Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

Radeon X800

Aggiungi alla collezione

Lati Positivi

  • Velocissime
  • Consistenti
  • 3Dc
  • Temporal AntiAliasing

Lati Negativi

  • 9800 XT all'ennesima potenza

Hardware

Le due Radeon X800 sono state provate su un Pentium 4 a 2,8 GHz con front side bus a 800 MHz e tecnologia HT, 512 MB di memoria Corsair XMS3700, scheda madre Intel i865PE e hard disk Serial ATA Maxtor Diamond Plus da 160 GB (7200 RPM). Come sistema operativo si è naturalmente utilizzato Windows XP Professional, mentre i driver erano la versione beta dei Catalyst con il supporto per il nuovo chip grafico.
Recensione

Radeon X800 PRO & Radeon X800 XT

Dopo aver approfondito gli aspetti e le caratteristiche salienti, effettuato confronti con le vecchie soluzioni e le alternative proposte da nVidia con GeForce 6800, è ora finalmente arrivato il momento di cominciare a vedere i primi numeri delle nuove Radeon X800. Lo facciamo verificando le prestazioni di entrambi i modelli che dovrebbero essere disponibili in breve tempo, Radeon X800 PRO e XT.

di Antonino Tumeo, pubblicato il

E' questo, senza alcun dubbio, un periodo molto frenetico per il mercato dei chip grafici. Abbiamo assistito alla presentazione dei due nuovi pesi massimi, GeForce 6800 e Radeon X800, che ci promettono addirittura un raddoppio delle prestazioni rispetto ai migliori prodotti della precedente generazione. La lotta "dei lanci ufficiali" è stata senza quartiere: colpi e contraccolpi (che in qualche caso potremo definire anche "bassi") non sono stati certo risparmiati. Si è parlato di tecnologie, di prestazioni, di velocità, di qualità dei filtri. Si è discusso anche sull'effettiva disponibilità sul mercato dei prodotti ed anche in questo caso sono sorte numerose discussioni per via dei lanci anticipati rispetto all'effettiva presenza dei prodotti sul mercato e la questione non sembra ancora pienamente risolta, anche se qualcosa sta finalmente cominciando ad apparire.
Non vi è comunque cosa migliore per "occupare" questo tempo, che dar spazio, piuttosto che alle discussioni, ai primi fatti, cioè ai numeri. E i primi numeri con i quali abbiamo potuto confrontarci sono quelli relativi alle nuove Radeon X800, sia in versione PRO che in versione XT.

BREVE DESCRIZIONE DELLE SCHEDE

Abbiamo parlato in lungo e in largo dei due prodotti e vogliamo lasciare spazio alle prestazioni pure. Ma è forse il caso di fare un beve riepilogo su ciò che Radeon X800, nelle due varianti provate, ci mette a disposizione. L'architettura nasce da un'evoluzione, piuttosto che da una rivoluzione, di quella di Radeon 9800. Poche, infatti, sono le varianti dal punto di vista delle caratteristiche grafiche supportate, relative soprattutto al numero di istruzioni massime supportate nei Pixel Shader. Le unità di rendering aderiscono allo standard Pixel Shader 2.0, non presentano possibilità di salti logici e branching e hanno precisione di colore massima a 24 bit in floating point. La lunghezza massima dei Pixel Shader può però giungere a 1536 istruzioni, contro le 96 suggerite dalle specifiche DirectX 9.0 di Microsoft (e le 160 di Radeon 9800).
E' però possibile utilizzare shader di lunghezza virtualmente infinita sfruttando il cosiddetto F-Buffer, che si preoccupa di "raccogliere" i pixel che hanno bisogno di successive passate nell'unità di shading, limitando il più possibile l'overhead determinato dal multipass. Rispettivamente, troviamo 12 pipeline sulla Radeon X800 PRO e 16 sulla Radeon X800 XT. Entrambe le soluzioni, invece, presentano sei unità geometriche con supporto per Vertex Shader in standard 2.0 (dunque, niente gestione di texture look-up come previsto dalla versione 3.0). Presenti le nuove versioni di HyperZ e SmoothVision, ottimizzate per rendere al meglio con le alte risoluzioni, da cui la sigla "HD" (High Definition) che contraddistingue le due tecnologie. Da segnalare che AntiAliasing e Anisotropic Filtering non variano rispetto alle impostazioni di massima qualità raggiungibili (6X in MultiSampling per l'AntiAliasing, 16X per l'Anisotropic Filtering), anche se è da sottolineare nel primo caso che con le prossime release di driver verrà abilitato il supporto per Temporal AntiAliasing e, nel secondo, che ci sono state alcune modifiche nel modo di operare dell'algoritmo "dinamico" che negli ultimi giorni hanno creato più di una polemica per accuse di potenziale "cheating" da parte di ATI, respinte però dal produttore canadese e che discuteremo un poco più in dettaglio successivamente.
Se vogliamo, la novità più rilevante per quello che riguarda le funzioni grafiche supportate è stata l'inclusione del supporto per la compressione delle Normal Map, denominata 3Dc, che dovrebbe consentire come ampiamente illustrato l'utilizzo di mappe a più alta definizione in grado di aumentare in maniera considerevole il dettaglio della scena senza appesantire il dettaglio poligonale dei modelli. Si tratta, comunque, di una caratteristica che dovrà essere esplicitamente supportata dagli sviluppatori.
Continua più forte che mai, infine, il supporto alla tecnologia Video Shader per la decompressione dei filmati in real time. Variano, naturalmente, le frequenze sulle due schede. La Radeon X800 PRO presenta GPU impostata a 475 MHz e i 256 MB di memoria GDDR 3 che la accompagnano alla cifra di 450 MHz (che ovviamente funzionando in modalità double pumped, equivalgono a 900 MHz). Per la Radeon X800 XT, invece, pare che sia stata finalizzata (per lo meno, questo era quanto offriva la scheda da noi provata), la frequenza di 520 MHz per la GPU e di 560 Mhz per le memorie. Entrambe le schede presentano un singolo connettore molex di alimentazione, ed hanno lo stesso sistema di raffreddamento, di dimensioni molto contenute.
Da precisare che per i test si è utilizzata una versione Beta dei driver con il relativo supporto per entrambe le schede, al momento non ancora presente invece nei Catalyst ufficiali.

I NUMERI

Passiamo dunque finalmente a commentare i numeri mostrati dalle due schede che, come si può constatare, sono certamente fenomenali.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Radeon X800 è qui, ed è realmente quello che ci era stato promesso: un chip grafico dalle prestazioni straordinarie, che pur non offrendo grossissime novità dal punto di vista delle caratteristiche grafiche (comunque non sfruttate dal parco titoli attuali e del prossimo futuro), garantisce in entrambe le sue incarnazioni dei frame rate che con le vecchie schede di punta non si potevano neanche immaginare. Ciò significa alta risoluzione, o meglio, alta "definizione", con filtri sempre attivati in tutte le situazioni senza penalizzazioni, sia con la Radeon X800 PRO, sia con la Radeon X800 XT. A questo punto non resta che vedere quanto ancora possa migliorare la situazione con l'evoluzione dei driver e l'utilizzo (che ATI spera massiccio) della sua tecnologia di compressione delle Normal Map 3Dc.