Genere
Azione
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
16+
Prezzo
39,90 Euro
Data di uscita
31/3/2006

Resident Evil: Deadly Silence

Resident Evil: Deadly Silence Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Capcom Europe
Sviluppatore
Capcom
Genere
Azione
PEGI
16+
Distributore Italiano
Nintendo Italia
Data di uscita
31/3/2006
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
4
Prezzo
39,90 Euro

Link

Speciale

Fratelli minori

L’orrore arriva sul piccolo schermo

di Francesco Alinovi, pubblicato il

Un ultimo cenno in questa lunga carrellata di spin-off meritano le trasposizioni tascabili, che da sempre si sono dovute scontrare con la spettacolarità delle immagini (ricche di dettaglio, per quanto statiche) della controparte “maggiore”. I limiti tecnici dei formati portatili, nella fattispecie il Game Boy, hanno infatti rallentato l’ascesa di Resident Evil sul mercato dei giochi da asporto, di fatto lasciando sempre disattese le aspettative dei fan della serie, anche con clamorose “sparizioni”. A cavallo del nuovo millennio, infatti, viene presentata alla stampa la versione per GameBoy Color del primo Resident Evil, realizzata dal team inglese HotGen Studios e cancellata nel maggio del 2000 perché incapace di rendere giustizia al gioco originale. Prende il suo posto Resident Evil Gaiden, un tentativo imbarazzante di rendere portatile la gloriosa saga e di innescare l’orrore con irriconoscibili manciate di pixel. Il gioco presenta Barry Burton come protagonista principale, infiltrato a bordo di una nave contaminata dal virus-T, sulle tracce di Leon Kennedy e di un’altra superstite chiamata Lucia.

Resident Evil Gaiden: un bel pasticcio di pixel informi - Resident Evil Gaiden
Resident Evil Gaiden: un bel pasticcio di pixel informi

Per poter stringere tra le mani una resa decente su uno schermo da pochi pollici occorre attendere il Nintendo DS. Per celebrare il decennale di Resident Evil, Capcom pubblica l’ennesimo remake, sottotitolato per l’occasione Deadly Silence… Questa trasposizione in miniatura del classico del 1996 non ha nulla da invidiare dal punto di vista tecnico alla versione originale (quella per PSone, intendiamoci). Sono stati inseriti nuovi enigmi che richiedono l’impiego del touch screen, e inoltre, quando si combatte con il pugnale, è possibile infliggere i danni tracciando le traiettorie con lo stilo.
Sul fronte portatile, nella fattispecie mobile, si segnalano anche, più che altro per offrire una panoramica completa, i due giochi per cellulare Resident Evil Genesis e Resident Evil Uprising, realizzati dalla filiale canadese di Capcom. Si tratta di riedizioni in versione isometrica rispettivamente del primo e del secondo episodio della serie, pubblicate a distanza di un anno nel 2008 e nel 2009.

Resident Evil Deadly Silence ripropone intatto il fascino della prima incarnazione del male - Resident Evil: Deadly Silence
Resident Evil Deadly Silence ripropone intatto il fascino della prima incarnazione del male

Sempre nel 2008, per lo sfortunato Nokia N-Gage, e successivamente in una conversione per formato iOS, esce Resident Evil: Degeneration, sviluppato per Capcom da Ideaworks3D, che usa un’interfaccia simile a quella di Resident Evil 4 (ovviamente con le dovute proporzioni!) per raccontare gli eventi del film in CG uscito lo stesso anno, mettendo i giocatori nei panni di Leon Kennedy, giunto nell’aeroporto in preda al delirio portato dal contagio. La mala sorte che accompagna le trasposizioni tascabili dell’orrore di Capcom ha contagiato anche PSP, dato che da un po’ di tempo si è smesso di parlare di Resident Evil Portable, un gioco completamente nuovo (nulla a che vedere con le versioni per App Store di Resident Evil 4), le cui ultime notizie certe risalgono all’E3 del 2009, quando venne presentato come esclusiva per la piccola di Sony. Speriamo che migliore fortuna tocchi alla coppia di giochi per 3DS e che il titolo rimasto in sospeso per PSP possa ricomparire sul nuovo formato di Sony, vi rimandiamo all'altro articolo pubblicato oggi per una panoramica sui progetti paralleli in uscita nei prossimi mesi.


Commenti

  1. mauriziorpg75

     
    #1
    resident evil per gamecube e' un capolavoro assoluto.... quando giocai alla versione psx gia' gridai al miracolo per come "rendeva" la villa ....:" this mansion is gigantic".. ma quando vidi le prime foto del "remake" su cubo davvero la mascella mi cadde per terra ... onore al capolavoro
  2. Jet Black

     
    #2
    Ho comprato il Cubo solo per il remake del primo RE, e già che c'ero ho preso lo 0 e il 4. Capolavoro assoluto con la grafica pompata, e non ha perso il minimo di atmosfera.
  3. falinovix

     
    #3
    Il remake di RE è un gioco obbligatorio (cioè che va giocato a tutti i costi) e anche io mi sono comprato il cubo, ovviamente nero, per rigiocarmi tutti i RE più lo 0 in attesa del 4...
  4. Zendo

     
    #4
    Jet BlackHo comprato il Cubo solo per il remake del primo RE, e già che c'ero ho preso lo 0 e il 4. Capolavoro assoluto con la grafica pompata, e non ha perso il minimo di atmosfera.

    pur'io sapendo che qualche nintendaro sfegatato amico mi avrebbe perculato e non capito...non importa...alla fine ho giocato il quarto in tutte le salse ,pure su ps2 con gli extra..e gli altri 2 appunto sul cubetto
  5. roccy

     
    #5
    L'articolo dedica l'attenzione ai spin off della saga, a mio parere, avendoli giocati tutti in modo più o meno approfondito, gli imperdibili per i fan e non sono, The umbrella chronicles (per me molto meglio del secondo) e Resident evil deadly silence per ds (ottimo remake portatile). Gli outbreak rimangono dei bellissimi esperimenti clamorosamente falliti. Il death aim è un discreto prodotto, il resto è roba marrone fumante.
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!