Genere
Azione
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
12+
Prezzo
€ 69,99
Data di uscita
4/12/2008

Prince of Persia

Prince of Persia Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Ubisoft Entertainment
Sviluppatore
Ubisoft Montreal
Genere
Azione
PEGI
12+
Distributore Italiano
Ubisoft Italia
Data di uscita
4/12/2008
Data di uscita americana
2/12/2008
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
€ 69,99
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Hardware

Per giocare è richiesta una console Xbox 360 europea con il titolo originale, una periferica di memorizzazione per i salvataggi e un controller compatibile. Per scaricare il nuovo scenario Epilogo è richiesta una connessione Internet, 616 mega di spazio su disco fisso e 800 Punti Microsoft (circa 10 Euro).

Multiplayer

Anche la nuova mini espansione, come il resto del gioco, non prevede alcuna opzione multiplayer.

Link

Recensione

Acrobazie e scontri conclusivi

Elika e il Principe si ritrovano dopo la fine del gioco.

di Alessandro Martini, pubblicato il

Malgrado una facilità eccessiva e la sua chiara direzione "casual" (che fa a pugni con il target dei formati cui era diretto) il ritorno di Prince of Persia ha conquistato ampie fasce di pubblico conservando la serie su quei livelli di gradimento medio/alti cui è abituata dal suo esordio a tre dimensioni.
Per chi volesse continuare a seguire le avventure di Elika e del Principe, Ubisoft ha pubblicato attraverso Xbox Live (la versione qui provata) e PlayStation Network un ulteriore mini-episodio collocato poco dopo la fine del gioco, dal titolo eloquente di "Epilogo". Va subito detto che, invece di approfondire la storia, questo contenuto scaricabile risponde alla critiche sul gameplay riassumendo e potenziando le sfide incontrate nel gioco principale.

il mondo è ancora avvolto dall'oscurità

Il nuovo scenario, selezionabile a parte dal menu dei titoli una volta acquistato (per circa 10 Euro), si ricollega al gioco principale con l'immancabile filmato che "unisce" i fatti avvenuti nella versione standard all'inizio dell'espansione.
In questa breve sequenza ritroviamo i due protagonisti in fuga dal cattivone di turno, Ahriman, mentre raggiungono un misterioso palazzo sotterraneo, anch'esso avvolto dalla "corruzione" incontrata più volte nel titolo originale (le ombre che dobbiamo affrontare e più spesso evitare nei livelli).
Contrariamente alla struttura della prima uscita, qui non abbiamo la possibilità di scegliere alcuna destinazione o decidere l'ordine in cui affrontare i livelli, anche perchè troviamo un solo scenario strutturato in maniera molto lineare. Non è sbagliato, in linea generale, dire che è stata ripresa l'impostazione dei precedenti episodi, da Sands of Time a Spirito Guerriero.
Infatti, per avanzare è disponibile un solo percorso ricco di ostacoli e sorprese più o meno rischiose per il Principe che, sempre aiutato nei momenti clou da Elika, deve tirar fuori veramente le armi migliori dal suo repertorio di acrobata.
In questo senso il nome "Epilogo" si potrebbe interpretare come il capolinea per i giocatori meno esperti, in quanto la difficoltà e il livello di frustrazione salgono in maniera esponenziale. Contrariamente al resto del gioco, infatti, le fasi qui contenute sono un unico insieme di corse sui muri e salti ad altezze vertiginose da effettuare tenendo conto del costante pericolo rappresentato dai nemici. Toccandoli, si viene "salvati" da Elika ma anche riportati indietro di parecchi metri, dovendo rifare tutto dall'inizio.

una love story che poteva succedere

A variare leggermente questa ricetta, arrivano alcuni dialoghi tra i personaggi principali e combattimenti che rimettono in scena gli avversari affrontati nel titolo standard, sotto diverse forme ma con metodi di attacco grossomodo simili.
Per quanto riguarda gli scambi di battute tra il Principe ed Elika, sempre offerti in ottimo Italiano, ci sono alcuni riferimenti alla trama del gioco e alla sua conclusione ma niente che risulti incomprensibile o troppo rivelatore per chi non l'ha ancora completato. I due personaggi mantengono, com'è naturale, la loro caratterizzazione facendosi continui dispetti reciproci in quella che è fondamentalmente una love story illustrata con molta ironia.
Spostando invece l'attenzione sui combattimenti, rimangono (come nel gioco standard) una componente più estetica che di sostanza vista la loro estrema facilità. Rispetto alla prima uscita, il Principe dispone di attacchi aggiuntivi basati sulla corsa, che gli permettono di concatenare alcune mosse aumentando il danno totale.
Ancora una volta, è possibile, ed anzi necessario, sfruttare l'aiuto di Elika durante le battaglie, sempre molto spettacolari a livello prettamente estetico e basate sull'uso di pochi tasti per la loro risoluzione (parata, attacco e poco altro). Non è sbagliato dire, in ogni caso, che questo "add on" punta principalmente sulla sfida utente/livello piuttosto che sui combattimenti, anche perchè le stesse fasi platform risultano più impegnative rispetto alla storia originale.
Tirando le somme, il suo acquisto è indicato a chi desiderava un maggior tasso di sfida dalla prima uscita, mentre si poteva fare decisamente di più sul lato di atmosfera e narrazione, che aggiungono poco o nulla rispetto ai contenuti del gioco standard.


Commenti

  1. utente_deiscritto_6190

     
    #1
    Non so, immaginavo un pò tutto, ma vedere scritto nero su bianco l'istanza casual mi ha un pò depresso.

    Speriamo bene.
  2. jurgen81

     
    #2
    Ho cominciato ieri questo gioco, dopo aver letto peste e corna quasi dappertutto ...
    Mi sta piacendo.
    Mi devo preoccupare?
  3. kingkilium

     
    #3
    jurgen18 ha scritto:
    Ho cominciato ieri questo gioco, dopo aver letto peste e corna quasi dappertutto ...
    Mi sta piacendo.
    Mi devo preoccupare?
      Nah, non è un brutto gioco, il problema è che dopo un po' diventa noioso: passi tutto il tempo a saltare ed afferrare in livelli pressappoco deserti, incontrando di tanto in tanto qualche nemico da uccidere schivando, parando, o spingendo nel vuoto (o una combinazione delle tre).
    Artisticamente è favoloso.
    Io l'ho finito in circa 10 ore, splamate su un anno e mezzo di gioco :DD (l'ho abbandonato e ripreso piu' volte)
  4. jurgen81

     
    #4
    Ecco, magari visto che sono all'inizio non mi sono ancora annoiato ...
  5. jurgen81

     
    #5
    Sono circa al 30% del gioco (forse anche di più) ... e mi continua a piacere.
    Per me, se uno ha amato ICO, non può che amare anche il primo Pop su PS3.
    Trovo tante analogie tra i due titoli ...
  6. jpeg

     
    #6
    Riesumo perchè ho finito Prince of Persia giusto ieri sera.

    Copio-incollo quello che ho scritto nell'altro topic, in risposta ad una critica mirata alla ripetitivà dell'azione:

    In effetti, il gioco offre una di quelle strutture 'aperte' (vai dove vuoi, segui la tua strada per arrivare all'ultimo livello) solo in apparenza, in quanto lo sviluppo delle varie fasi è chiaro e si ripete fin da subito: raggiungi il giardino, accoppa qualche corrupted, guarisci il giardino, raccogli gli orb, sblocca il power up, raggiungi un altro giardino, ecc... coi boss a fare da jolly.
    Detto questo, se la formula 'entra', è proprio difficile staccarsene, anche in virtù di una robusta ossatura platfmorm e di un backtracking a mio avviso intelligente, che stimolano ad esplorare a fondo lo scenario e a ritornare spessissimo sui propri passi.
    Certo, la combo 'immortalità + battle system arcaico + QTE dementi' traccia uno sgradevole sbaffetto marrone su un quadro altrimenti soave e pastelloso, ma c'è da dire che - volendo - i combattimenti li si può saltare quasi sistematicamente.

    Anch'io l'avevo comprato anni fa, e mai realmente approfondito: giorni fa m'è presa questa insana voglia e l'ho riesumato, riprendendolo dall'inizio, e devo dire che me la sto godendo.


    Tra l'altro, sentire il 'principe' che parla con la stessa voce (e lo stesso tono) di Nathan Drake, su 360, è... Boh, straniante? XD


    Ecco, ieri sono arrivato alla fine - quella 'ufficiale', almeno - con la sensazione che me lo porterò nel cuore, un pò come una fiaba, che in fondo penso sia ciò che questo PoP vuole essere.
    Certo, una volta raccolti tutti e quattro i poteri, si vola - almeno... A me è venuto spontaneo volare - verso la fine, divorando gli ultimi livelli alla ricerca dei giardini e dello scontro finale (piuttosto che degli ultimi globi li luce).

    A questo proposito, una perplessità: subito dopo i titoli di coda, ho attaccato con Epilogue (scaricato tempo fa in occasione di un'offerta speciale)...
    Ebbene, perchè si è sentito il bisogno di riscrivere il finale? Quello standard non andava bene? A me è piaciuto molto, e anzi - a giudicare dall'avvido dell'ideale 'terzo tempo' - quest'ultimo mi pare forse un pò forzato.
  7. Tristan

     
    #7
    Quoto sull'epilogo, la fine originale era perfetta così imho, il dlc stava meglio in ottica antipasto a ridosso dell'uscita del sequel mai visto. Sul gioco no, la struttura aperta è un'inutilità che ha costretto ad azzerare la curva di difficoltà rendendo il gioco davvero noioso per quasi tutta la sua durata, peccato perchè l'ho amato nelle parti iniziali e finali dove la difficoltà cresce proporzionalmente all'abilità del giocatore. Peccato anche perchè era un bel laser game travestito e la scelta delle non-morti l'ho trovata azzecatissima in contesto del genere.
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!