Genere
Sportivo
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
20/9/2013

Pro Evolution Soccer 2014

Pro Evolution Soccer 2014 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Konami
Genere
Sportivo
Data di uscita
20/9/2013

Hardware

Pro Evolution Soccer 2014 sarà disponibile dal 20 settembre in esclusiva su PC, PlayStation 3, Xbox 360 e PSP.

Multiplayer

Il calcio di Konami punta tutte le sue carte sul multiplayer online, purtroppo non disponibile nel codice review da noi testato. Sarà possibile sfidare gli amici nella Master League online, o competere in emozionanti sfide 11 contro 11 su PlayStation Network.

Modus Operandi

Abbiamo affrontato la nuova stagione calcistica di PES 2014 grazie a un codice review debug su PlayStation 3 concessoci da Halifax, selezionando il livello di difficoltà Campione e scegliendo tutti i controlli manuali, eccezion fatta per le versioni avanzate del tiro e passaggio filtrante.
Recensione

La rivoluzione di PES

Al via l'appuntamento con la nuova stagione calcistica: il calcio d'inizio è di Konami!

di Giovanni Marrelli, pubblicato il

Il 2014 doveva essere l'anno della rivoluzione e così effettivamente è stato: se gli ultimi capitoli della serie Pro Evolution Soccer avevano deluso anche i fan più accaniti per l'incapacità di reggere il passo con una concorrenza evidentemente agguerrita, la nuova incarnazione della saga calcistica di Konami dà un taglio netto con il passato e presenta il frutto di quattro anni di duro lavoro, un periodo in cui una costola della software house giapponese (ora nota come PES Production Team) si è dedicata solo ed esclusivamente a ricreare da zero le fondamenta di un franchise che aveva tremendamente bisogno di voltare pagina. L'ha fatto, PES 2014, con una veste tutta nuova: quella apportata dall'utilizzo del FOX Engine, lo stesso motore creato dagli studi Kojima Productions per muovere il meraviglioso mondo di Metal Gear Solid V: The Phantom Pain. Non è certo la sola novità, ma è di sicuro quella più evidente e quella che prima di tutte balza all'occhio. Andiamo a scoprire l'essenza di PES 2014.

Dicevamo del FOX Engine, la novità più intrigante di questa nuova edizione del calcio Konami: il motore creato da Hideo Kojima e adattato dal PES Production Team alla simulazione calcistica non solo rende questo capitolo estremamente diverso dal suo passato, ma ne aumenta la bontà in termini di simulazione, sia per quanto concerne il realismo che la varietà di situazioni possibili durante un match. Il tutto è lì, a portata di pad, sin dalle prime battute di gioco: bastano pochi movimenti in campo per capire quanto sia davvero differente PES 2014 dai suoi predecessori, quanto sia soave il movimento della sfera sul nuovo manto erboso e quanto contino le nuovissime animazioni derivate dall'engine. Eppure, nonostante tutto PES mantiene la sua identità, non stravolge il gameplay a cui ci eravamo lentamente e con fatica abituati, semmai lo migliora, lo rende più bello e realistico, gli dona quel sapore più ricercato che da (troppo) tempo, purtroppo, gli mancava.

L'ingresso in campo di Pro Evolution Soccer 2014 è un tripudio di luci e colori: il FOX Engine brilla sin da subito per la qualità e il livello di dettagli eccezionale. - Pro Evolution Soccer 2014
L'ingresso in campo di Pro Evolution Soccer 2014 è un tripudio di luci e colori: il FOX Engine brilla sin da subito per la qualità e il livello di dettagli eccezionale.

Già in sede di anteprima avevamo evidenziato come il FOX Engine riuscisse a ricreare una varietà di situazioni notevole, derivate da molteplici fattori e dall'imprevidibilità tipica di questo sport. Un'impressione ampiamente confermata dopo aver divorato il codice review fornitoci da Konami in versione PS3, che ci ha permesso di saggiare la bontà del gioco definitivo a pochi giorni dal lancio.

CALCIO D'INIZIO

Quello che balza immediatamente all'occhio è un eccezionale livello di dettagli in ambito grafico, a partire dalla qualità degli stadi e delle coreografie, passando ovviamente per i volti dei giocatori (o almeno, quelli su licenza) e la loro conformazione fisica, finanche all'illuminazione dinamica che si riflette con ombre e giochi di luce estremamente realistici sul campo di gioco. L'implementazione del FOX Engine non tragga in inganno chi si aspetta un miglioramento solo sul profilo grafico, in quanto le capacità del motore di gioco vanno ben oltre l'aspetto estetico e si riflettono sopratutto sul gameplay, ora più dinamico, veloce e convincente sul profilo del tanto agognato realismo. Merito di animazioni finalmente “vere”, frutto delle situazioni generate in tempo reale sul manto erboso e non una serie dei soliti, ridondanti scarti degli anni precedenti.

Ecco, il vero merito del FOX Engine è quello di dare vita ai giocatori, con movenze naturali (e nella maggior parte, del tutto simili alla controparte reale) e dinamiche, una simulazione più appagante e, se vogliamo, l'impressione che quella sullo schermo non sia una partita di un videogioco, piuttosto un match vero e proprio. La bontà delle nuove animazioni e la reazione dinamica a ciò che accade sul campo è dovuto anche alla nuova gestione della fisica, che unisce un motore ormai rinomato e ampiamente utilizzato in ambito videoludico all'introduzione di nuove tecnologie come la TrueBall, che permette un controllo naturale della palla finalmente in (quasi) totale libertà. Certo, non siamo ancora di fronte a un movimento interamente a 360° e in alcuni frangenti permangono i classici spostamenti su binari prestabiliti, tipici della serie Konami, ma si tratta davvero di un enorme passo in avanti rispetto al passato che è impreziosito da un'altra, importante novità: la gestione del peso.

Tevez è fra i giocatori della Juventus meglio realizzati in PES 2014: la sfida in Champions League contro il Bayern Monaco, almeno quella virtuale, ha tutto un altro sapore. - Pro Evolution Soccer 2014
Tevez è fra i giocatori della Juventus meglio realizzati in PES 2014: la sfida in Champions League contro il Bayern Monaco, almeno quella virtuale, ha tutto un altro sapore.

Si tratta del nuovo modo di intendere la fisicità degli atleti e gli attributi come stazza, velocità, forza fisica e via dicendo, che affiad allo stick analogico di destra un ruolo fondamentale durante il match. La levetta ora consente di gestire a piacimento il peso del calciatore e di sfruttare il corpo per proteggere la palla o cercare il contatto con l'avversario, dando vita a tante situazioni inedite.

SFIDA ALL'ULTIMO CONTRASTO

Quante volte, durante un match, avete visto un difensore allungare le mani contro un attaccante nel tentativo di ostacolarne la corsa o di rallentarne l'azione offensiva? Dalla parte opposta, quante sono
le volte in cui l'attaccante cerca di scacciare il difensore allargando le braccia e smanacciando così da liberarsene o evitare il contrasto? È esattamente questo il ruolo della levetta di destra, che in fase difensiva permette avvicinarsi a un attaccante e usare lo stick in direzione di esso per “aggrapparsi” e rallentarlo, o ancora di fare scudo alla palla appena rubata usando il proprio corpo a protezione di essa. Il contenimento rappresenta più che mai una tecnica difensiva efficace in PES 2014, nonché uno dei metodi più efficaci per contrastare le azioni avversarie senza ricorrere a una pericolosa scivolata. Allo stesso modo, in fase di attacco è possibile usare il corpo a protezione muovendo la leva destra nella direzione opposta, così da allargare un braccio e impedire al difensore di effettuare il tackle.

È in questi momenti che interviene il sistema M.A.S.S., ovvero quell'engine in grado di ricreare in modo dinamico le animazioni dei contrasti e delle collisioni tenendo conto di un numero infinito di variabili come direzione del corpo, velocità, intensità del tackle, struttura corporea dei giocatori. Il risultato, come dicevamo in apertura, è una fantastica sensazione di realismo e l'introduzione di un fattore finora poco utilizzato nel mondo delle simulazioni calcistiche: l'imprevedibilità. Capita non poche volte di assistere a rimpalli inaspettati o di perdere la palla durante un controllo in corsa, o di svirgolare malamente un tiro in seguito a un contrasto con un difensore. Tutto questo, abbinato alla rinnovata fisica del pallone, ha degli effetti evidenti ed estremamente positivi sul gameplay, e mette anche particolare enfasi sulle caratteristiche dei giocatori avvantaggiando, probabilmente, quelle squadre dotate di maggiore forza fisica a discapito della qualità nel palleggio.

È possibile sfruttare la gestione del peso con il movimento dello stick analogico destro, alzando le braccia in fase di possesso per proteggere la palla oppure rincorrendo il portatore di palla con il difensore cercando di interrompere l'azione offensiva. - Pro Evolution Soccer 2014
È possibile sfruttare la gestione del peso con il movimento dello stick analogico destro, alzando le braccia in fase di possesso per proteggere la palla oppure rincorrendo il portatore di palla con il difensore cercando di interrompere l'azione offensiva.

Questo non significa che non è possibile eludere una difesa corazzata sfruttando, allo stesso modo, doti come rapidità e possesso di palla: questo sopratutto grazie a un nuovo sistema di dribbling, che abbandona numeri da circo complessi a favore di finte casuali generate da un rapido movimento coordinato degli stick analogici. Basta infatti un colpo veloce sulla leva di destra in una direzione desiderata e poi spostare la leva di sinistra verso la direzione in cui ci si vuole spostare per far sì che il calciatore esegua una finta di corpo o un dribbling per poi proseguire nella direzione designata. Si tratta di un metodo che forse consente meno “libertà” nello scegliere quale tipo di dribbling sia più adatto a una determinata situazione, ma che allo stesso tempo ne rende meno ostico l'utilizzo nei momenti di grande affollamento. Resta comunque la necessità di unire precisione e tempismo per sperare di effettuare la finta al momento giusto, onde evitare di perdere palla malamente.

Parlavamo di libertà d'azione, ed è vero che tutte queste innovazioni hanno consentito a PES 2014 di raggiungere un traguardo fino a oggi mai raggiunto nella serie. Impostando la gestione di tutti i controlli manuale, è possibile sbizzarrirsi e dar vita ad azioni spettacolari e frenetiche, con cambi di passo, uno-due, verticalizzazioni improvvise, cross spioventi e passaggi filtranti repentini. Proprio i passaggi filtranti, oltre ai tiri, possono contare su due importanti implementazioni: si tratta di una modalità cosiddetta “avanzata”, che assegna al tasto del tiro e a quello del passaggio filtrante una sorta di mirino in tempo reale che permette di direzionare la palla in un punto preciso del campo o della porta. Un'opzione che, nonostante le dozzine di partite disputate, ci è sembrata tuttavia poco comoda da usare sopratutto in azioni molto frenetiche, con il rischio di vanificare un'azione perfetta con un passaggio filtrante o un tiro finito a bordo campo perché il mirino, una volta premuto il tasto, si muove con velocità fin troppo eccessiva impedendone il controllo in un lasso di tempo così breve.


Commenti

  1. frax183

     
    #1
    come si scarica da questo bernedetto sito
  2. arde

    #2
    da questo sito non c'é niente da scaricare..
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!