Genere
Azione
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
12+
Prezzo
54,90 euro
Data di uscita
2/12/2003

Prince of Persia: Le Sabbie del Tempo

Prince of Persia: Le Sabbie del Tempo Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Ubisoft Entertainment
Sviluppatore
Ubisoft Montreal
Genere
Azione
PEGI
12+
Distributore Italiano
Ubisoft Italia
Data di uscita
2/12/2003
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
54,90 euro

Hardware

Le specifiche minime sono fissate su un computer dotato di un processore a 800 MHz, 256 MB di RAM e una scheda grafica da 32 MB. Le specifiche consigliate invece differiscono per il processore, almeno a un 1 GHz, e per la scheda grafica, dotata in questo caso di almeno 64 MB di memoria. La nostra prova è stata effettuata su un computer dotato di processore Pentium 4 a 1,6 GHz, accompagnato da 640 MB di memoria RAM ed una scheda grafica Radeon 9200 da 128 MB e si è comportato molto bene.

Multiplayer

Prince of Persia: Le Sabbie del Tempo è un gioco per un solo giocatore.

Link

Anteprima

Prince of Persia: Le Sabbie del Tempo

Il tempo è come i granelli di sabbia di un deserto: infinito, impossibile quantificarlo con limiti precisi, poiché lui continuerà a scorrere anche in nostra assenza. Il tempo, però, può essere limitato, come la sabbia raccolta in una clessidra atta a quantificare lo scorrere dei secondi. Controllare il tempo potrebbe essere un sogno... o magari un vero incubo!

di La Redazione, pubblicato il

Anche i combattimenti si sono evoluti e in questa nuova avventura il Principe sarà impegnato in vere e proprie lotte con diversi manigoldi, decisi a dare molto filo da torcere al giovane: anche in questo campo il giocatore può contare su diverse soluzioni molto efficaci e facili da eseguire. I combattimenti si susseguono in un ottimo ritmo di "toccata e fuga", che ci ha ricordato quelli del primo episodio, anch'essi basati su una strategia simile. L'agilità del Principe permette manovre evasive molto efficaci e lo sfruttamento di ogni singolo dettaglio del fondale o del corpo del nemico stesso: si può tranquillamente compiere un balzo sfruttando il fellone avversario come trampolino, per poi colpire lo stesso alle spalle o ribalzare dal muro per sferrare un attacco dall'alto. Lo stesso discorso svolto per i movimenti vale anche per i combattimenti, che risultano perfettamente riusciti ed intriganti.
In questa versione non definitiva da noi provata, abbiamo avuto modo di testare anche alcuni poteri del pugnale e di manipolare a nostro piacimento il tempo. Il funzionamento di tale prezioso oggetto si ripercuote sia sui combattimenti sia nella fase dei salti; l'utilizzo di queste potenzialità non è infinito, però può essere ricaricato con la sabbia presente in alcuni punti dei livelli. Nei passaggi più pericolosi l'utilizzo del pugnale è davvero un toccasana: per esempio, in una fase del gioco, durante il cammino il terreno frana e noi ci ritroviamo morti stecchiti fra aguzzi spunzoni. Per evitare che tale spiacevole ipotesi si compia, potremo "riavvolgere" il tempo e tornare a un punto nel passato a nostro piacimento, magari proprio nell'attimo immediatamente precedente il crollo di questo pavimento un po' troppo delicato. Il tempo è un alleato fondamentale anche contro i nemici "non umani", che possono essere fisicamente congelati e distrutti solo con il pugnale del tempo, altrimenti si rigenerano dopo pochi secondi. L'elenco dei poteri disponibili è decisamente più vasto e dal canto nostro non vediamo l'ora di provare la versione definitiva per vedere le influenze sul gameplay d'ogni diversa potenzialità.
In ultima istanza, ma certamente non per importanza, trattiamo il modus operandi della fanciulla misteriosa che accompagnerà il Principe nella vicenda. L'avvenente ragazza ha un'intelligenza artificiale molto curata e funge spesso da supporto nei combattimenti da lontano, perché dotata di un potente arco, ma le sue funzionalità più importanti sono da ricercare nella risoluzione congiunta di alcuni enigmi con il Principe. Rispetto al giovane rampollo, la bella controparte femminile si dimostra più restia nell'esibirsi in acrobazie, rimanendo maggiormente ancorata con i piedi per terra, ma più agile nello sfruttare piccoli pertugi e nell'inserirsi in alcune fessure fra le costruzioni altrimenti non raggiungibili. Il giocatore è chiamato quindi sia a custodire la salute della bella giovane, sia a adoperarsi per farla giungere in luoghi per lei altrimenti non accessibili.

IL TEMPO VOLA

Dal punto di vista tecnico questa versione non definitiva ci ha già ampiamente stupito, sebbene non sia priva di piccoli problemi, ovviamente dovuti allo status di "lavori in corso" di questo codice: l'elencazione dei problemi quindi è superflua, visto che siamo sicuri che essi saranno risolti per l'uscita nei negozi. Alla prova su strada, Prince of Persia: Le Sabbie del Tempo si è comportato molto bene su computer dotato di un Pentium 4 a 1,6 GHz, 640 MB di memoria RAM ed una scheda grafica Ati Radeon 9200 da 128 MB: con tale configurazione si è mosso molto bene alla risoluzione di 800x600, mostrando invece alcune incertezze a 1024x768. Bisogna comunque notare che anche alle risoluzioni inferiori la grafica rimane sempre ottima, in virtù di un comparto visivo assai complesso. La configurazione minima si assesterà intorno a un computer dotato di un processore da 800 MHz, accompagnato da 256 MB di RAM ed una scheda grafica da 32 MB. La configurazione consigliata invece è fissata intorno a un processore da 1 GHz, completato da 256 MB di RAM e una scheda grafica da 64 MB. In fase di recensione, comunque, potremo analizzare i requisiti di sistema in maniera più precisa e completa.
L'aspetto grafico è notevole e aiuta a farci entrare nell'ottima atmosfera del gioco, sapientemente ricreata dai programmatori di Ubisoft Montreal. I fondali, per esempio, sono molto vari e ricchi di particolari e di dettagli, come drappi che si muovono al vento e quadri sui muri sapientemente dipinti. Il dettaglio dei personaggi è spesso impressionante, come la loro caratterizzazione e le loro animazioni: come nel capitolo che ha dato i natali alla saga, è un vero e proprio piacere osservare le movenze atletiche del Principe, impegnato nelle diverse azioni di cui è capace. Particolarmente riusciti sono gli effetti speciali che governano la sabbia e l'acqua ed intriganti sono anche i contributi filmati, ottimi per regia e studio dei personaggi. Spettacolari alcuni tocchi di classe, come zoomate improvvise durante l'azione di gioco e ralenty inseriti per sottolineare salti particolarmente speciali ed importanti.
Il sonoro ha invece qualche problema di missaggio, sicuramente dovuto alla versione in nostro possesso. Niente da ridire sull'ottima voce esterna del Principe che narra le vicende come un fiaba al giocatore, ottime anche le musiche, sebbene un po' monotone e perfetti gli effetti sonori.
Per quanto riguarda il lato giocoso abbiamo potuto notare come il sistema di controllo sia ottimo e lodevole, capace di far trovare a proprio agio il giocatore dopo poche sessioni di gioco. Le meccaniche fino ad ora provate sono ottime e francamente non vediamo l'ora di mettere mano sulla versione definitiva!