Genere
Sparatutto
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
23/3/2012

Resident Evil: Operation Raccoon City

Resident Evil: Operation Raccoon City Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Capcom
Sviluppatore
Slant Six Games
Genere
Sparatutto
Data di uscita
23/3/2012
Data di uscita americana
20/3/2012
Speciale

L’orrore si reinventa online

Tanto multiplayer in un Resident Evil... diverso.

di Francesco Alinovi, pubblicato il

Se c’è una cosa che il quinto capitolo di Resident Evil ha saputo dimostrare è che ormai la saga creata nel 1996 ha sparato le sue cartucce migliori. Come tutti ormai saprete, una storia ben congegnata e personaggi di spessore non sono mai stati una priorità per gli autori del primo capitolo, ed è così che, per stare in piedi, i vari seguiti hanno dovuto cercare di ricucire le trame di una vicenda piuttosto esile, diventata all’improvviso più intricata di una ragnatela. La necessità di tappare i buchi ha portato a continue riletture dello scenario originale, in modo da colmare i vuoti nella successione degli eventi principali. L’epilogo del quinto capitolo, poi, ha in un certo senso compromesso lo sviluppo della saga verso scenari futuri “interessanti”, liquidando, in senso letterale, la minaccia più consistente alla sopravvivenza degli eroi.

revisionismo storico

Prima di ridursi a proporci uno scenario fantascientifico in cui i cloni di Wesker hanno invaso il mondo, Capcom ha deciso di rivisitare il passato, riportandoci indietro al 1998, quando il Virus-T ancora dilagava per le strade di Raccoon City, prima che l’area venisse bonificata dalle testate nucleari. Fuggiti da tempo gli esponenti più in vista del team di sviluppo che ha dato origini alla saga, Capcom ha pensato bene di affidare la rilettura degli ultimi istanti di vita di un’intera città a una nuova software house, Slant Six Games, già responsabile dell’engine di Syphon Filter su PSP e di tre capitoli nel franchise di SOCOM. Date le credenziali, ed analizzati i materiali presentati alla stampa sinora, è facile farsi un’idea di quello che ci attende in Resident Evil Operation Raccoon City. Mostrato dal vivo per la prima volta alla stampa al Captivate, l’evento di presentazione della nuova line-up, Operation Raccoon City si è rivelato un prodotto originale per l’universo horror di Capcom, che non fa della continuità il suo punto di forza (nel trailer Leon viene eliminato con un colpo in mezzo agli occhi) e che inevitabilmente ha scelto di pescare da altri titoli di successo nel panorama del tiro allo zombi (Left 4 Dead e relativo seguito su tutti) gli elementi di forza per dare nuova linfa alla serie. Insomma, non aspettatevi un Resident Evil 6: in Operation Raccoon City è addirittura possibile muoversi mentre si prende la mira!

Gli zombi non sono un problema per Leon, ma riuscirà a tenere "testa" ai mercenari della Umbrella? - Resident Evil: Operation Raccoon City
Gli zombi non sono un problema per Leon, ma riuscirà a tenere "testa" ai mercenari della Umbrella?

Il gioco, pensato da subito con l’online in testa, vede la cooperazione di quattro giocatori nella modalità principale: si tratta di agenti della Umbrella Corporation, slegati per le strade di Raccoon City per dare la caccia ai membri della STARS e nascondere le prove del coinvolgimento dell’azienda. Quando non ci sono altri tre giocatori a fare compagnia al nostro simulacro, ci penserà il sistema di I.A. A farci da scorta nella nostra azione di pulizia e depistaggio. Le classi a cui appartengono le forze paramilitari della Umbrella sono piuttosto classiche nel genere: Beltway è il demolitore del gruppo, con le sue mine a distanza tiene lontani gli avversari più cocciuti; Bertha è in grado di curare e resuscitare i compagni caduti, e di usare i suoi kit medici per potenziare le proprie abilità; Spectre ricorre a varie tecnologie per identificare ed eliminare i bersagli e, infine, Vector, capace di rendersi invisibile agli avversari, è quello da mandare sempre in avanscoperta.
Se fino a questo momento siamo ancora nei meandri dell’ordinario, il divertimento arriva quando in città compaiono gli zombi e le altre mutazioni del Virus-T. Questa variabile crea di fatto tre forze sul campo: Umbrella, STARS e mostri, in lotta tutti contro tutti. Hunter e Licker faranno compagina ai cadaveri ambulanti, così come saranno frequenti le comparsate del Tyrant, nelle spoglie del famigerato Mister X.

L'esercito dei mostri costituisce una terza forza in campo  - Resident Evil: Operation Raccoon City
L'esercito dei mostri costituisce una terza forza in campo

L’aspetto più interessante è dato dal fatto che le creature, zombi compresi, sentono l’odore del sangue e si buttano sulla preda ferita: quindi, da un punto di vista strategico, conviene ferire l’avversario per sbarazzarsi contemporaneamente delle orde di non morti che ci stanno alle calacagna! Da queste premesse si intuisce come tale appetito possa diventare un elemento cruciale per ribaltare le sorti nelle modalità multiplayer non cooperative, quando in gioco c’è la propria salvezza a scapito di quella di tutti gli altri utenti.
Dal punto di vista tecnico, volendo concedere la possibilità di miglioramento data la lontananza dell’uscita, l’engine fa il suo dovere senza strafare, ma poco importa: ciò che effettivamente conta, dato il tipo di esperienza, sarà la fluidità dell’azione online. Per valutare queste e altre problematiche, l’appuntamento è rimandato all’autunno e, con tutto il cuore, auguriamo a Six Slant Games di riuscire a spezzare la catena di mediocrità che tiene insieme gli spin-off della saga principale.


Commenti

  1. Marco Tamma

    #1
    Innanzitutto ringrazio i GENI della REDAZIONE che nel secondo paragrafo spoilerano la morte di Leon...complimenti vivissimI! ( e mi fermo qui perchè poi partirebbero le ingiurie che vi meritate!)

    Per il resto...bè, io personalmente adoro i due Left 4 Dead ma Resident Evil era una cosa a parte (fino al 2 almeno)! Era un gioco pensato per il single player in cui il giocatore era immerso da solo (o quasi) in quel mondo horrorifico tipico dei titoli capcom....
    ...poi si è arrivati a Resident Evil 5 che è una gagata mostruosa insieme al 4.

    Ora leggendo "Raccon" nel titolo si era risvegliata in me la scimmia morta da tempo per un degno successore del capitolo 2°. Ma arrivato alla fine della lettura l'ho strangolata di nuovo (la scimmia) e l'ho sepolta ben bene, sperando che un giorno si risvegli zombie e mi regali un VERO Resident Evil!

    Amen!
  2. giopep

     
    #2
    Ciao Marco, due cose sullo spoiler:
    1. abbi pazienza se non ci facciamo problemi a citare una cosa che viene mostrata da Capcom stessa nel trailer ufficiale;
    2. ad ogni modo, nel caso specifico non si tratta di uno spoiler, è semplicemente una roba che può accadere in un gioco multiplayer. Sarebbe come dire che è uno spoiler segnalare che i protagonisti di Left 4 Dead, o magari Marcus Fenix di Gears of War, muoiono se gli umani perdono la partita. Del resto, ti pare possibile che ci sia una morte "ufficiale" di Leon in un gioco ambientato ai tempi di Resident Evil 2? Scombinerebbe tutta la cronologia degli eventi. :)
  3. SixelAlexiS

     
    #3
    Spoiler !!!


    :'D
  4. giopep

     
    #4
    (A margine, definire gagata mostruosa Resident Evil 4 mi pare un po' un azzardo. Capisco benissimo che possa non piacere ai fan della serie, e in quel senso anche a me un po' dispiace che si sia perso per strada il RE classico, però è e rimane un gran gioco)
  5. Great75

     
    #5
    Leon E' un obiettivo da eliminare nel gioco! E' stata la prima cosa che quelli della Capcom hanno detto: riscrivere la storia...pur non essendo un vero e proprio RE.
  6. V-JOLT_

     
    #6
    spero non venda nulla, altrimenti i prossimi saranno tutti come questo.
  7. Marco Tamma

    #7
    V-JOLT_spero non venda nulla, altrimenti i prossimi saranno tutti come questo.

    Sono d'accordissimo con te...su tutta la linea.
  8. Great75

     
    #8
    Proprio non vi capisco ragazzi! Capcom ha detto chiaramente che questo non vuole essere un RE! Questo è uno shooter in terza persona che non ha niente a che vedede con RE! Anzichè presentare un nuovo IP, Capcom ha preferito utilizzare elementi ed ambientazioni "familiari"...io mi auguro invece che esca un gran bel gioco, così da non maledire i soldi spesi...
  9. Gidus

     
    #9
    Come dire: "dai facciamo l'ennesimo sparatutto multiplayer sugli zombie che ora vanno tanto di moda...visto che ci siamo schiaffiamoci di peso i personaggi di RE così vendiamo di più agli irruducibili che comprano qualsiasi cosa con questo marchio: intanto ci teniamo buoni i fan scandalizzati dicendogli che non è un capitolo ufficiale"

    Boh, passo molto molto volentieri.
  10. utente_deiscritto_148337

     
    #10
    Speciale Resident Evil:Quante forme ha l'errore?

    Diverse svariate. :))
Continua sul forum (25)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!