Genere
Azione
Lingua
Sottotitoli in Italiano
PEGI
18+
Prezzo
€ 69,90
Data di uscita
21/5/2010

Red Dead Redemption

Red Dead Redemption Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Rockstar Games
Sviluppatore
Rockstar San Diego
Genere
Azione
PEGI
18+
Distributore Italiano
Take2
Data di uscita
21/5/2010
Data di uscita americana
18/5/2010
Lingua
Sottotitoli in Italiano
Prezzo
€ 69,90
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Hardware

La nostra prima prova di Red Dead Redemption è andata in scena su Xbox 360. Il progetto di Rockstar San Diego è in arrivo (sulla carta identicamente) anche su PlayStation 3.

Multiplayer

Al multiplayer dedicheremo la prossima anteprima "hands on" di Red Dead Redemption. Stay tuned on Videogame.it!!!

Link

Hands On

Tre ore in compagnia di John Marston!

Il west di Rockstar in sella, vento in faccia e pad in mano...

di Matteo Camisasca, pubblicato il

Nel secondo, invece, pur nel contesto di un tempo rallentato, tornano in scena quelle piccole X rosse che possono essere letteralmente “pennellate” sul corpo dell’avversario, in numero che dipende dall’arma impugnata, e che vanno a definire in modo preciso e letale i punti di impatto della successiva scarica di colpi che si avrà, automaticamente, una volta attivata l’esecuzione del Dead Eye. Il concetto - pur con i dovuti distinguo e le differenti peculiarità sia nei fatti, sia nell’implementazione - ricorda in qualche modo il Mark & Execute di Splinter Cell: Conviction (e le bizzarie del caso hanno voluto che godremo infine di queste “analoghe” modalità più o meno negli stessi giorni, ad aprile 2010…).
Focalizzandoci di nuovo sul Dead Eye, in entrambi i casi va detto che si gestisce tutto in modo agevole (e nei risultati appagante) con la pressione e il movimento dello stick analogico destro e che la funzione non è infinita, anzi si esaurisce una manciata di secondi e necessita dunque di ricaricarsi.

In missione per conto del Bureau

Parliamo per un momento delle missioni che abbiamo sperimentato di persona: la prima è piuttosto canonica, ma sembra fatta apposta per introdurci gradualmente nelle dinamiche di gioco. C’è un nostro ex-collega Bill Williamson da catturare o far fuori su mandato dei nostri nuovi “capi” del Bureau: siamo nei pressi della cittadina di Armadillo, già incontrata nelle precedenti puntate, e coinvolgiamo lo sceriffo, che si rivela pronto a darci una mano. Lo seguiamo dunque a cavallo (sfruttando la comoda possibilità sopra descritta) fino al covo del ricercato e poi ci facciamo strada, col supporto dello sceriffo, mettendo a tappeto gli scagnozzi di Williamson, fino ad arrivare a lui.
L’ideale, per massimizzare la ricompensa, è catturarlo vivo e non ucciderlo: un’ottima occasione per sperimentare come sia possibile anche solo ferire un nemico (sparandogli a una gamba, per esempio) in modo da averne facilmente la meglio magari con il lazo, strumento che si è rivelato fra i più semplici, efficaci e divertenti da utilizzare: una volta presa al lazo la nostra “preda” è possibile tirarla a se, sbilanciandola e facendola cadere per terra; poi si recupera la corda e quando si è sopra al bandito con la pressione di un tasto lo si lega come un capretto, pronto per essere consegnato in mano alla giustizia.
Ben più articolata, interessante e ricca di “fuochi d’artifico” è stata invece la missione in cui dobbiamo reperire una Gatling Gun, ovvero una mitragliatrice a canne rotanti. A indicarci il luogo ove è nascosta è un Irlandese, ubriaco fradicio, personaggio - apprendiamo - già incontrato in precedenza e che ci deve un favore. Sarà lui a darci una mano gestendo la logistica della fuga con il bottino, andando a recuperare un carro, mentre noi ci faremo largo verso l’ingresso della miniera e poi nei suoi meandri, dispensando piombo a volontà. Se all’esterno è tutta questione di Dead Eye e coperture, arrivati nelle viscere della terra potremo sfruttare anche le lampade a olio che illuminano fiocamente le gallerie, colpendole da lontano libereremo il liquido facilmente infiammabile e pronto ad arrecare gran danno e dolore a chi ci sbarra la strada e si trova lì intorno.
Analoga e ancor più devastante l’utilità dei barili di esplosivo largamente presenti nella miniera: un bell’aiuto e un diversivo (ottimamente realizzato anche a livello tecnico, tra l’altro, negli effetti di esplosione e conseguenti nuvole di polvere sollevate) per mettere a tappeto i numerosi e agguerriti avversari.
Carina e diversa dal solito anche la fase alla fine si questa missione quando per uscire dalla miniera con la Gatling si utilizza un carrello, che va spinto o frenato secondo i casi.

Appagamento visivo

Accennando alle questioni tecnologiche poco sopra, conviene ampliare il discorso con alcune impressioni. Giocando con una versione distante circa quattro mesi dal debutto del gioco e quindi certamente ancora da limare e affinare, dobbiamo dire che il risultato tecnico è già oltre le aspettative: eccezion fatta per poche incertezze in termini di clipping, il gioco appare in grande spolvero. Anche quando la “quotidianità” degli spostamenti a cavallo vorrebbero instillare nel giocatore il dubbio di un’erba che a un tratto sembra sempre la stessa o di un fondale un po’ spoglio, ecco che il gioco è subito pronto a smentire ogni sostanziale punto di domanda, per esempio con una vegetazione che progressivamente muta in modo naturale e si arricchisce in varietà e dettaglio oltre ogni aspettativa. Si capisce allora, mentre magari a cavallo si giunge alla cima di un crinale e si ammira il panorama sconfinato in attesa solo di essere esplorato, che il lavoro compiuto da Rockstar San Diego è tutt’altro che di rimessa. Nella nostra prova, poi, abbiamo goduto nuovamente dell’imbrunire e dell’arrivo della notte e rimane confermato quanto detto nel precedente incontro sulla mirabile maestria degli sviluppatori nel rendere così viva, bella e mutevole la luce ambientale che ammanta il mondo di gioco.

Lavoretti da vecchio west

La notte ci dà il “la” per accennare infine alle attività collaterali: oltre agli eventi non scriptati in cui siamo incappati più di una volta (e dove sovente è necessario prendere una decisione sulla parte da cui schierarsi, che ha ripercussioni poi sull’Onore e sul nostro status o meno di Ricercato), il gioco, un po’ come accade in GTA, istituzionalizza diverse attività “collaterali”. Non ci riferiamo solo ai minigame come il Poker o il Five Finger Fillet (visto nel nostro primo incontro e sperimentato a questo giro – richiede come nella realtà velocità e tempismo) ma a veri e propri lavori “alternativi”.
Per fare un esempio, giunti di notte alla cittadina dove vive Bonnie, altro personaggio già incontrato nel primissimo appuntamento col gioco, possiamo recarci dallo sceriffo. Egli, dotandoci per lo scopo di un lesto cane da guardia, ci affida il compito di pattugliare la città, e dobbiamo essere pronti a sedare i problemi in cui incappiamo e per i quali il nostro amico a quattro zampe ha un fiuto pazzesco. Piccoli furti, scazzottate da fermare e altre cose di questo genere ci mettono alla prova sia col combattimento corpo a corpo, sia col lazo in dotazione: abbiamo trascorso così una decina di minuti spensierati, accorrendo da una parte all’altra della cittadina, nell’attesa che la nottata passasse. Divertente, non c’è che dire!

Quella dannata sensazione…

Arrivando alla conclusione dell’articolo, raccontiamo un attimo di come abbiamo concluso il nostro “hands on” in una mezz’ora di totale “follia virtuale” in cui abbiamo deciso di darci al crimine sfrenato, accumulando in breve tempo una taglia da svariate migliaia di dollari sulla nostra testa. Rammentando che per uscirne è anche possibile pagarla in città, se abbiamo il denaro necessario, o anche compiere azioni eroiche che ristabiliscano l’Onore perduto, dobbiamo dire per il momento che abbiamo compreso come fare i criminali sarà da un lato più “facile”, ma dall’altro dannatamente più difficile, perché molti di quelli in cui incapperemo (e il mondo è ben vivo, l’abbiamo detto più volte) saranno uomini di legge, cacciatori di taglie o semplicemente gente che sarà interessata a riscuotere il denaro che pende sulla nostra testa. Insomma, anche in Red Dead Redemption la vita da fuorilegge è un affare senza pace, sempre in fuga a rotta di collo, sempre col cuore in gola.
In quest’ultima fase di “hands on”, abbiamo comunque constatato come ci siano “gare”, all’interno del gioco, anche un po’ meno sul filo del rasoio: la caccia agli uccelli o gli animali da pelo da scuoiare hanno i propri bravi ranking da scalare, come provetti cacciatori della frontiera americana.
Chiudiamo qui, dopo oltre quindicimila battute, con la sensazione di non aver detto nulla, o non abbastanza: del resto l’abbiamo già capito, un gioco come Red Dead Redemption merita solo di perdersi nelle sue praterie, in sella, col vento in faccia e il joypad in mano…
Appuntamento sempre su Videogame.it al prossimo “step” d’anteprima: il tema annunciato sono le modalità multigiocatore!


Commenti

  1. |Sole|

     
    #1
    Imperdibile anteprima giocata di Red Dead Redemption!
  2. utente_deiscritto_27962

     
    #2
    chi ha giocato a Grand Theft Auto IV troverà numerose similitudini


    Avevo visto giusto e rosico perchè dovrò aspettare per il mio personale Hands-on... :(

    Tra le X e il Bullet Time forse preferirei il secondo.
    Voi che lo avete provato che ne pensate?

    Carino per il resto (vedi l'utilizzo del cavallo), sembra veramente curato bene.
  3. Darkangel ITA

     
    #3
    Le x al rallentatore non sono una novita'. C'e' un altro gioco western che usa la stessa tecnica, non ricordo il nome, giocai alla demo su x360 l'estate scorsa.
    Cmq, GTA4 nnon mi e' piaciuto ( arrivato solo al 30% e rivenduto ), ma questo rischia di tenermi incollato allo schermo per parecchie ore...anche solo per scorrazzare a cavallo per le praterie.. :)
  4. the TMO

     
    #4
    http://next.videogame.it/red-dead-redemption/video/5102/#media

    e questo qui? :)
    ascoltare per bene la parte della fisica, sto gioco lo voglio ORA.

    [Modificato da Matteo Camisasca il 28/01/2010 20:17]

  5. RikuX7

     
    #5
    R+ Spacca come sempre, ormai sinonimo di qualità eccelsa. (si sono un FB)
  6. utente_deiscritto_27962

     
    #6
    the TMO ha scritto:
    http://next.videogame.it/red-dead-redemption/video/5102/#media
    e questo qui? :)
    ascoltare per bene la parte della fisica, sto gioco lo voglio ORA.


    Notevole, veramente notevole.

    Hanno aggiornato il sito ufficiale: http://www.rockstargames.com/reddeadredemption/

    [Modificato da Matteo Camisasca il 28/01/2010 20:18]

  7. Matteo Camisasca

     
    #7
    Segnalo il nuovo video in-game sottotitolato in ITA
    http://next.videogame.it/red-dead-redemption/video/5102/#media
  8. robbe_881

     
    #8
    lo voglio adesso! :sbav:
  9. Joe

     
    #9
    Fantastico, in pratica è un GTA ambientato nel vecchio west :O
  10. Delafondia

     
    #10
    Questo e Heavy Rain sono già da tempo nella mia wish list. Sto a posto per il primo semestre. Questi due giochi me li voglio godere senza altre distrazioni, soprattutto Red Dead Redemption.
Continua sul forum (162)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!