Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

Radeon 9800

Speciale

ATi rilancia: Radeon 9200, 9600 e 9800

Dopo la risposta di nVidia al Radeon 9700 PRO con la GeForce FX, per la verità non ancora completamente convincente allo stato attuale, un nuovo annuncio di ATi era nell'aria. Ma quello che si concretizza oggi è ben di più che un semplice rilancio: sembra un assalto in piena regola, visto che contempla il rinnovamento di tutta l'attuale linea di prodotti della casa canadese!

di Antonino Tumeo, pubblicato il

Dotato di quattro pixel pipeline con una sola TMU e di due unità geometriche, garantisce la piena corrispondenza agli standard dettati da DirectX 9.0, riprendendo per filo e per segno le stesse caratteristiche di Radeon 9800: pixel pipeline con precisione a 128 bit in floating point, Pixel e Vertex Shader in standard 2.0, con supporto per l'F-Buffer come vi abbiamo illustrato in precedenza, che rende di fatto possibile utilizzare Pixel Shader di lunghezza illimitata. Dunque supportati sono SmartShader 2.1, SmoothVision 2.1, HyperZ III+, oltre naturalmente a Truform 2.0 e all'ottimo motore di decoding video VideoShader.
L'utilizzo della tecnologia a 0,13 micron, la cui attuazione è risultata efficiente e senza grossi problemi per ATi (anche perchè effettuata per la prima volta su un chip sicuramente meno complesso rispetto al GeForce FX, dotato solo di quattro pixel pipeline e due vertex unit), permetterà alle schede basate su Radeon 9600 di raggiungere elevate frequenze di clock pur non necessitando di alimentazione esterna e, soprattutto, a prezzi contenuti. Ad aprile vedremo dunque schede Radeon 9600 con chip a 325 MHz e 128 MB di memoria DDR a 200 MHz su cifre che vanno dai 149 ai 169 Dollari, e schede Radeon 9600 PRO con chip a 400 MHz, memorie a 300 MHz DDR e prezzi nell'ordine dei 169-199 Dollari. Prestazionalmente le schede basate su Radeon 9600 e 9600 PRO dovrebbero allinearsi alle 9500 e 9500 PRO che andranno a sostituire: si prevedono, infatti, numeri che varieranno dal 25 al 50% in più rispetto alle GeForce 4 Titanium 4200.

Radeon 9200 è il nome ufficiale del chip chiamato in codice RV280. RV280 come si può intuire, non è altro che una versione migliorata di RV250, la GPU che pulsa sotto le Radeon 9000. Rimangono le quattro pipeline grafiche con una TMU per ciascuna, e l'unità geometrica del predecessore, compatibili con DirectX 8.1 e pieno supporto per Pixel Shader in versione 1.4. Naturalmente presenti quindi Smartshader, Truform, HyperZ II, il buon motore di decodifica video e tutte quelle caratteristiche già viste con Radeon 9000. L'unica novità di rilievo pare invece essere il pieno supporto per il bus AGP 8X, destinato a diventare più importante con il sopraggiungere di giochi più complessi dal punto di vista poligonale. Due le versioni del chip annunciate, normale e PRO, differenziati chiaramente per frequenze di clock (che saranno finalizzate solo al momento della consegna del prodotto sul mercato). Le schede Radeon 9200 dovrebbero essere disponibili a partire da marzo, con 64 o 128 MB di memoria DDR. Non presenteranno uscita DVI e avranno a prezzi variabili da 79 a 129 dollari. La versione Radeon 9200 PRO dovrebbe invece essere disponibile ad aprile nella sola configurazione con 128 MB di memoria RAM e uscita DVI oltre alle canoniche VGA e TV, e presenterà prezzi variabili tra 129 e 149 dollari al massimo. Le Radeon 9200 rimpiazzeranno del tutto, come è facile immaginarsi, le attuali linee 9000 e 9100.

CONCLUDENDO

Che altro dire se non che ATi, presa la rincorsa con la Radeon 8500 e spiccato il salto con la Radeon 9700 PRO, sembra adesso non voler più atterrare? La società canadese sembra aver raggiunto pienamente il "ciclo dei sei mesi" in precedenza toccato solo dal suo concorrente diretto nVidia, e lo ha addirittura raggiunto non solo con il prodotto di punta, ma introducendo aggiornamenti per tutta l'intera linea di schede che propone! Ma le novità non si limitano solo al mercato desktop, visto che ATi svelerà, poco per volta, a iniziare da date più vicine di quello che si possa credere, la sua strategia per il mercato dei portatili che e sicuramente desterà molto, molto interesse anche e soprattutto nei giocatori...
Dunque, tante, tantissime novità, che sembrano poter permettere ad ATi di mandare nuovamente al tappeto nVidia dopo pochi mesi dal primo KO. Ma statene certi, la società californiana non rimarrà solo a guardare i canadesi, e ci sono tutte le carte in regola perché la battaglia si riaccenda subito a partire proprio da questi stessi giorni. E, con tutta questa concorrenza, a uscirne vincitori potrebbero seriamente essere gli utenti, che cominceranno ancora prima del previsto a vedere a prezzi accessibili schede in grado di offrire qualità e prestazioni prima solo impensabili, benché cresca altrettanto velocemente il rischio di obsolescenza. Dunque, una volta più che mai, rimanete con noi per seguire tutte le evoluzioni di questa avvincente battaglia!