cross-platform o della possibilità di giocarlo su pc/mac ma di aggiornamenti e contenuti futuri
    si, essendoci meno controlli su PS3, e con la presenza di Steam, ci saranno quasi gli stessi aggiornamenti della vers. PC.
  4. utente_deiscritto_5167

     
    #4
    Non voglio sminuire questa splendida recensione con un argomento così futile (anche se è importante per me che ho entrambe le console): la versione PS3 è più FLUIDA e con MENO scalettature? Ma sul serio? Mi farò la co-op aggratis? Cavolo, mi sembra così strano...

    Teodor, approfondisca, che lo stupore mi ottunde.
  5. PaulVanDyk

     
    #5
    Grandissima rece teo! Complimenti! Giocone da d1 quindi (anche se non c'era bisogno di ribadirlo).
    Sixel se secondo te è meglio la versione ps3 piglio quella di sicuro allora
  6. teoKrazia

     
    #6
    RALPH MALPH non parlo di cross-platform o della possibilità di giocarlo su pc/mac ma di aggiornamenti e contenuti futuri

    Zì, un po' come avevan detto nell'intervista che gli abbiamo fatto, useranno Steam su PS3 anche per far circolare più agilmente i contenuti.
  7. SixelAlexiS

     
    #7
    PaulVanDykGrandissima rece teo! Complimenti! Giocone da d1 quindi (anche se non c'era bisogno di ribadirlo).
    Sixel se secondo te è meglio la versione ps3 piglio quella di sicuro allora
    A livello di risoluzione si, decisamente meglio la vers. PS3.
    Certo, bisognerebbe vederlo in movimento ed avere conferma, per ora abbiamo solo la comparison di quel sito, ma non credo abbiano grabbato male le immagini.
    Cmq ripeto, in base a QUELLA comparison, e senza vederlo in movimento, decisamente meglio la vers. PS3.
    Curioso di vedere la comparison di Digital Foundry per vedere anche come si comporta il frame rate.
  8. MacAnatomist

     
    #8
    Qualcuno lo sta giocando su mac?
  9. AngeloCT

     
    #9
    Andrò di PC tutta la vita...
  10. jpeg

     
    #10
    Rece titanica, letta con gran piacere, anche se solo per curiosità (il gioco non rientra tra i miei most wanted)...

    Detto questo, sempre più convinto che al prossimo giro - dovessi mantenermi multipiattaforma - per me non ci saranno più due console, ma una sola + PC.
Continua sul forum (847)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!