Genere
Avventura
Lingua
Inglese
PEGI
ND
Prezzo
5,49 euro
Data di uscita
24/7/2014

Revolution 60

Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Genere
Avventura
Data di uscita
24/7/2014
Lingua
Inglese
Giocatori
1
Prezzo
5,49 euro

Lati Positivi

  • Buona narrazione
  • Finali multipli
  • Pregevole sistema d'interazione

Lati Negativi

  • Troppi QTE
  • Fasi di combattimento non esaltanti
  • Direzione artistica poco convincente

Hardware

Revolution 60 è disponibile su iPhone e iPad dal 24 luglio.

Multiplayer

Il titolo non presenta alcuna opzione multiplayer ma solo una campagna single-player.

Modus Operandi

Abbiamo testato Revolution 60 su iPad grazie a un codice per App Store fornitoci da Plan of Attack.
Recensione

Potere alle donne

Una sorprende avventura grafica tutta al femminile sbarca su iPad.

di Davide Persiani, pubblicato il

Che le avventure grafiche non riescano più a esercitare sul pubblico l'appeal di un tempo non è certo un mistero per nessuno, ma allo stesso tempo è impossibile non rendersi conto di come il genere stia lentamente riconquistando parte della sua antica popolarità. Gran parte del merito è chiaramente dovuto al crowdfunding, divenuto ormai una fonte inesauribile di pura originalità videoludica, ma in questo senso anche l'ascesa dei dispositivi mobile, quali appunto tablet e smartphone, ha avuto il suo peso.

Molti sono stati infatti i titoli a vivere una seconda giovinezza sui dispositivi targati Apple, e altrettanti sono stati i prodotti che hanno preso vita proprio grazie all'incredibile diffusione di questo genere di dispositivi, e Revolution 60 rientra proprio in quest'ultima categoria. Sviluppato da Giant Spacekat, piccola software house emergente, il titolo è sbarcato su iOS piuttosto in sordina, ma sono bastate poche settimane perché facesse parlare di sé, suscitando tra gli amanti del genere un certo entusiasmo. Tale entusiasmo sarà tuttavia giustificato? Ci siamo armati di iPad per scoprirlo!

Gran parte dell'avventura ruota intorno alla figura di Holiday, prima di quattro improbabili eroine che compongono la squadra di spie. - Revolution 60
Gran parte dell'avventura ruota intorno alla figura di Holiday, prima di quattro improbabili eroine che compongono la squadra di spie.

CHARLIE'S ANGELS PORTATILI

Incentrato sulle vicende di una squadra di spie composta esclusivamente da donne le quali si trovano a combattere per la propria vita a bordo di una stazione spaziale, Revolution 60 propone un'avventura di stampo fantascientifico dal concept molto particolare. L'esperienza si fonda infatti principalmente sulla narrazione, dedicando ampio spazio all'interazione fra le protagoniste, ma la progressione è impreziosita anche da un gameplay piuttosto convincente oltre che da un'infinità di QTE volti ad arricchire il susseguirsi degli eventi lungo tutto il corso delle circa 3 ore di gioco proposte.

Sebbene non risulti particolarmente convincente (o ispirato) sotto il profilo stilistico, con modelli poligonali di scarso impatto, animazioni legnose e, più in generale, un'atmosfera dal sapore molto (forse troppo) retrò, Revolution 60 garantisce dunque più di qualche stimolo, e questo soprattutto grazie a un sistema d'interazione che permette di scegliere liberamente quale approccio adottare per relazionarsi con gli altri personaggi in svariate situazioni di gioco.

Le fasi di combattimento non risultano particolarmente esaltanti, ma possono comunque regalare parecchie soddisfazioni con il passare del tempo. - Revolution 60
Le fasi di combattimento non risultano particolarmente esaltanti, ma possono comunque regalare parecchie soddisfazioni con il passare del tempo.

Scegliendo fra un approccio professionale e uno più sfacciato è infatti possibile rafforzare o logorare i rapporti con le altre protagoniste con grande facilità, ma nonostante si abbia spesso la sensazione che le proprie scelte non producano particolari effetti sull'evoluzione della storia, la realtà dei fatti è che ogni scelta, anche quella apparentemente più banale, ha un suo peso ben preciso che determina precise conseguenze narrative, conducendo verso uno dei diversi finali disponibili.

In termini di gameplay il titolo propone meccaniche non certo innovative o originali, ma ciò non toglie che denoti comunque una discreta profondità visto che le fasi di combattimento si svolgono all'interno di una sorta di scacchiera, in cui il posizionamento del personaggio di turno e la pianificazione delle proprie mosse in relazione ai movimenti dell'avversario rappresentano la chiave del successo. L'unico modo per poter colpire un nemico è infatti quello di allinearsi con quest'ultimo, ma così facendo il rischio è anche quello di essere colpiti, e questo si traduce nella necessità di dar vita a costanti (e in alcuni casi tediosi) balletti che possono durare anche più di un paio di minuti.

Il sistema d'interazione è senza dubbio l'elemento più riuscito dell'intera produzione. Le conseguenze di molte scelte possono infatti rivelarsi piuttosto imprevedibili. - Revolution 60
Il sistema d'interazione è senza dubbio l'elemento più riuscito dell'intera produzione. Le conseguenze di molte scelte possono infatti rivelarsi piuttosto imprevedibili.

Combattere, dunque, non rappresenterà di certo una fonte inesauribile di stimoli, e lo stesso dicesi per i tanti QTE proposti nel corso dell'avventura che potrebbero alla lunga risultare un po' fastidiosi, ma per quanto possa sembrare strano, tutto questo non pregiudica la qualità dell'esperienza in maniera significativa. Complice una longevità piuttosto contenuta, la ripetitività e la scarsa originalità di molte attività finiscono infatti col pesare in maniera relativa, senza intaccare più di tanto una progressione che, in virtù di una narrazione ben strutturata e ricca di diverse sorprese, è pienamente in grado di appassionare lungo tutto il corso dell'avventura.

La presenza di finali multipli assicura infatti una rigiocabilità superiore alle più rosee aspettative, e se a questo aggiungiamo la promessa degli sviluppatori di rendere Revolution 60 il primo episodio di una trilogia (permettendoci così di trasferire le decisioni prese in questo titolo anche nei successivi) i motivi per esplorare tutte le possibilità messe a nostra disposizione non mancano di certo.

Voto 3 stelle su 5
Voto dei lettori
Revolution 60 si svela un titolo convincente che, pur con un comparto grafico non certo all'avanguardia e una progressione troppo ripetitiva, riesce comunque ad assicurare ai giocatori parecchie soddisfazioni grazie al comparto narrativo di ottimo spessore. Non siamo di fronte a un capolavoro, né a un prodotto in grado di ridefinire il genere di appartenenza, ma ciò non toglie che il team di sviluppo abbia comunque gettato ottime basi per il futuro.

Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!