Genere
Guida
Lingua
ND
PEGI
7+
Prezzo
ND
Data di uscita
30/3/2012

Ridge Racer Unbounded

Ridge Racer Unbounded Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Bandai Namco
Sviluppatore
Bugbear Entertainment
Genere
Guida
PEGI
7+
Data di uscita
30/3/2012

Hardware

La versione presentata a Los Angeles era quella per Xbox 360, ovvero la stessa presentata poco prima a Dubai. Il motore proprietario Bugbear garantirà le stesse prestazioni anche sulle altre piattaforme previste, PC e PS3.

Multiplayer

Non mancherà un ricco comparto multigiocatore, sia online che in rete locale.

Modus Operandi

Abbiamo assistito alla presentazione a porte chiuse di Ridge Racer Unbounded presso il booth di Namco Bandai, ma non è stato possibile provare il gioco con mano.  

Link

Eyes On

Demolition Racer

Una parentesi distruttiva per il classico di Namco.

di Lorenzo Antonelli, pubblicato il

Esistono delicati meccanismi e funzionamenti che per nulla al mondo bisognerebbe andare a stravolgere, specialmente se si parla di Riiidge Raaaceeer. Aprirgli il cofano e armeggiare con i suoi ingranaggi, in pratica, non dovrebbe essere permesso ad anima viva e neppure ai ragazzi di Bugbear, sebbene artefici dei prodigiosi (e mai abbastanza lodati) FlatOut. Insomma, agli occhi del purista svezzato in grembo al vecchio cabinato di Ridge Racer, la libera reinterpretazione della pietra miliare di Namco che i finlandesi stanno per restituire al mondo dei videogiochi potrà sembrare certamente roba sacrilega. Ma quantunque affezionato sia il ricordo dei fasti d'un tempo, converrà mettersi l'animo in pace e accettare che il vecchio Ridge Racer s'è preso una pausa di riflessione da se stesso e per il momento ha cambiato radicalmente forma. Si tratta solo di una parentesi, ha tenuto a precisare Joonas Laaksso di Bugbear, ma è evidente che la nuova versione Unbounded vada addirittura oltre il restyle o il reboot, in nome di una rinascita sostanziale, che vorrebbe svecchiare il vecchio concept di Namco, e invece finisce per assomigliare un po' troppo a un Burnout e a un rullo compressore messi assieme. Se non altro, sarà un Ridge Racer che piacerà sicuramente alle nuove generazioni, che se non possono distruggere qualcosa non sono mai contente.

DISTRUZIONE TOTALE

Tutto ruota attorno alla spettacolare distruzione degli elementi di sfondo dei tracciati, ambientati all'interno di città tanto fittizie (quella che è stata mostrata era la città di Shadow Bay, ma gli sviluppatori assicurano che il prodotto finito vanterà migliaia di tracciati di gara) quanto friabili. Ogni derapata, ogni sorpasso e ogni takedown vanno a caricare una barra di energia distruttiva (Destruction Power), che serve per tuffarsi a capofitto all'interno di palazzi o altri mastodontiche strutture di cemento, alla ricerca di vere e proprie scorciatoie. Tra i numerosi detriti prodotti, le rovine dei fondali modificano la viabilità e provvedono a rallentare anche gli altri concorrenti (si pensi a un pilone di cemento che blocca l'accesso di una galleria), che si ritrovano a dover zigzagare sulla carreggiata. Sebbene non sia stato possibile provare il gioco con mano, un particolare di gran pregio risiede senza dubbio nell'ottimo sistema di derapata, che sembra agevolare il controsterzo e la conduzione di curva più funambolica che ci sia.

MUSCLE CAR DA SFONDAMENTO

Sincere lodi vanno infine riservate al solido e imponente motore grafico, che riesce a correre fluido e ben dettagliato anche nel bel mezzo di un'apocalisse a quattro ruote. L'impatto visivo è fenomenale, ancor più ricco, curato e dettagliato rispetto a quanto era già stato mostrato durante l'evento di Dubai. E come se non bastasse, l'ottimo sistema d'illuminazione impreziosisce il colpo d'occhio, mentre i modelli poligonali delle vetture (tutte muscle car di fantasia) risultano soddisfacenti e ben in linea con il rinnovato carattere del titolo.
Eppure, al di là di tutti i richiami e delle palesi ispirazioni tratte da altri racing game contemporanei, resta il fatto che il clou del nuovo Ridge Racer Unbounded risiede interamente nella sua spettacolarità distruttiva, che incomincia con un semplice takedown contro un lampione e finisce per radere al suolo l'intera città che ospita il tracciato di gara. Dunque, bando agli isterismi di tutti gli incalliti nostalgici, sarà il caso di ripetere ancora una volta che quella diretta e prodotta da Bugbear è solo una parentesi e Ridge Racer non finisce di certo così: in futuro ce ne saranno altri, puramente giapponesi e classici fino al midollo. Nell'attesa di un ritorno alle origini, la distruzione a quattro ruote sembra essere un eccellente modo per ingannare il tempo e il divertimento.


Commenti

  1. evil_

     
    #1
    a morte! a morte!
  2. jpeg

     
    #2
    Senza isterismi, passo volentieri la mano. :P
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!