Genere
Gioco di Ruolo
Lingua
ND
PEGI
18+
Prezzo
ND
Data di uscita
10/2/2012

Kingdoms of Amalur: Reckoning

Kingdoms of Amalur: Reckoning Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
Big Huge Games
Genere
Gioco di Ruolo
PEGI
18+
Data di uscita
10/2/2012
Data di uscita americana
7/2/2012

Lati Positivi

  • Originale e ricco di contenuti
  • Combattimenti appaganti

Lati Negativi

  • Regia a volte fastidiosa
  • Lo stile grafico dei personaggi potrebbe non piacere a tutti

Multiplayer

Kingdoms of Amalur: Reckoning non presenta alcuna modalità multiplayer.

Modus Operandi

Abbiamo provato il gioco grazie a un codice recensibile per PS3 ricevuto da EA.

Link

Recensione

L'anima GdR

A ciascuno il suo Destino.

di Marcello Cangialosi, pubblicato il

A voler essere pignoli si potrebbe lamentare la saltuaria inadempienza della regia virtuale nell'inquadrare l'azione nel modo migliore durante gli scontri (problema che God of War evita imponendo inquadrature specifiche per ogni situazione), ma l'anima GDR di KOA: Reckoning viene in soccorso permettendo di riparare ai torti subiti e di mitigare la frustrazione con pozioni energetiche o fortunosi affondi critici portati alla cieca. In altre parole, regia fastidiosa, ma non distruttiva.

OLTRE L'APPARENZA
Sebbene la peculiarità più appariscente di Kingdoms of Amalur: Reckoning sia il suo sistema di combattimento (non a caso lo ascriviamo nella categoria dei Giochi di Ruolo Action), l'impalcatura ruolistica che lo sottende è tutt'altro che accessoria. Al di là della notevole vastità del mondo di gioco (liberamente esplorabile nella sua interezza sin dal principio) e della pletora di attività in cui coinvolge (fra missioni principali legate alla storia madre, secondarie legate alle sue 6 fazioni e dozzine di altri incarichi facoltativi), KOA: Reckoning si regge su un sistema evolutivo e gestionale estremamente profondo e sofisticato, risultando un una sorta di rivisitazione in chiave pragmatica delle dinamiche di “livellamento” tipiche del genere. In KOA: Reckoning si sbloccano e potenziano abilità o mosse ben definite, distribuite secondo una certa “gerarchia” nell'ambito di tre categorie: Forza, Destrezza e Magia. Investendo in abilità ascritte ad una determinata categoria, il proprio livello in quella categoria aumenta di conseguenza, allargando non solo la rosa di equipaggiamenti compatibili con il proprio alter ego, ma anche quella dei suoi possibili “Destini”. Questi ultimi sono vagamente assimilabili alle classi, e offrono potenziamenti extra pertinenti alle varie tipologie di personaggi che rappresentano (i Destini sono rappresentati come carte dei tarocchi, con il “Viandante”, il “Prodigo”, il “Guardiano” e così via).

Le Classi sono soppiantate dai Destini, che offrono vari tipi di potenziamenti extra per i personaggi - Kingdoms of Amalur: Reckoning
Le Classi sono soppiantate dai Destini, che offrono vari tipi di potenziamenti extra per i personaggi

Investendo punti esperienza in abilità legate alla Forza, per esempio, si otterranno Destini che migliorano la resistenza fisica o la potenza in varia misura. Investendo nella Magia invece, si otterranno benefici come sconti di mana e superiore potenza elementale. Distribuendo i punti fra le varie categorie, invece, si sbloccano Destini “ibridi” come quello del “Discepolo” che al danno extra elementale aggiunge un danno extra da perforazione. Alcuni portano in dote abilità esclusive, come il teletrasporto in luogo della schivata classica nel caso dal Destino ibrido “Incantalame” (sbloccato investendo in Magia e Forza). La possibilità di equipaggiare uno qualsiasi di questi Destini, in qualsiasi momento, e di combinarne così i benefici con quelli derivanti dalle specifiche abilità di Forza, Destrezza e Magia del proprio personaggio, esalta ulteriormente la duttilità del sistema di modellazione ed evoluzione messo a punto dagli sviluppatori. Cosa che, ovviamente, si traduce in una gran quantità di stili di combattimento adottabili. Infine, al di là delle abilità strettamente legate al combattimento, ne esistono altre un po' più tradizionali e che attengono a tutta una serie di attività periferiche come lo scassinamento di serrature (per facilitare l'apertura di bauli a mezzo minigioco basato sull'uso di chiavistelli), la persuasione di PNG durante i dialoghi (a scelta multipla), la furtività (nemici inconsapevoli attaccati alla spalle subiscono danni maggiori), il commercio (per comprare a meno e vendere a di più) e, dulcis in fundo, la manifattura di armi, pozioni e gemme presso le relative fucine.

Qualche imperfezione grafica (sporadici rallentamenti e pop-up) c'è, ma non è nulla al confronto di quello a cui siamo abituati nei titoli del genere - Kingdoms of Amalur: Reckoning
Qualche imperfezione grafica (sporadici rallentamenti e pop-up) c'è, ma non è nulla al confronto di quello a cui siamo abituati nei titoli del genere

A chiosare il tutto, una storia originale e intrigante (almeno nella premessa), la piacevole illusione di interferire con il corso degli eventi per mezzo di dialoghi “interattivi” (in realtà le proprie scelte sbloccano speciali “Alterazioni di Fato”, carte simili ai Destini, ma latrici di bonus permanenti cumulabili), musiche di grande atmosfera e, cosa non meno importante in giochi di tale “densità” un'interfaccia grafica di chiara lettura e rapida navigazione. Il menu delle “Cianfrusaglie” in cui riporre oggetti indesiderati da rivedere poi alla pressione di un tasto dovrebbe essere standard in ogni gioco di ruolo.

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
Kingdoms of Amalur: Reckoning è un GDR coraggioso e originale, ma al tempo stesso completo e denso di contenuti. Non mancherà di soddisfare tanto i looter quanto i fighter.

Commenti

  1. Lylot72

     
    #1
    Merita il Day-one, gameplay alla god of war, freerooming rpg, stupendo.
  2. stepkanevra

     
    #2
    Ottimo! La demo già mi aveva attizzato parecchio, la recensione altrettanto!
    Sembra il GDR fatto su misura per me, specialmente per il sistema di combattimento e per lo stile grafico.
    E lo dico da non amante del genere!

    Lo acquisterò sicuramente, non al dayOne (ormai non compro più nulla a prezzo pieno) ma più in là, moneta permettendo..

    YO!
  3. richi_one

     
    #3
    stepkanevra
    Lo acquisterò sicuramente, non al dayOne (ormai non compro più nulla a prezzo pieno) ma più in là, moneta permettendo..

    YO!

    Idem
  4. Meno D Zero

     
    #4
    bene, esattamente quello che speravo.

    un robusto action impreziosito da tante belle dinamiche gdr bello longevo e pieno di cose da fare/scoprire.

    MIO!
  5. PaulVanDyk

     
    #5
    Stai a vedere che è un fable ben fatto, come sarebbe dovuto essere... boh io dopo 160 ore di Skyrim mi chiedo: potrò reggere ancora ambientazioni di questo tipo o sarebbe meglio disintossicarsi con un bel the darkness 2 e tenere questo in canna per il futuro?
  6. Meno D Zero

     
    #6
    mi sa la seconda che hai detto paul, a me di solito capita così.
    a parte che non ho mai passato così tante ore su un singolo gioco, ma se dovessi farne subito un altro dello stesso genere di appartenenza (bè più o meno) mi verrebbe la nausea...
  7. stepkanevra

     
    #7
    PaulVanDykStai a vedere che è un fable ben fatto, come sarebbe dovuto essere... boh io dopo 160 ore di Skyrim mi chiedo: potrò reggere ancora ambientazioni di questo tipo o sarebbe meglio disintossicarsi con un bel the darkness 2 e tenere questo in canna per il futuro?
    La seconda :asd: Cioè io ho quasi finito Yakuza 3 e sto a poco meno di 40 ore di gioco. Di certo il prossimo gioco che farò non sarà Yakuza 4, rischio l'overdose! (nonostante mi piaccia molto!)


    Spezza, che è meglio!
  8. Meno D Zero

     
    #8
    una domanda per il recensore.

    si parla di mappa completamente esplorabile fin dall'inizio, questo cosa significa in termini di livellamento?
    che ci sono zone proibite dove ci asfaltano in 3 secondi da visitare in seguito belli potenziati, oppure il gioco sale di livello col giocatore?
  9. zeldatop

     
    #9
    Io l'avevo già detto dalla demo che sarebbe stato una grossa sorpresa ma i soliti "puzza sotto il naso" lo hanno descritto come "una merda"...sempre più convinto che qui dentro di videogiochi ci capiscono in pochi
  10. SixelAlexiS

     
    #10
    Bah, dal filmato della demo mi è sembrato poverissimo su moltissi fronti, combattimenti in primis... a questo punto la scarico e provo con mano.
Continua sul forum (407)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!