Genere
Sparatutto
Lingua
Sottotitoli in Italiano
PEGI
18+
Prezzo
ND
Data di uscita
14/7/2006

Prey

Prey Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
2K Games
Sviluppatore
3D Realms
Genere
Sparatutto
PEGI
18+
Distributore Italiano
Take2
Data di uscita
14/7/2006
Lingua
Sottotitoli in Italiano
Giocatori
8

Hardware

Prey è atteso nelle versioni per PC e Xbox 360 per la primavera del 2006.

Multiplayer

Non si sa ancora nulla a proposito, ma Human Head ha fatto sapere che entrambe le versioni del gioco offriranno un pieno supporto per il multiplayer.

Link

Anteprima

Prey

Se Far Cry, DOOM 3 e Half-Life 2 hanno segnato un nuovo traguardo per gli sparatutto in prima persona, la nuova generazione di sparatutto è ormai alle porte e Prey è il più promettente candidato al trono di miglior shooter 3D del 2006. Un titolo atteso da undici anni che dopo decine di diverse incarnazioni è finalmente in dirittura d'arrivo... e per molti sarà anche il primo capolavoro dell'anno.

di Francesco Destri, pubblicato il

Ciò aggiungerà sicuramente tensione e un fattore-sorpresa non comune, ma implicherà anche una libertà di azione non comune, visto che una volta sconfitto il nemico potremo entrare nel portale oppure continuare sulla nostra strada. Sarà inoltre possibile attaccare i mostri prima che essi riescano a uscire completamente dal portale, oppure lanciare una granata a loro insaputa mentre stanno per tornare dentro il passaggio spazio-temporale e assistere all'esplosione con sadico divertimento. La cosa davvero interessante a questo proposito è che si potrà passare da un tipico corridoio alieno e ipertecnologico a location desertiche o a foreste lussureggianti, il tutto, a quanto pare, senza perdere preziosi secondi in caricamenti vari. L'altra grande novità del gameplay di Prey consiste invece nella gestione della gravità.
All'interno della nave spaziale molte location presenteranno uno switch per attivare o azzerare la forza di gravità. In questo caso ci troveremo a fluttuare come un qualsiasi astronauta a bordo di uno shuttle e lo stesso faranno i nemici; è facile capire come ciò influirà pesantemente nel sistema di combattimento, durante il quale potremo anche camminare sui muri e affrontare la creatura di turno non per forza mirando davanti a noi o solo ai lati ma anche sopra e sotto, oltre a utilizzare come armi o come ripari gli eventuali oggetti fluttuanti. Nel caso poi l'assenza di gravità si rivelasse più un ostacolo che un aiuto, potremo sempre azionare lo switch e tornare a condizioni gravitative normali. Già immaginiamo lo sforzo dei produttori nel mettere a punto routine fisiche così sofisticate e complesse, ma è innegabile che l'effetto finale sarà davvero spiazzante e potenzialmente strepitoso nel fornire nuovi spunti in fase di combattimento.

L'INDIANO IMMORTALE

Combattimento che all'occasione si trasformerà in un duello aereo a bordo di un piccolo scooter volante molto simile, almeno a vedere gli screenshot, a quanto proposto da Halo, anche se a differenza del classico di Bungie Software Prey implementerà anche routine fisiche che permetteranno di modificare pesantemente l'ambiente circostante.

A tale proposito le informazioni sono ancora poche, ma è certo che molti ostacoli fisici potranno essere superati sparandoci contro granate o missili. Se nemmeno le armi ci aiuteranno in questi frangenti, ecco che Prey mette in campo un'altra trovata molto promettente, ovvero il distacco dello spirito di Tommy dal proprio corpo. In questo stato incorporeo potremo attraversare pareti e altri ostacoli e persino combattere, ma non è ancora chiaro se ciò avverrà a nostro piacimento o se si tratterà di una skill a cui potremo ricorrere consumando dei punti di energia. Lo stesso succederà una volta "morti". Gli sviluppatori hanno pensato bene di non ricorrere al classico Game Over una volta rimasti senza energia, ma di trasformare Tommy in un'essenza spirituale e di farla combattere in una specie di arena; se lo scontro avrà successo, il nostro alter-ego tornerà nel proprio corpo e continuerà il gioco dal punto esatto in cui si era fermato. Sempre nell'ambito degli scontri armati i nemici godranno di un'intelligenza artificiale molto sviluppata, non solo perché dovranno cavarsela in assenza di gravità, ma anche perché potranno sorprenderci alle spalle in qualsiasi momento attivando i già citati portali e dando così molto importanza al fattore-sorpresa. Per quanto riguarda le armi e il level-design, Prey promette ancora una volta di stupire anche il fraggatore più esperto.
Tra i "gadget" certi compaiono una pistola con una specie di fungo sulla canna, un'arma in grado di sparare una corrente esplosiva di enorme potenza, una granata "vivente" simile a quella vista in Serious Sam II, fucili di precisione e l'ormai immancabile pistola gravitazionale con cui spostare oggetti a distanza (Half-Life 2 ha fatto scuola).

I livelli si preannunciano estremamente vari grazie al sistema dei portali e soprattutto all'utilizzo di una palette cromatica quanto mai diversificata, aspetto che lascia ben sperare chi non era rimasto del tutto convinto dal buio perenne di DOOM 3, anche se le somiglianze grafiche con quest'ultimo saranno per certi versi inevitabili soprattutto nel character-design, con alieni ed esseri umani mutanti che paiono usciti da Mars City.
Inutile poi rimarcare lo spessore grafico che farà di Prey uno dei titoli più appariscenti di quest'anno e uno dei primi e principali banchi di prova per sperimentare finalmente tutte le potenzialità grafiche di Xbox 360. Per ora è tutto ma torneremo su questo capolavoro annunciato non appena 3D Realms rilascerà una versione giocabile... noi abbiamo già l'acquolina in bocca!