Genere
Avventura
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
33.90 Euro
Data di uscita
5/2/2004

Prezzemolo in Una giornata da Incubo

Prezzemolo in Una giornata da Incubo Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Microids
Genere
Avventura
Distributore Italiano
Microids Italia
Data di uscita
5/2/2004
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
33.90 Euro

Lati Positivi

  • Gli stessi doppiatori del cartone animato
  • Grafica molto accattivante per un pubblico giovane
  • Tema dell'amicizia ben sviluppato

Lati Negativi

  • Poco longevo
  • Tecnicamente non eccelso

Hardware

Il gioco è stato provato su un Pentium 4 a 1.6 GHz con 768 MB di RAM e con scheda grafica GeForce FX 5200. Il sistema operativo utilizzato è stato Windows XP Home Edition con DirectX 9.0. Con questa configurazione il gioco non ha avuto alcun problema. Per giocare adeguatamente consigliamo un Pentium III a 800 MHz con almeno 64 MB di RAM con scheda grafica compatibile Direct3D. Sono pienamente supportati Windows 95/98/2000/Me/XP. Sono richieste le DirectX 8.1.

Multiplayer

Non è presente alcuna modalità multiplayer.

Link

Recensione

Prezzemolo in Una giornata da Incubo

Dopo il grande successo ottenuto con i cartoni animati, Prezzemolo, la popolare mascotte di Gardaland, sbarca su PC insieme a tutta la sua allegra compagnia per regalarci una nuova avventura grafica. Cosa avrà mai combinato stavolta l'unico drago al mondo a essere goloso di pizze alle fragole? E perchè mai porta ancora intorno al collo quel simpatico foulard?

di Emanuele Gesuato, pubblicato il

Dopo il popolare successo dei cartoni animati basati sulla mascotte di Gardaland, i vertici del famoso parco di divertimento hanno deciso di dare un'ulteriore forma multimediale al proprio drago verde. In collaborazione con la casa di produzione franco-canadese Microids e con gli sviluppatori italiani Prograph Research (gia autori di Tony Tough e Tsunami 2265), hanno dato alla luce a un videogioco con gli stessi personaggi resi noti dal cartone animato. Così Prezzemolo, la principessa Aurora, il gabbiano Pagui, il panda-scienziato Bambù e tutti gli altri si ritrovano protagonisti di questo primo videogioco ambientato a Tanaboo (il magico mondo dove vivono i nostri amici). E proprio questo fantastico mondo sarà anche lo scenario di altri tre videogiochi, oltre a quello qui recensito, tutti autoconclusivi, ma legati tra loro dagli stessi protagonisti.

QUEL PASTICCIONE DI BAMBU'

Questa prima avventura comincia con Prezzemolo che fa un brutto sogno. In questo incubo il drago verde vede il suo grande amico Bambù che gli chiede aiuto. Al suo risveglio, Prezzemolo scopre l'amara verità: il panda-scienziato dopo aver attivato la sua ultima invenzione è misteriosamente scomparso senza lasciare traccia. Da qui comincia una nuova avventura per cercare di capire quello che è successo al povero Bambù. Al comando del piccolo drago verde e (talvolta) anche dei suoi amici, bisogna venire a capo della faccenda in base ai pochi indizi sparsi nel laboratorio dello sfortunato inventore.

PER MILLE PIZZE ALLE FRAGOLE!

Prezzemolo in Una giornata da Incubo è un'avventura grafica appositamente sviluppata e pensata per un pubblico molto giovane. I piccoli videogiocatori dai tre ai quindici anni sono il "target" a cui questo videogioco si riferisce. Anche la stessa struttura di gioco è molto semplice e alcuni luoghi dove si svolge l'azione sono estremamente simili a quelli già visti nel cartone animato. Insomma, gli sviluppatori hanno voluto riprendere tutta l'atmosfera del cartone animato per riproporla in un videogioco... e ci sono pienamente riusciti.
Per rendere accessibile il titolo anche a un pubblico molto giovane è stata ridotta all'osso l'interfaccia di gioco: per ogni oggetto con cui si può interagire sono disponibili esclusivamente tre operazioni: esamina, prendi e usa. Nel caso ci si rivolga a un altro personaggio è anche possibile parlare con lui: una serie di frasi forniscono una scelta su cui basare il dialogo. Detto questo la meccanica di gioco è anch'essa elementare: scopo del gioco è trovare tutti gli oggetti e parlare con tutti quei personaggi che ci potranno dare una mano nella risoluzione dell'avventura. Di enigma in enigma (come nella più classica delle avventure grafiche), si procede alla scoperta di quello che è successo al povero Bambù. Questa semplicità dell'interfaccia grafica si è tradotta nel lasciare l'intera schermata disponibile all'azione di gioco, dedicando solo un piccolo menu a comparsa (che resta invisibile quando non serve) all'inventario. Ancora una volta queste decisioni si sono rivelate estremamente efficienti nel rendere la difficoltà di apprendimento più bassa possibile.

EPPUR SI MUOVE

Dal punto di vista tecnico Prezzemolo in Una giornata da Incubo non brilla certo per originalità. Tutta l'avventura è riprodotta in un coloratissimo ambiente tridimensionale, piacevole ma che non punta sicuramente all'innovazione tecnologica. Malgrado molte locazioni siano effettivamente ben disegnate, non è presente nessun effetto grafico rivoluzionario. Tuttavia in questo mondo ci si potrà muovere con disinvoltura: tutte le azioni disponibili sono comodamente accessibili via mouse, mentre l'uso della tastiera è relegato ad alcuni compiti come accedere al menu principale, salvare o caricare una partita. Quello che non convince sono le animazioni dei personaggi: alcune di esse sono molto poco fluide e in alcuni casi (rari per fortuna) si ha anche una sovrapposizione tra i poligoni provocando un fastidioso effetto visivo. Encomiabile il lato sonoro. Se da una parte le musiche sono ottimamente realizzate proponendo colonne sonore mai monotone e anzi, molto coinvolgenti e perfettamente adatte a questa tipologia di gioco, dall'altra il doppiaggio dei personaggi è veramente unico. Infatti, per doppiare i popolari personaggi di Gardaland sono stati reclutati gli stessi doppiatori del cartone animato e solo loro potevano offrire quelle spassose gag comiche di cui è infarcito il gioco.
Torando alla semplicità di fondo più volte rimarcata, aggiugiamo che essa si riscontra anche in altre occasioni. I luoghi da visitare, per esempiom, sono veramente pochi: in totale sono presenti circa trenta diverse locazioni, un numero troppo esiguo per un pubblico maturo, ma adatto a non confondere chi per la prima volta si avvicina a questo genere di giochi. Un'altra scelta tecnica di questo genere riguarda la totale assenza di una modalità multigiocatore: d'altronde non avrebbe molto senso questa opzione in un'avventura grafica.

L'AMICIZIA E I SOGNI

Come è già stato detto, il gioco si evolve tra numerosi enigmi e, per poterli risolvere, è spesso necessario combinare tra loro i diversi oggetti che si raccolgono durante l'avventura. Questi enigmi sono stati sviluppati con una difficoltà molto ben calibrata: risolvere il gioco, in definitiva, non è così semplice come possa apparire, considerando che siamo dinanzi a un titolo sviluppato per i giocatori più giovani. Prezzemolo in Una giornata da Incubo, inoltre, non è solo una semplice avventura grafica e si nota un certo sforzo da parte degli sviluppatori per renderlo ancor più vivo e appettibile: un tema ricorrente, che diviene spesso protagonista, riguarda il valore dell'amicizia, un valore che neanche i grandi dovrebbero dimenticare e che in Prezzemolo in Una giornata da Incubo è stato sapientemente elaborato, in modo mai monotono o pedante. Insomma, gli sviluppatori sono riusciti a fornire al gioco quel tocco di magia in grado di renderlo davvero adatto al pubblico cui si rivolge. Proprio questo tipo di utenti, che riescono ancora a emozionarsi di fronte a decine di colorati poligoni, non hanno forse bisogno di effetti grafici stravolgenti per appassionarsi a un videogioco. Sono proprio loro a cui importerà poco se le animazioni non sono perfette o se quel drago verde porta ancora quel simpatico foulard. Insomma, è proprio per loro che Prezzemolo in Una giornata da Incubo rappresenta un videogioco valido e consigliato.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Prezzemolo in Una giornata da Incubo è il primo di una serie di quattro episodi dedicata alla popolare mascotte di Gardaland. Dopo aver acquisito una certa fama con il cartone animato, Prezzemolo e i suoi amici sbarcano sui nostri PC con un'avventura grafica appositamente sviluppata e pensata per un pubblico molto giovane (dai tre ai quindici anni). In questo titolo, il giocatore deve scoprire qual'è stata la sorte toccata al povero Bambù, il panda-scienziato misteriosamente scomparso dopo aver attivato la sua ultima invenzione. Nell'allegro e colorato mondo di Tanaboo ha luogo un'avventura all'insegna del divertimento e dell'allegria. L'interfaccia molto intuitiva, gli enigmi, il doppiaggio dei personaggi svolto dagli stessi autori che hanno dato la voce ai protagonisti del cartone animato di Prezzemolo rendono questo titolo un acquisto consigliato per tutti i piccoli videogiocatori.