Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

Radeon 9800

Speciale

ATi rilancia: Radeon 9200, 9600 e 9800

Dopo la risposta di nVidia al Radeon 9700 PRO con la GeForce FX, per la verità non ancora completamente convincente allo stato attuale, un nuovo annuncio di ATi era nell'aria. Ma quello che si concretizza oggi è ben di più che un semplice rilancio: sembra un assalto in piena regola, visto che contempla il rinnovamento di tutta l'attuale linea di prodotti della casa canadese!

di Antonino Tumeo, pubblicato il

Da aggiungere che, a quanto pare, adesso le pipeline dovrebbero essere completamente a 32 bit in floating point per componente in ogni loro sezione (mentre in Radeon 9700 il color processor raggiungeva comunque una precisione massima di 24 bit per componente, con un totale di 96 bit invece di 128). Altro aspetto che appare direttamente legato ai suggerimenti di Carmack è la particolare ottimizzazione che ha ricevuto la tecnologia HyperZ III, ora denominata con poca fantasia HyperZ III+.
Uno dei tanti aspetti di HyperZ, mirato a migliorare il più possibile lo sfruttamento della banda verso la memoria locale da parte del chip grafico, è la presenza di una apposita cache per gestire le letture e le scritture sullo Z-Buffer. Si dà il caso che però, nelle schede odierne, oltre allo Z buffer si faccia uso di un altro buffer, denominato Stencil Buffer. Lo Stencil Buffer, al pari dello Z buffer, contiene per ciascun pixel un determinato valore che può essere paragonato con i valori di altri pixel all'interno dello stesso buffer per determinare se fargli eseguire o meno il processo di rendering.
Nel caso dello Z buffer, tale informazione rappresenta la "profondità" del pixel sulla scena. Nel caso dello Stencil Buffer può rappresentare qualunque cosa voglia il programmatore. Lo stesso Carmack lo utilizza, nel motore di DOOM III - in maniera veramente pesante - per realizzare le cosiddette "ombre volumetriche": in tale buffer vengono salvate le informazioni su zone che cadono nell'ombra di qualche oggetto. I confronti servono appunto per determinare se un pixel cade nell'ombra di un oggetto che è già stato elaborato. Dunque, con HyperZ III+, ATi ha ben pensato di estendere le funzionalità della Z cache per garantire il miglior supporto possibile anche allo Stencil Buffer, in modo da velocizzare e snellire le operazioni che lo riguardano. Come si può immaginare, tutti i giochi che lo sfruttano - DOOM III in particolare - ne traggono un gran beneficio.
In Radeon 9800 migliora anche Smoothvision, che passa dalla versione 2.0 alla 2.1. Sotto il nome di Smoothvision vengono identificate le sezioni che si occupano di gestire AntiAliasing ed Anisotropic Filtering: le prestazioni di questi miglioramenti "qualitativi" sono state aumentate ottimizzando e affinando ulteriormente il controller di memoria di Radeon 9700, adesso ancora più efficiente. I benefici dovrebbero essere evidenti con le impostazioni più spinte (4X e 6X) a partire dalla risoluzione di 1024x768 (anche perché a risoluzioni inferiori già Radeon 9700 consegnava l'AntiAliasing praticamente senza perdite prestazionali).
Ma è chiaro che c'è anche un altro modo, oltre agli affinamenti architetturali, per migliorare le prestazioni di una scheda grafica: aumentare le frequenze di clock. E naturalmente è stato fatto anche questo. Radeon 9800 sarà disponibile, infatti, nelle solite due varianti: normale e PRO.
Al momento sono state finalizzate ufficialmente solo le specifiche delle frequenze della versione PRO, che sarà a 280 MHz e verrà fornito su schede con 128 MB di memoria DDR a 340 MHz, con prezzi nell'ordine dei 399 Dollari. Tali schede dovrebbero cominciare a essere disponibili già dai prossimi giorni, per lo meno negli Stati Uniti, e fornire prestazioni (a detta di ATi) superiori anche del 50% rispetto a GeForceFX e Radeon 9700 PRO soprattutto con AntiAliasing ed Anisotropic Filtering attivati.
Sulla versione PRO dovrebbe essere basata anche una scheda con ben 256 MB (!) di memoria di tipo DDR-II (sì, avete letto bene, DDR-II, ma in questo caso le frequenze non sono ancora state specificate), disponibile a partire da Aprile con prezzi nell'ordine dei 499 dollari. Il chip "normale", si vocifera (ma non c'è l'ufficialità) funzionante alle frequenze di 325 MHz, sarà invece offerto a breve al prezzo di 349 Dollari su schede dotate di 128 MB di memoria DDR pare a 310 MHz. Naturalmente su tutte le schede sarà disponibile il solito corredo di uscite VGA, DVI, TV gestite dai due DAC a 10 bit per componente e 400 MHz e dal TMDS transmitter a 165 MHz, e sarà necessaria un'alimentazione esterna, che però sarà probabilmente gestita non più con il connettore dei floppy ma con quello tipico degli hard disk.

RADEON 9600: LE DIRECTX 9.0 SI AVVICINANO AL MAINSTREAM!

Paradossalmente, del lotto di prodotti presentati oggi da ATi, Radeon 9600 risulta forse essere il più interessante, anche più del chip destinato alla fascia alta. Sì, perché Radeon 9600, nome ufficiale di RV350, destinato a soppiantare nella fascia media Radeon 9500 e Radeon 9500 PRO, è il primo chip ATi realizzato con la tecnologia costruttiva a 0,13 micron, esattamente la stessa adottata anche da nVidia per NV30.